toba60

La Differenza tra “Stile” e Tecnica Corretta

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Quello della tecnica di corsa e’ un aspetto che, ”dite la veritá, pochi considerano”, eppure la diferenza tra chi va forte, fatica meno e sopratutto si gode in pieno del piacere del movimento rispetto a quelli che si mettono le scarpe alle stragua di un operaio in fabbica che timbra il cartellino e’ tutta concentrata in questa variabile che purtroppo pochi fanno propria.

Non vi dovete preoccupare, c’e sempre tempo per tutto, se qualcuno vi dice che in eta’ avanzata non si puo’ fare nulla, dovete fare due cose, non ascoltarlo, oppure fate una visita qua dentro per consolidare un idea alternativa che e’ mio desiderio condividere con voi.

Oggi con gli anni sono quello che viene definito un ”tapascione”, uno di quelli che se salta un giorno di corsa il virus lo crea da solo per astinenza anche stando isolato in mezzo al desetro.

Voi che state leggendo questo articolo siete presi come me immagino e con tutta la solidarieta’ che si conviene con chi condivide questa passione, invito tutti a non sottovalutare l’importanza di ”Correre Bene”.

Toba60

Sempre di Corsa ma al Vostro Fianco

Tecnica di Corsa

Alcuni corridori hanno uno stile morbido, altri sono goffi. Alcuni colpiscono forte il terreno, altri hanno un atterraggio molto morbido. Alcuni corridori sono economici, altri sprecano energia. Alcuni alzano le ginocchia, altri si trascinano. Alcuni corridori si piegano in avanti, altri corrono in posizione verticale.

Puoi trovare corridori con tutte queste caratteristiche diverse nella stessa corsa, ma quale sia la “forma” migliore di solito è deciso da chi vince. Tendiamo a copiare i vincitori e di conseguenza ignoriamo quella che potrebbe essere una tecnica più efficace per ogni individuo.
È semplice dire che ognuno ha il proprio ritmo e gestisce il proprio stile. In una certa misura, questo è vero. Il tuo corpo può decidere cosa “ti fa sentire meglio”. Tuttavia, questa potrebbe non essere sempre la migliore tecnica per la velocità. Il motivo è che non sei nato con una corretta tecnica di corsa, deve essere appresa.

Le basi

I corridori sono spesso discussi in termini di stile. Lo stile è una caratteristica individuale e non dovrebbe essere usato come misura di quanto bene corri.

Lo stile si riferisce a se incroci le braccia davanti al tuo corpo o se le porti verso l’alto o da un lato. Lo stile si riferisce anche a come alzi le ginocchia e ad altre caratteristiche fisiche.

Mentre ognuno ha il proprio stile, ci sono elementi di base che ognuno deve avere per la tecnica di corsa più efficace. Solo così puoi avere le tecniche corrette che garantiscono una corsa sicura e produttiva. Il modo in cui questi elementi di base vengono eseguiti può ancora essere una questione individuale.

Ad esempio, considera il colpo di dritto nel tennis. Se osservi alcuni giocatori, vedrai che il loro swing all’indietro porta la racchetta su e indietro, mentre altri la riportano al livello del terreno. Altri ancora abbassano la racchetta e la riportano indietro con un movimento subdolo. Ma l’elemento chiave è che tutti portano la racchetta in avanti perpendicolarmente al suolo quando colpiscono la palla (tranne quando mettono un topspin sulla palla). Di conseguenza, tutti i giocatori fanno buoni tiri perché le loro racchette stavano facendo la cosa giusta quando le palline sono state colpite. Questa è una buona tecnica.

Lo stesso concetto si applica alla corsa. Ci sono alcune cose che devi fare, mentre altre possono essere fatte nei molti modi che determinano il tuo stile.

Un elemento chiave della corsa che mostra molte differenze tra i corridori è l’appoggio (o footstrike), che è il modo in cui il tuo piede entra in contatto con il suolo. Alcuni corridori atterrano con la punta dei piedi mentre altri atterrano col piede piatto. Altri atterrano sui talloni.

Con alcune eccezioni, i velocisti di solito atterrano con la punta dei piedi. Gli atterraggi piatti sono più comuni nei corridori di media distanza (da due a tre miglia). Gli atterraggi sul tallone tendono ad essere standard per i corridori di lunga distanza.

strength and toning equipment

L’elemento chiave che rende tutti questi atterraggi sicuri ed efficaci è il pawback. Pawback è il nome dato al movimento in cui si riporta indietro il piede appena prima del contatto con il suolo. Il termine deriva dalla mossa che un gatto fa su un tiragraffi. Se guardi, vedrai i gatti allungarsi verso l’alto e verso l’esterno lentamente e poi tirare verso il basso, forte e veloce, per afferrare il palo.
Nella corsa, porti la gamba oscillante in alto e davanti al tuo corpo, quindi riportala indietro per l’atterraggio. Lo fai per un motivo importante; riduce la forza frenante del tuo atterraggio. Tieni presente che quando viaggi in avanti il ​​tuo corpo ha inerzia (o slancio) come un volano. Ciò significa che mentre il tuo corpo è in movimento, continuerà in quella direzione a meno che non sia impedito da qualche altra forza.

Se atterri con i talloni davanti al corpo, bloccherebbe il tuo progresso in avanti. Di conseguenza, potresti subire uno shock per il tuo corpo che, se ripetuto molte volte, provocherà lesioni .

Inoltre, se atterri sul tallone con i piedi rivolti troppo verso l’alto, significa che non hai portato indietro il piede con un movimento all’indietro. Di conseguenza, l’inerzia del tuo corpo entra nel tuo piede, creando enormi forze di atterraggio. Per dimostrarlo, fai un piccolo passo di corsa e atterra sul tallone con le dita dei piedi alte (non fare un grande passo, perché puoi scuotere gravemente il tuo corpo). Ora capirai la grande forza che puoi sperimentare con questa tecnica difettosa. Questo è il motivo per cui le scarpe da corsa hanno i tacchi alti. Devono assorbire questa forza.

Dalla posizione della gamba in avanti, se porti la gamba indietro scoprirai che puoi ancora atterrare sul tallone. Ma è la parte anteriore del tallone, piuttosto che la parte posteriore. In questo caso, subito dopo l’atterraggio sentirai molta meno forza.

Inoltre metterai in gioco i muscoli del gluteo e della parte posteriore della coscia per spingerti in avanti durante la fase di appoggio (mentre la tua gamba è a contatto con il suolo). Per questo motivo, correrai più velocemente.

Questi muscoli aiutano a portare il tuo centro di gravità in avanti, in modo che quando spingi con la caviglia le forze saranno dirette in avanti, non verso l’alto. Ad esempio, i velocisti che usano la schiena in modo efficace hanno solo circa un pollice e mezzo di movimento verticale dei loro corpi.

I velocisti riportano indietro la gamba in modo così potente da atterrare sulla pianta del piede quando si trova direttamente sotto il loro centro di gravità. Non solo questo crea forze maggiori per spingere il loro corpo in avanti, ma non produce forza frenante. In altre parole, la velocità della gamba che si ritira è uguale alla velocità del corpo che si muove in avanti.

Atterrare sulla pianta del piede invece che sul tallone crea un maggiore carico sui muscoli del polpaccio, che devono contrarsi. Questi muscoli assorbono le forze di atterraggio dal corpo e, poiché sono come elastici, ne restituiscono alcune durante la spinta.

Questo è il motivo per cui i velocisti non vogliono scarpe con grandi proprietà di assorbimento dell’energia. Le scarpe che assorbono gli urti ridurrebbero le loro forze motrici e rallenterebbero il corridore.

Per i fondisti si applicano principi simili alla corsa sulla distanza. Con il pawback, il tuo corpo passa sopra il suo supporto a terra il più rapidamente possibile. Ciò consente il massimo carico dei muscoli con la minima forza frenante. Ma questo non accadrà se le tue scarpe assorbono tutte le forze!

In sintesi, sebbene ci siano diversi modi per atterrare, ogni touchdown dovrebbe seguire il pawback. Più lento è il dorso della zampa (come nella maratona), più atterri sulla parte posteriore del tallone e leggermente davanti al tuo centro di gravità. Più veloce è il pawback (come nelle distanze medie, diciamo, da 1.500 a 3.000 metri), più atterrerai con i piedi piatti e quasi direttamente sotto il tuo centro di gravità. Nella zampa più veloce del velocista, atterri sulla pianta del piede esattamente sotto il tuo centro di gravità.

Queste sono le basi biomeccaniche della corsa. I corridori di maggior successo li usano, sebbene ci siano variazioni individuali. Sfortunatamente, non puoi vedere tutti questi dettagli dell’atterraggio nemmeno con un occhio esperto. Un’attenta analisi di queste caratteristiche può seguire solo se vengono catturate su pellicola e riprodotte fotogramma per fotogramma. Un laboratorio di biomeccanica presso la tua università locale e un certo numero di professionisti della medicina sportiva possono fornirti un’analisi video della tua andatura. Se sei stato afflitto da lesioni , questo potrebbe essere un investimento utile.

Fonte: https://www.marathon-training-program.com

Puoi risparmiare 1,00 Euro al mese per supportare i media indipendenti

A differenza della Rai, Mediset o Sky, NON siamo finanziati da Benetton, Bill & Melinda Gates o da altre ONG o governi. Quindi alcune monete nel nostro barattolo per aiutarci ad andare avanti sono sempre apprezzate.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code