toba60

Perché Capire l’11 Settembre è di Vitale Importanza Oggi

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Pochi ancora oggi se ne rendono conto, ma l’11 settembre ha rappresentato un punto di svolta che sta ancora oggi condizionando quanto stiamo vivendo.

Tutte le limitazioni e i controlli che all’epoca furono introdotti per quella che fu un emergenza che limito’ tutte le libertà’ individuali delle persone, a distanza di anni non sono mai state tolte e quanto oggi sta’ avvenendo con il covid-19 ricrea esattamente ciò’ che avvenne all’epoca.

Per l’Establishment un emergenza quando finisce non può’ fermarsi, ed e’ quello che sta’ accadendo in questo momento in tutto il mondo.

Non aver capito la lezione, significa assecondare leggi, direttive ed emergenze che nulla hanno a che fare con la tutela e la salute dell’individuo.

Privare la libertà’ gli individui, e’ l’anticamera della dittatura che si sta avviando a pieno regime, ma il dramma che più’ deve preoccupare e’ dato dal fatto che sono le stesse vittime che ne pagano le conseguenze, coloro che implorano ogni restrizione e la supportano a prezzo della loro libertà’.

Il caso più’ emblematico e’ quello per esempio del Governatore del Veneto regione a nord Est dell’Italia ( Un fenomeno che pure in California alcuni utenti ci hanno fatto notare) che dopo aver distrutto con la sua azione diretta, attraverso norme, emendamenti e regole, l’intera economia di una delle zone più’ produttive del mondo, (Prevaricando le norme costituzionali vigenti in collusione con il capo di Governo) gode di un consenso popolare nazionale che lo vuole a capo di un paese che ha perso su scala mondiale ogni autonomia politica, economica e finanziaria, proprio in virtù’ di prese di posizione totalmente restrittive e autoritarie.

Hitler tolse negli anni Trenta del xx Secolo la disoccupazione e tutti furono felici e assecondarono un leader che da questa situazione pote’ poi portare avanti un progetto, che grazie alla totale mancanza di libertà individuale e di pensiero pote’ svilupparsi con tutte le conseguenze che ben conosciamo.

Luca Zaia Governatore del Veneto

L’11 Settembre e’ stato molto più’ sofisticato come evento scatenante, ma gli esiti furono uguali, con un comportamento collettivo che acclamo’ e assecondo’ ogni normativa che raggiunse il medesimo scopo.

Ora con il Covid-19, attraverso un copia e incolla di quanto avvenuto precedentemente, stiamo vivendo la medesima situazione (Ci hanno liberato dal Virus Togliendoci la libertà’) e i protagonisti, non dimentichiamolo non sono loro, ma ……….

le vittime, che ancora non hanno capito quanto sia importante conoscere la storia passata con tutti i suoi insegnamenti.

Toba60

11 settembre 2001 Un altra Storia

Quel giorno il mondo ha guardato sconvolto il peggior attacco terroristico della storia che si è presumibilmente svelato davanti ai loro occhi. Lo shock e la rabbia generati dall’11 settembre erano comprensibili.

NEW YORK – SEPTEMBER 11, 2001

Quasi tremila persone innocenti, cittadini di tutto il mondo, hanno perso la vita quel giorno. Molte altre migliaia sono morte e periranno prematuramente a causa delle tossine nella polvere che hanno inalato l’11 settembre. È davvero un giorno che non dovremmo mai dimenticare.

Molte persone credono che il resoconto ufficiale dell’11 settembre sia assolutamente incredibile. Esamineremo alcuni dei motivi per cui. Per molte più persone, anche suggerire che questo è un grave atto di mancanza di rispetto. Almeno questo è ciò che i media tradizionali vorrebbero farci credere. Se è così, è una mancanza di rispetto condivisa da molte delle famiglie delle vittime dell’11 settembre che hanno combattuto per le risposte a numerose domande irrisolte per quasi due decenni.

In verità, l’accusa di “mancanza di rispetto” è assurda. Se credi di assistere a un omicidio e la persona sbagliata viene quindi condannata, è un atto di mancanza di rispetto nei confronti della vittima segnalarlo? Non importa se ti sbagli, ciò che conta è che credi alle prove dei tuoi occhi e agisci su di esso in buona fede. In tali circostanze, non dire nulla è il vero atto di mancanza di rispetto per la vittima. Coloro che mettono in discussione l’11 settembre non mancano di rispetto alla memoria di nessuno. Stanno combattendo per la verità che credono che le vittime meritino.

9/11 – La guerra al terrore in prospettiva

L’11 settembre ha spinto il mondo nella “Guerra al terrore” globale. La ricerca mostra che, fino al 2018, oltre un milione di persone sono state uccise nelle conseguenti guerre guidate dagli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan, con il numero di vite successivamente perse in Pakistan anche notevoli nello studio. Ulteriori guerre e conflitti, legati alla guerra al terrorismo, in Libia, Siria, Yemen, Somalia, Sudan, Kenya, Nigeria, Camerun, Niger, Ciad, Palestina e altrove hanno ucciso almeno un milione in più dall’11 settembre. Vi sono anche prove considerevoli che questo orribile bilancio delle vittime post 9/11 sia stato gravemente sottovalutato.

Il costo stimato, finanziato dal contribuente, di tutte queste uccisioni è di almeno $ 6 trilioni solo negli Stati Uniti. Ancora una volta, molti mettono in dubbio questa cifra. In verità, è impossibile saperlo. Recenti ricerche del Dr. Mark Skidmore della Michigan State University e Catherine Austin Fitz (ex Wall Street Banker) indicano che, a partire dall’anno scorso, ci sono stati circa $ 21 trilioni non contabilizzati nella spesa del governo degli Stati Uniti. La conclusione apparentemente inevitabile è che esiste un’economia sommersa globale oltre quella di cui siamo autorizzati a conoscere.

Pochissime persone beneficiano di questa spesa. Certamente i milioni uccisi e altri milioni che hanno la vita devastata, sono vittime piuttosto che benefattori di tutte queste spese fiscali duramente guadagnate. Allo stesso modo, le truppe che muoiono combattendo guerre straniere, molte ferite nella linea di servizio, quelle psicologicamente sfregiate, che tornano a fatiscenti servizi di supporto e una mancanza di supporto , non ottengono nulla. Troppo spesso affrontano vite devastate dal deterioramento della salute mentale e fisica, spesso abbandonate in relazioni interrotte, povertà e senzatetto.

L’11 settembre è stato l’antecedente per tutte queste perdite umane. Ci è stato detto che la Guerra al terrore è progettata per “tenerci al sicuro”. Ciò giustifica le morti e l’onere fiscale che gravano sulle famiglie in difficoltà? Apparentemente no.

Quando il presidente americano Obama annunciò che le forze statunitensi avrebbero “declassato e distrutto l’ISIS” in Iraq, la coalizione guidata dagli Stati Uniti, con il notevole sostegno di Regno Unito, Francia e Germania, fece volare più di 800 bombardamenti contro presunti obiettivi dell’ISIS. Ciò ha portato nel territorio dell’ISIS più che raddoppiando sia in Iraq che in Siria.

La più lunga guerra americana nella storia è in Afghanistan. Le recenti mosse del presidente Trump per negoziare con i talebani illustrano l’apparente futilità di questa guerra. Dopo 18 anni di conflitti e di occupazione, i talebani controllano circa il 61% dei distretti afgani, secondo analisti indipendenti.

Prima dell’11 settembre i talebani avevano quasi sradicato la produzione di oppio. La guerra di coalizione guidata dagli Stati Uniti ha visto un enorme aumento della produzione. La stragrande maggioranza dell’oppio afgano si fa strada nel mercato nero. Gli Stati Uniti, insieme al resto del mondo occidentale, sono attualmente alle prese con una delle peggiori crisi di salute pubblica nella storia del dopoguerra. Dipendenza da oppiacei guidata da una ricca e abbondante offerta di oppio.

Il terrorismo globale, compreso il terrorismo interno in Occidente, è aumentato in modo significativo dall’11 settembre. Non c’è alcuna logica legittima da credere, dopo l’11 settembre, la Guerra al Terrore ha tenuto al sicuro chiunque. Al contrario, ha peggiorato molti dei problemi che affrontiamo.

9 / 11- Chi sono i beneficiari della guerra al terrore?

In sostanza questa è una guerra contro un concetto, un’idea. Il terrore è stato usato come un’arma nel corso della storia umana, di solito da coloro che desiderano esercitare il dominio di un’idea su un’altra. Forse un’ideologia politica, teologica, nazionale o persino economica. Mentre gli esseri umani rimangono capaci di violenza, a sostegno di una causa, è difficile vedere come una “guerra al terrore” possa mai essere vinta.

Molti credono, me compreso, che non dovrebbe essere vinto. Per alcuni è troppo redditizio. Il complesso industriale e di intelligence militare globale ha visto aumentare il proprio bilancio in modo significativo dall’11 settembre.

Gran parte di queste entrate fiscali si fa strada nelle casse di società di difesa di proprietà privata come Raytheon, Lockheed Martin, sistemi BAE e molti altri. Gli appaltatori militari privati sono stati anche benefattori della guerra al terrorismo dopo l’11 settembre, assicurando lucrosi “contratti di sicurezza” in Iraq, Libia e altrove.

Il legame tra le decisioni militari, prese dai politici e i profitti della guerra corporativa è abbondantemente chiaro. Quando, nell’aprile 2018, l’ex primo ministro britannico Theresa May ha convinto la coalizione guidata dagli Stati Uniti a sostenere gli attacchi aerei di rappresaglia contro la Siria, alcune persone sono state molto bene fuori dalla decisione. Il marito di Theresa May, Philip, è un dirigente senior della società di investimento globale Capital Group. Hanno partecipazioni significative in appaltatori della difesa, tra cui Lockheed Martin e BAE. I attacchi aerei, istigati in minima parte da sua moglie, hanno visto il valore della quota della sua azienda dolorante. Tutto in risposta a un presunto attacco di armi chimiche per il quale non ci sono quasi prove sostanziali.

Dopo l’11 settembre, mentre la cosiddetta “Guerra al terrore” è stata un disastro senza riserve per miliardi di persone in tutto il mondo, alcuni individui estremamente ricchi ne hanno fatto molto bene. Ma non è solo il profitto finanziario a fornire valore per alcuni. La capitale politica dell’11 settembre è stata anche benefica per pochi eletti.

A seguito degli attacchi dell’11 settembre, in Occidente è emersa una serie di leggi volte a limitare la libertà di parola e la condivisione libera e aperta delle informazioni .

Per coloro che cercano di controllare l’opinione pubblica ed evitare qualsiasi critica diffusa delle loro politiche o azioni, accettarla o meno, l’11 / 9 ha espresso.

9/11 – Le domande rimangono

Dopo l’11 settembre, è chiaro chi sono i vincitori e i perdenti. I perdenti sono la vasta fascia della popolazione umana, in particolare le famiglie dei defunti e quelle segnate per sempre dalla Guerra al Terrore. I vincitori sono il complesso militare e di intelligence industriale globale, le società private che lo alimentano, i loro azionisti e i politici che lo hanno sfruttato per ottenere un controllo sociale e politico sempre più centralizzato.

Questo contrasto è così netto che molti si chiedono se qualcosa che ci è stato detto sull’11 settembre sia vero. Non senza una buona ragione. La storia è così piena di buchi che devi chiederti come qualcuno potrebbe mai ingoiarla. Il suggerimento che l’ 11 settembre sia stata un’operazione di False Flag progettata per iniziare la guerra al terrore, non è privo di merito.

La narrativa semplicistica di 19, principalmente sauditi, terroristi, che dirottano 4 aerei e poi li pilotano senza essere intercettati, uno per più di 90 minuti, attraverso lo spazio aereo più pesantemente difeso sulla Terra è francamente incredibile. Mentre quelli che mettono in discussione questa storia sono tutti etichettati “teorici della cospirazione”, devi essere un ardente “teorico della coincidenza” per crederci.

Se accettate senza dubbio la narrativa ufficiale dell’11 settembre, dovete attenervi a quanto segue:

19 terroristi armati con nient’altro che coltelli Stanley (tagliacarte) hanno superato 4 piloti addestrati militari e i loro equipaggi su 4 aerei commerciali; dopo un po ‘di tempo volarono in giro, 3 di questi volarono verso i loro obiettivi, raggiungendo un tasso di successo della missione del 75%; il quarto piano è scomparso, nella sua interezza, in un campo; nonostante non fosse in grado di far volare i polverizzatori delle colture, il terrorista gestì incredibili imprese aeronautiche, alcuni sfidando le leggi della fisica; riuscirono a rompere i tubi di alluminio cavi attraverso le travi di acciaio a sezione scatolata; ciò causò incendi apparentemente così caldi da deformare l’acciaio, nonostante il fatto che il combustibile fosse notevolmente bruciato all’impatto e che le palline nere di fumo osservate indicassero incendi da ufficio a temperatura relativamente bassa; due grattacieli costruiti in acciaio crollano completamente alla velocità di caduta libera, attraverso il sentiero della più grande resistenza, come risultato di nient’altro che il fuoco; un terzo edificio che non è stato neppure colpito da un aereo, è anche crollato all’accelerazione di caduta libera attraverso il percorso della più grande resistenza a causa degli incendi degli uffici; collettivamente questi sono gli unici tre palazzi costruiti sulla Terra in acciaio a crollare mai completamente a causa del fuoco; nonostante avesse un design diverso, questo mondo venne in mente per la prima volta a tre edifici nello stesso posto lo stesso giorno; nessuno sapeva cosa stesse succedendo da ore e nessuno era in grado di rispondere; la struttura di comando era semplicemente completamente assente quel giorno e l’intera difesa aerea orientale degli Stati Uniti era altrimenti impegnata in una serie vertiginosa di esercizi simultanei, alcuni dei quali imitavano esattamente ciò che stava accadendo, in realtà, allo stesso tempo;non vi sono filmati di alcun aereo che colpisce il Pentagono; tutte le prove sono state rimosse dal punto zero e eliminate prima che chiunque potesse esaminarle e, nonostante nessuna indagine formale, i politici di tutto il mondo sapevano chi era il responsabile entro poche ore dagli attacchi dell’11 settembre.

Le domande poste da questa narrativa sono solo alcune delle molte che rimangono senza risposta 18 anni dopo l’11 settembre. Quindi diamo un’occhiata ad alcuni.

9 / 11- Domande senza risposta

Gli eventi con False Flag sono un modo estremamente comune per i governi di creare il casus belli per iniziare le guerre. Gli esempi includono l’uso da parte del tedesco di un attacco di falsa bandiera a Sender Gleiwitz per legittimare l’invasione della Polonia nel 1939; i giapponesi usarono l’incidente di Mukden per giustificare la loro invasione della Manciuria, gli inglesi facilitarono l’affondamento della Lusitania per portare gli Stati Uniti nella prima guerra mondiale; Gli Stati Uniti hanno falsificato i rapporti dell’intelligence sull’incidente del Golfo del Tonchino per iniziare la guerra del Vietnam; l’operazione USA Northwoods ha raccomandato una serie di attacchi con false flag per iniziare una guerra con Cuba e la NATO ha condotto una campagna di 40 anni di attacchi terroristici con false flag in tutta Europa chiamata Operation Gladio .

1.  Dato tutto questo precedente storico dimostrabile, non è ragionevole sospettare che l’11 settembre sia stato un altro attacco di bandiera falsa sponsorizzato dallo stato, usato per iniziare un conflitto? Perché qualcuno dovrebbe escludere questa possibilità?

Il resoconto ufficiale di come sono crollate le torri gemelle deriva esclusivamente dalle presunte scoperte del National Institute of Standards and Technology, il rapporto NIST. Non è un peer review e molti scienziati, architetti, ingegneri, testimoni oculari (compresi i primi soccorritori) e accademici lo rifiutano come un’assurdità scientificamente analfabeta .

Inizialmente il NIST si rifiutò di pubblicare qualsiasi rapporto sul crollo dell’altro edificio, il World Trade Center 7, che anche quel giorno si distrusse completamente. Il rapporto pubblicato alla fine nel 2008 è stato anche ampiamente respinto come spazzatura completa. Uno studio di 4 anni condotto da scienziati e ingegneri dell’Università dell’Alaska ha ora pubblicato i suoi primi risultati. Sembrano dimostrare che il rapporto del NIST sul crollo del WTC7 non può essere vero e le loro conclusioni sono in gran parte prive di fondamento.

2. Perché qualcuno dovrebbe credere a qualcuno dei rapporti altamente criticati del NIST sul crollo del WTC7 o delle torri gemelle? I NIST sono persino credibili? Questo non logicamente deduce che non esiste una spiegazione ufficiale credibile per il crollo delle torri gemelle e del WTC7 l’11 settembre?

I governi occidentali hanno una lunga storia di supporto ai gruppi terroristici islamisti . Questo supporto è continuato fino ad oggi con l’ addestramento ad ovest e l’attrezzatura da combattimento per gruppi come Jabhat al Nusra (Al Qaeda in Siria) e ISIS.

Prima dell’11 settembre, la CIA aveva finanziato l’agenzia di intelligence pakistana (ISI) per inoltrare fondi all’organizzazione di finanziamento del terrorismo islamista Maktab al Khidamat (MAK). Il MAK ha gestito diverse operazioni negli Stati Uniti, in particolare il Centro rifugiati Al-Kifah a Brooklyn, New York. Osama Bin Laden è stato uno dei leader del MAK e il MAK ha ricevuto finanziamenti, attraverso l’ISI appoggiata dagli Stati Uniti, durante gli ultimi anni dell’Operazione Ciclone .

Alice nel Paese delle Meraviglie e il Disastro delle Torri Gemelle
Ecco perché la versione dei fatti dell’11 settembre è una menzogna colossale
Voto medio su 15 recensioni: Buono
€ 0,00

3. Perché gli Stati Uniti e gli altri suoi alleati occidentali lavoravano direttamente con le organizzazioni terroristiche e, in alcuni casi, individui, che in seguito furono presumibilmente responsabili degli attacchi dell’11 settembre? Perché la coalizione guidata dagli Stati Uniti ha continuato a sostenere i gruppi terroristici che presumibilmente hanno attaccato gli Stati Uniti l’11 settembre?

L’11 / 9 nessuno dei quattro aerei dirottati fu intercettato da un volo militare. Una volta noto che esisteva una potenziale situazione di dirottamento, la procedura operativa standard e esercitazioni ben esercitate, imponevano che l’intercettazione non avrebbe richiesto più di 10 minuti. Tuttavia, nonostante i controllori del traffico aereo (ATC) avvertissero di tale possibilità secondo la procedura richiesta, non fu intercettato un singolo aereo dirottato.

Tra le scuse ufficiali fornite per questo fallimento c’era l’alto volume di esercizi, la confusione della situazione e l’assenza di soccorritori disponibili. In effetti, una serie di circostanze sfortunate coincidono solo la mattina dell’11 settembre.

Contrastare le risorse terroristiche e i primi soccorritori (la task force congiunta antiterrorismo dell’FBI – CIA), responsabile della difesa degli Stati Uniti nord-orientali, erano tutti impegnati in un esercizio di addestramento in California; l’ufficio nazionale di ricognizione di Chantilly, in Virginia, eseguiva simulazioni di aerei che colpivano grattacieli, causando confusione quando avvenivano eventi identici contemporaneamente nella realtà.

Operazione ‘Southern Watch’ collocato il 174 ° Fighter Wing della New York Air National Guard in un esercizio di addestramento in Arabia Saudita; L’operazione ‘Northern Watch’ ha spedito 6 intercettori da Langley ai cieli turchi; L’operazione “Guardiano del Nord” aveva più intercettori di Langley a caccia di bombardieri russi fittizi in Islanda; F15 è da Langley e il 121 ° Fighter Squadron dalla base di Andrews erano in Nevada che partecipano a ‘Bandiera rossa; L ‘”Operazione ” Vigilanza Settentrionale “ha dirottato più combattenti e ha supportato gli equipaggi in Alaska per monitorare un’esercitazione di bombardamento russa programmata; Operazione “Global Guardian”era impegnato a simulare un attacco alla rete di computer da parte di hacker ostili e l’Operazione “Vigilant Guardian” aveva coinvolto il personale dell’ATC e dell’Autorità federale dell’aviazione in una simulazione di più velivoli dirottati, nello stesso spazio aereo, allo stesso tempo, proprio come quello scenario si stava svolgendo nello mondo reale.

4. Quali sono le possibilità realistiche di tutti questi esercizi di addestramento, almeno due dei quali hanno imitato da vicino la realtà, tutti perfettamente coalescenti per lasciare il settore della difesa aerea nord-orientale degli Stati Uniti (NEADS) esposto in modo univoco nel giorno specifico in cui i terroristi hanno scelto di lanciare un attacco? I terroristi erano solo inimmaginabilmente fortunati?

Indira Singh era uno sviluppatore di software di intelligenza artificiale per JP Morgan Chase, consulenza sullo sviluppo di software avanzato di gestione dei rischi operativi in ​​grado di prevedere i rischi di investimento. Nel corso del suo lavoro ha lavorato con la società di software finanziata saudita PTech. PTech, con sede a Quincy, nel Massachusetts, ha fornito software per un elenco di clienti di incredibile potere e influenza. Ciò includeva la CIA, l’FBI, la Casa Bianca, il Dipartimento dell’Energia, la US Air Force, la Navy, IBM, Enron e la Federal Aviation Authority (FAA), tra gli altri.

Indira Singh

Uno dei maggiori finanziatori di PTech era Yasin al-Qadi , capo della Fondazione sawaiana con sede a Muwafaq, una nota organizzazione di finanziamento di al Qaeda con stretti legami con MAK, Osama bin Laden e altri importanti leader di al Qaeda. al Qadi ha spesso parlato della sua stretta relazione con l’ex vicepresidente americano Dick Cheney e PTech aveva un’autorizzazione di sicurezza di alto livello che le consentiva di stipulare contratti sensibili per l’industria della difesa e altre agenzie governative statunitensi.

L’operazione Greenquest ha rivelato che Yasin al Qadi, un terrorista quotato negli Stati Uniti, era anche associato a un’organizzazione benefica islamica chiamata Care International. La cura è stata implicata in diverse operazioni di al Qaeda incluso il bombardamento delle ambasciate americane in Kenya e Tanzania. Il responsabile del servizio clienti di Ptech era Muhamed Mubayyid , il tesoriere di Care International, collegato ad al-Qaeda. In effetti, la lista PTech di investitori e alti dirigenti sembra essere composta principalmente da persone con legami con le organizzazioni terroristiche elencate.

I contratti software PTech gli davano necessariamente accesso a importanti dettagli funzionali, operativi e tecnici dei sistemi che gli era stato chiesto di migliorare. Il lavoro di PTech con la FAA includeva l’accesso operativo ai sistemi di interoperabilità eseguiti in collaborazione con il comando nordamericano di difesa aerospaziale (NORAD), responsabile della difesa dei cieli l’11 settembre. Il suo software di valutazione del rischio è stato sviluppato eseguendo simulazioni di eventi ad alto rischio, come il dirottamento, in collaborazione con FAA e NORAD, prima dell’11 settembre.

L’operazione Greenquest ha scoperto una rete di finanziamenti terroristici legata ai PTech. Tuttavia, nel suo rapporto del 2005 la Commissione sull’11 settembre ha scritto che il finanziamento degli attacchi dell’11 settembre era di “scarso significato pratico”.

Quando alla fine PTech fu fatto irruzione nel 2002, un anno dopo l’11 settembre, non ci furono arresti e il CEO di Ptech, Oussama Ziade, in seguito disse: “Ptech ha ancora agenzie governative come clienti, inclusa la Casa Bianca”.
5. Dato quello che sembra essere un fronte della CIA (PTech) con ampi legami con il finanziamento di organizzazioni terroristiche designate, incluso Al Qaeda, è ragionevole che la Commissione sull’11 settembre concluda che il finanziamento degli attacchi dell’11 settembre “Scarso significato pratico?” Se PTech era un fronte della CIA, perché stavano finanziando gruppi terroristici tra cui al Qaeda prima dell’11 settembre? Perché una società con legami così stretti con Al Qaeda ha permesso il nulla osta di sicurezza di alto livello, offrendo loro l’accesso a sistemi di difesa fondamentali che tutti hanno funzionalmente fallito la mattina dell’11 settembre?

Prima dell’11 settembre, lo Special Operations Command (SOCOM) del Dipartimento della Difesa aveva formato un codice di operazioni di intelligence e data mining chiamato Able Danger . Guidato dall’esperto capitano della Marina statunitense Scott Phillpott, che aveva precedentemente detenuto quattro comandi navali statunitensi. Il team includeva anche il tenente colonnello dell’esercito americano Anthony E. Shaffer. Il tenente colonnello Shaffer era stato distaccato presso Able Danger dalla Defense Intelligence Agency (DIA), il cui ruolo era quello di esaminare tutte le fonti di dati disponibili per rintracciare e identificare eventuali potenziali cellule terroristiche attive sul suolo americano.

All’inizio del 2000, oltre 18 mesi prima dell’11 settembre, il team di Able Danger ha scoperto una cellula con base a Brooklyn guidata dal presunto capofamiglia della trama dell’11 / 9 Mohamed Atta. Hanno creato un grafico a parete che elenca i membri delle celle interconnesse con Mohamed Atta al centro. Una volta che avevano avuto prove sufficienti, Shaffer si è avvicinato alla SOCOM (con sede nel Pentagono) e ha richiesto una task force congiunta con l’FBI per abbattere la cella di Brooklyn e Atta.

Gli avvocati SOCOM hanno bloccato la richiesta. Shaffer tentò altre due volte e fu fermamente fermato dal Pentagono dall’esporre la cella di Atta.

Dopo l’11 settembre, la squadra di Able Danger, e Shaffer in particolare, emise un fischio. Shaffer è stato revocato il nulla osta di sicurezza ed è stato sospeso in attesa di un’indagine. Prima della Commissione sull’11 settembre, il team di Able Danger era stato posto sotto il comando del bavaglio Donald Rumsfeld. Tuttavia, Philpott ha fatto una deposizione alla Commissione sull’11 settembre in cui ha rivelato tutto ciò che Able Danger sapeva.

Il presidente della Commissione dell’11 settembre, Thomas Kean, ha dichiarato che “la conoscenza e la credibilità” del capitano Phillpot non sono ” sufficientemente affidabili”. Hanno anche concluso che Able Danger non era ” storicamente significativo”.

Ciò ha permesso alla Commissione sull’11 settembre di concludere, contrariamente a tutte le prove disponibili chele agenzie di intelligence americane non erano a conoscenza del signor Atta fino al giorno degli attacchi”.

6. Perché il Pentagono (SOCOM) stava proteggendo il capofila degli attacchi dell’11 settembre dagli arresti?

9/11 – Conclusione

Quando ho visto il crollo della Twin Tower l’11 settembre, ho avuto una serie di domande. Avevo assistito a quella che pensavo fosse una specie di demolizione controllata. Mi chiedevo come i terroristi riuscissero a entrare in quegli edifici senza essere scoperti e piantare tutte le accuse necessarie. Tuttavia, come la maggior parte, quando la storia ufficiale affermava che gli edifici sono crollati a causa di un incendio, l’ho accettato. Non è stato fino a dopo, poiché sono emerse ulteriori prove che i miei dubbi sono riemersi.

Quindi ho approfondito la questione e, per me, l’evidenza che la storia ufficiale non può essere vera è schiacciante. È stato l’11 settembre che mi ha portato a creare In questo insieme .

Se sei abbastanza interessato a saperne di più, devi fare lo stesso. Non puoi fare affidamento sui media mainstream, sui rapporti ufficiali o sulle dichiarazioni del governo se vuoi sapere perché così tante domande sull’11 settembre. Devi scavare più a fondo.

Non ci sono risposte definitive e l’unica speranza è che alla fine venga intrapresa un’indagine pubblica completa e autenticamente aperta. Forse ciò fornirà finalmente una soluzione alle famiglie della vittima che hanno cercato risposte ufficiali plausibili negli ultimi 18 anni.

Non dovremmo mai dimenticare l’11 settembre. Non solo perché è stato un evento così terribile, ma anche perché pone alcune domande fondamentali sulla natura della nostra società, su entrambe le sponde dell’Atlantico. Non dobbiamo aver paura di porre queste domande e dovremmo trattare con sospetto tutti coloro che chiedono che non vengano posti.

Che ci fa questo aereo??? posizionato il giorno del’11 settembre?

Se ci permettiamo di creare una società in cui la domanda di domande legittime, basate sull’evidenza, è considerata tabù, persino fuorilegge, allora stiamo percorrendo un percorso molto oscuro. Se pensi che l’11 settembre sia stato semplicemente un atto di terroristi o se sospetti che sia stato più probabile un attacco di bandiera falsa, dobbiamo essere in grado di discutere apertamente e liberamente di tutte le preoccupazioni.

Se non possiamo allora, qualunque sia la verità, coloro che cercano di imporci la loro volontà attraverso l’uso del terrore avranno la vittoria che bramano. Tacere il dibattito, in una società apparentemente libera e aperta, è il vero atto di mancanza di rispetto per coloro che sono morti.

Iain Davis

Fonte: https://in-this-together.com

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Quale Sviluppo Dopo l'11 Settembre?
Per andare oltre la globalizzazione
Voto medio su 1 recensioni: Scarso
€ 11,00

I crimini della globalizzazione
€ 15,00

Polizia Globale
Guerra e conflitti dopo l’11 settembre
€ 10,00

Se ritieni che il contenuto che pubblichiamo vi sia utile, considera l’idea di supportarci con una piccola  donazione mensile.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment sta riducendo drasticamente le nostre entrate . Questo ci rende difficile continuare. Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con una piccola donazione finanziaria mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code