toba60

Parenti Tossici: Come Disconnettersi

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Le divergenze sono insite nella natura umana e spesso si agisce in sintonia con quello che e’ lo stato d’animo del momento.

Le risposte non sono mai univoche, ma vertono spesso nella direzione meno sconveniente, che possa in qualche maniera essere un compromesso che provoca il più’ delle volte un ulteriore conflittualità’ interiore.

Quando non si sa cosa fare e’ bene farle le cose…. ma bene, anzi meglio, senza mezzi termini, altrimenti e’ come se non avessi fatto nulla.

Toba60

Difficolta’ Familiari

Nella società, si ritiene che dovremmo amare la nostra famiglia ed essere grati ai nostri genitori, qualunque cosa accada tra di noi. E se fosse lì che saremmo stati vittime di abusi È possibile smettere di comunicare con parenti stretti e come permettermi di farlo?

Mia sorella era sempre scontenta di qualcosa. Dopo la morte di sua madre, rivolse tutta la sua rabbia ad Anna, come se dovesse incolpare qualcosa di terribile. È vero, la stessa Anna non ha mai capito cosa aveva fatto per causare tale rabbia.

Entrambi sono cresciuti e hanno creato le proprie famiglie. Anna voleva davvero che i bambini comunicassero con i loro cugini. Era importante che la sorella fosse presente nella sua vita. Ma ogni volta che incontrava la stessa persona – incolpando e punendo per qualcosa.

Il tempo passava e la sorella era ancora arrabbiata e la maltrattava. Per molti anni, Anna ha cercato di mantenere una relazione, cercando di essere la “migliore versione di se stessa”. Pensava che sarebbe cresciuta, cambiata, in modo che il comportamento di sua sorella non l’avrebbe più ferita, ma avrebbe solo suscitato simpatia. Ma ogni volta dopo la comunicazione mi sentivo male. La loro interazione l’ha danneggiata.

Ancora una volta Anna ha inviato una lettera e si è offerta di vedersi. La sorella rispose di nuovo in modo aggressivo. E poi qualcosa è cambiato dentro Anna. All’improvviso si permise di non cercare di essere “comprensiva” e di smettere di fingere che non fosse successo niente di male. Non poteva più farlo.

La donna decise di smettere di comunicare con sua sorella. Tale decisione sembrava l’unica rispettosa e gentile nei confronti di se stessa. Dopo ogni contatto, Anna ha sempre provato rabbia, tristezza e confusione. E molto probabilmente, sarà sempre così.

Potrebbe non essere mai chiaro perché la sorella sia così arrabbiata. Ma Anna non poteva più sopportarlo. Essere una “versione migliore di te stesso” d’ora in poi significava prendersi cura di te stesso.

La sorella che voleva avere non esisteva nella realtà. Era solo una fantasia. E Anna decise di smettere di comunicare con un uomo che turbava costantemente il suo equilibrio emotivo.

C’è un atteggiamento dannoso nella società, afferma la psicoterapeuta Nancy Collier, secondo cui non abbiamo il diritto di dire di no, tracciare i confini e abbandonare le relazioni ferite quando si tratta della famiglia.

Si ritiene che dovremmo fare degli sforzi per rispondere con calma a un parente che ci ha trattato male – non sentire dolore, non essere arrabbiati e non sentirci confusi. È come se non avessimo il diritto di rifiutare i contatti tossici fino a quando non eseguiremo tale “lavoro su noi stessi”.

Ad esempio, Anna credeva (e così gli altri membri della sua famiglia le dicevano) che doveva continuare a uscire con sua sorella per le generazioni più giovani. Cioè, ha dovuto mantenere una comunicazione spiacevole, così che i suoi figli, forse, un giorno avrebbero avuto una relazione con i loro cugini. “È ancora una famiglia.”

La cosa più pericolosa è l’idea che siamo in parte responsabili di maltrattarci. È lei che ci fa “inghiottire” le notizie e rimanere in relazioni la cui shelf life è stata superata da tempo.

Si ritiene che se smettiamo di comunicare con la famiglia, allora abbiamo alcuni problemi non lavorati. In realtà, abbiamo il diritto di dire “no” a una relazione cattiva e ferita, anche se si tratta di una relazione con parenti.

Forse non possiamo mai relazionarci con calma al modo in cui siamo stati trattati o trattati. Quando sperimentiamo dolore mentale, le emozioni rimangono nel corpo, o meglio, nel sistema nervoso.

Se ci sentiamo male quando incontriamo qualcuno o quando menzioniamo il suo nome, significa che il corpo immagazzina il dolore emotivo che abbiamo provato. E questo non significa che non abbiamo svolto alcun lavoro interno o siamo colpevoli di qualcosa.

Ogni relazione è complessa e soggettiva. Non siamo obbligati a continuare a comunicare con coloro che ci abusano per convincerli o capire qual è la nostra colpa.A volte la rabbia di un altro è solo la rabbia di un altro. Non abbiamo bisogno di guadagnare il diritto alla gentilezza incondizionata a noi stessi, a scegliere noi stessi.

Permettere a te stesso di agire in base alla nostra verità, di prenderti cura di noi stessi quando siamo condannati, di accettare e apprezzare la nostra esperienza è un’esperienza molto stimolante e di guarigione.

Abbandonando le relazioni dannose, accettando i nostri sentimenti e la realtà così come sono, senza cercare di capire di più, possiamo ottenere la libertà. Quello che abbiamo cercato senza successo in queste relazioni.

Solo noi stessi possiamo decidere cosa è “abbastanza per noi”, perché i cambiamenti nella comunicazione con gli altri iniziano con i cambiamenti nelle relazioni con noi stessi.

Maria Ruchevaya

Fonte: https://www.psychologies.ru

Psicologia Integrale
Coscienza, spirito, psicologia e terapia
€ 19,00

Psicologia Spirituale
Le 12 lezioni spirituali della vita
Voto medio su 1 recensioni: Buono
€ 15,50

Psicologia della Libertà
Ispirazione e strumenti per il Coaching Olistico, Counseling, Formazione, Crescita personale
€ 22,00

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code