toba60

Perche’ ci Ingannano sul numero di Morti da Covid19

E’ sotto gli occhi di tutti la totale disinformazione ad opera dei media mainstream, su quanto avviene non solo in Italia ma in tutto il mondo in riferimento al CoronaVirus

La reazione scomposta che ha indotto i pubblicitari a mettere le mani avanti con degli spot televisivi sulle Fake News, la dice lunga su come stavano andando le cose in chiave informativa.

Esiste un detto che dice ”Chi ha il sospetto ha il difetto”

Chi ha studiato psicologia sociale sa benissimo che in chiave mediatica la prima cosa da fare e’ sempre anticipare il dissenso e farlo proprio con un attacco diretto alla parte da screditare.

Skinner, From, Jung o Freud, avrebbero venduto l’anima pur di vivere la nostra epoca, che ha fatto di tutte le loro opere un compendio di quello che hanno con tanto entusiasmo sviluppato le élite attraverso il loro lavoro.

E ora veniamo alla questione dei numeri, che e’ molto interessante.

Che motivazione possono avere coloro che cercano di speculare sui numeri, e badate bene, stiamo parlando di morti, fosse anche uno solo, questo non deve pregiudicare ogni nostro ragionamento, perché il singolo individuo potrebbe essere una persona a noi cara e il fattore emotivo può’ alterare ogni giudizio in merito.

C’è chi Enfatizza e chi Ridimensiona, due schieramenti opposti che si alternano vicendevolmente a seconda di quello che dice l’uno o l’altro.

Avete visto che non si parla più’ destra o sinistra ma di persone che ora si contrappongono vicendevolmente su piani differenti, chi sta al potere e chi da questo si sente vittima.

Le domande da porsi su quello che sta avvenendo sono fondamentali quanto e forse più’ delle risposte in se.

Al posto di questo governo illegittimo che cosa fareste per mantenere il potere?

Problema Reazione Soluzione

Il problema se e’ grande deve essere amplificato e la reazione delle masse si adeguerà’ alla percezione che ha degli eventi e la soluzione sarà’ in questo modo invocata, reclamata, accettata, supportata e pretesa a gran forza, che sia fisica o psicologica, attraverso limitazioni, sanzioni, e se necessario la violenza, chi e’ al potere può’ cosi rafforzare tutto il suo prestigio e consolidare il ruolo che occupa.

Il virus era l’ultima spiaggia per le élite mondiali, la crisi del debito era pronta ad esplodere e ora tutto passa in secondo piano, ma non dimentichiamo che chi governa non può’ distruggere tutto, cosi come il popolo ha bisogno assoluto di avere chi li guida, il leader ha allo stesso tempo necessita’ come l’aria che respira di un alto numero di persone che lo assecondano, avete notato quanto i veri guardiani della sicurezza sono stati i cittadini stessi, che a migliaia ogni giorno denunciavano alle forze dell’ordine con video e telefonate anche la vecchietta che portava fuori il cane per fare i suoi bisogni, perché’ fuori dei canonici 200m?

E’ stato a tutti gli effetti un esperimento sociale fantastico e ora come andrà’ a finire si domanderanno in molti.

L’alto numero dato sui decessi e i contagiati di colpo spariranno, la selezione c’è già stata e ora le autorità’ possono’ disporre di chiunque come vogliono, li dovremo ringraziare perché ci hanno tolto il virus, sono stati bravi, anzi bravissimi, un mese fa erano un milione e ora grazie a loro e’ tutto scomparso.

Potremo tutti insieme dire di essere felici, l’abbiamo scampata bella, tutte le poche certezze che ci erano rimaste si sono frantumate, che sia il lavoro o l’ autonomia, non importa, siamo vivi.

Ora potremo finalmente perdere definitivamente la nostra libertà‘, i numeri sono tutti dalla nostra parte………..peccato che si riferivano a persone scomparse, siamo rimasti in pochi.

Tu che sei riuscito a leggere fino a qua, sarai solo da questo momento quanto detto sopra non ti riguarda, per te e’ solo l’inizio, per gli altri……

Toba60 Sempre di corsa ma al Vostro Fianco

Le cifre di morte di Covid19 “una sostanziale sopravvalutazione”

Linee guida bizzarre delle autorità sanitarie di tutto il mondo includono potenzialmente migliaia di pazienti deceduti che non sono mai stati nemmeno testati

Alcune settimane fa abbiamo riferito che, secondo l’Istituto Italiano di Salute (ISS), solo il 12% delle morti in Italia riferite a Covid19 in realtà ha elencato Covid19 come la causa della morte .

Dato che il 99% di essi presentava almeno una comorbilità grave (e che l’80% di essi presentava due di tali malattie), ciò ha sollevato seri dubbi sull’affidabilità delle statistiche riportate dall’Italia.

Il prof. Walter Ricciardi, consigliere del ministro della sanità italiano, ha spiegato che ciò è stato causato dal modo “generoso” con cui il governo italiano gestisce i certificati di morte:

Il modo in cui codifichiamo le morti nel nostro paese è molto generoso, nel senso che tutte le persone che muoiono negli ospedali con il coronavirus sono ritenute morte del coronavirus.

In sostanza, il processo di registrazione della morte in Italia non fa distinzione tra coloro che hanno semplicemente il virus nel loro corpo e quelli che ne sono effettivamente uccisi .

Data la quantità di paura e panico dei numeri relativamente allarmanti dell’Italia causati in tutto il mondo, pensereste che altre nazioni sarebbero desiderose di evitare questi stessi errori.

Sicuramente tutti gli altri paesi del mondo stanno usando standard rigorosi per delineare chi è, e non è caduto vittima della pandemia, giusto?

Sbagliato.

In effetti, piuttosto che imparare dall’esempio dell’Italia, altri paesi non solo ripetono questi errori, ma vanno anche oltre.

In Germania, ad esempio, sebbene i decessi complessivi e il rapporto di mortalità per caso siano molto inferiori a quelli dell’Italia, la loro agenzia di sanità pubblica sta ancora praticando pratiche simili.

Il 20 marzo il presidente del Robert Koch Institute tedesco ha confermato che la Germania considera una persona deceduta che è stata infettata dal coronavirus come una morte Covid19, indipendentemente dal fatto che abbia effettivamente causato la morte.

Ciò ignora totalmente ciò che il dott. Sucharit Bhakdi chiama la distinzione vitale tra “infezione” e “malattia”, portando a storie come questa, condivise dal dott. Hendrik Streeck :

Ad Heinsberg, ad esempio, un uomo di 78 anni con precedenti malattie è morto per insufficienza cardiaca e questo era senza coinvolgimento polmonare di Sars-2. Da quando è stato infettato, appare naturalmente nelle statistiche di Covid 19.

Quante “morti Covid19” in Germania rientrano in questa fascia? Non lo sappiamo e probabilmente non lo sapremo mai.

Ma almeno la Germania si sta effettivamente limitando a testare casi positivi.

Negli Stati Uniti, una nota informativa del National Vital Statistics Service del CDC recita come segue [la nostra enfasi]:

È importante sottolineare che la malattia di Coronavirus 19, o Covid-19, dovrebbe essere segnalata per tutti i deceduti in cui la malattia ha causato o si presume abbia causato o contribuito alla morte.

“Si presume abbia causato”? “Ha contribuito”? È un linguaggio incredibilmente morbido, che potrebbe facilmente portare a una segnalazione eccessiva.

La “guida” dettagliata citata è stata rilasciata il 3 aprile e non è migliore [di nuovo, la nostra enfasi]:

Nei casi in cui una diagnosi definitiva di COVID-19 non può essere fatta, ma è sospettata o probabile (ad esempio, le circostanze sono convincenti entro un ragionevole grado di certezza), è accettabile riportare COVID-19 su un certificato di morte come “probabile “O” presunto “. In questi casi, i certificatori dovrebbero usare il loro miglior giudizio clinico per determinare se era probabile un’infezione COVID-19.

Vengono tenuti registri accurati per separare “Covid-19” da “presunto Covid-19”? I media si stanno assicurando di rispettare la distinzione nei loro rapporti?

Assolutamente no.

Ogni volta che si fa riferimento alle presunte vittime, ci viene dato un grande numero all-inclusive, senza contesto o spiegazione, che – grazie alle linee guida di segnalazione lassiste – potrebbe essere del tutto falso.

Le agenzie governative di tutto il Regno Unito stanno facendo la stessa cosa.

L’agenzia di sanità pubblica HSC dell’Irlanda del Nord pubblica bollettini di sorveglianza settimanali sulla pandemia, in quei rapporti definiscono una “morte di Covid19” come :

soggetti che sono deceduti entro 28 giorni dal primo risultato positivo, indipendentemente dal fatto che COVID-19 sia stata la causa della morte

L’ufficio nazionale di statistica della NHS in Inghilterra pubblica rapporti settimanali sulla mortalità nazionale. Il suo ultimo rapporto (Settimana 12 – 14-20 marzo) e’ stato rilasciato il 31 marzo e ha fatto menzione speciale di Covid19, spiegando che avrebbero modificato il modo in cui avrebbero riportato i numeri in futuro .

Il sistema ONS è basato sulla registrazione dei decessi. Significa che contano, non il numero di persone che muoiono ogni settimana, ma il numero di decessi registrati a settimana. Ciò, naturalmente, porta a lievi ritardi nella registrazione dei numeri poiché il processo di registrazione può richiedere alcuni giorni.

Tuttavia, con i decessi per coronavirus, poiché si tratta di una “emergenza nazionale”, ora includono “cifre provvisorie” che saranno “incluse nel set di dati nelle settimane successive”. Questo li lascia spalancati a – o accidentalmente o deliberatamente – a denunciare gli stessi decessi due volte Una volta “provvisoriamente”, e poi una volta “ufficialmente” una settimana dopo.

Questa è solo una decisione politica particolare. Ce ne sono molti altri.

Fino ad ora, l’ONS ha riportato i numeri Covid19 raccolti dal Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale (DHSC). Il DHSC registra solo coloro che sono morti in ospedale e sono risultati positivi al coronavirus come decessi Covid19.

Ma d’ora in poi l’ONS includerà anche i decessi di Covid19 “nella comunità” nelle loro statistiche. Che “include quelli non testati per Covid19 e in cui si presume che “il sospetto Covid19″ [la nostra enfasi] sia un “fattore che contribuisce”.

Ecco alcune screencaps delle sezioni pertinenti :

La guida ufficiale del SSN per i medici che compilano i certificati di morte è altrettanto vaga [la nostra enfasi]:

se prima della morte il paziente presentasse sintomi tipici dell’infezione da COVID19, ma il risultato del test non fosse stato ricevuto, sarebbe soddisfacente fornire “COVID-19” come causa di morte, quindi condividere il risultato del test quando sarà disponibile. In assenza di tampone, è soddisfacente applicare il giudizio clinico .

Il governo sta dicendo ai medici che è OK elencare “Covid-19” come causa di morte quando non ci sono letteralmente prove che il defunto sia stato infettato . Ciò significa che ci sono potenzialmente un numero enorme di “morti Covid19” che non sono mai state testate per la malattia.

Inoltre, eventuali errori non verranno mai notati o corretti, grazie alle recenti modifiche alla legge.

Di solito, qualsiasi morte attribuita a una “malattia soggetta a denuncia” doveva essere riferita a un medico legale per un’audizione della giuria.

Secondo la legge britannica Covid19 è una “malattia soggetta a denuncia”, ma il nuovo disegno di legge Coronavirus modifica il Coroners and Justice Act del 2009 , per esentare specificamente le presunte morti di Covid19 dalle indagini della giuria .

Inoltre, secondo l’ ufficio del capo medico legale , il disegno di legge del coronavirus significa che queste morti non devono assolutamente essere riferite a un medico legale e che i medici possono firmare una causa di morte per un corpo che non hanno mai nemmeno visto :

Qualsiasi medico registrato può firmare un MCCD [Certificato medico per la causa della morte], anche se il defunto non è stato assistito durante la sua ultima malattia e non è stato visto dopo la morte, a condizione che siano in grado di dichiarare la causa della morte al meglio delle loro conoscenza e convinzione.

I decessi “nella comunità” possono essere elencati come decessi Covid19 senza essere testati per la malattia, o addirittura visti da un medico . Queste morti non saranno necessariamente riferite a un medico legale e certamente non saranno ascoltate da una giuria.

Con l’entrata in vigore di questa legislazione, il governo del Regno Unito non solo ha reso più probabile la falsa segnalazione di morti Covid19, ma ha attivamente rimosso le misure di sicurezza progettate per correggerlo. Registrare numeri di mortalità precisi in questa situazione è al limite impossibile.

Questo è, nella migliore delle ipotesi, totalmente irresponsabile e nella peggiore dei casi incredibilmente sinistro.

Ora, prima di alzare lo sguardo sui media alterni e sulla loro folle paranoia, l’idea che i decessi siano sopravvalutati non è un concetto marginale o una “teoria della cospirazione”. In realtà è affrontato frequentemente nel mainstream, le persone sembrano semplicemente non ascoltarlo, soffocate com’è dai titoli che inducono alla paura.

Il dottor John Lee, professore di patologia e patologo in pensione in pensione con il SSN, ha scritto in una colonna per lo Spettatore :

Perché i decessi di Covid-19 sono una sopravvalutazione sostanziale

Molti portavoce della salute nel Regno Unito sono stati attenti a dire ripetutamente che i numeri citati nel Regno Unito indicano la morte con il virus, non la morte a causa del virus – questo è importante.
[…]
Questa sfumatura è cruciale – non solo per comprendere la malattia, ma per comprendere l’onere che potrebbe gravare sul servizio sanitario nei prossimi giorni. Sfortunatamente, la sfumatura tende a perdersi nei numeri citati dal database utilizzato per tenere traccia di Covid-19
[…]
Questi dati non sono standardizzati e quindi probabilmente non confrontabili, eppure questo importante avvertimento è raramente espresso dai (molti) grafici che vediamo. Rischia di esagerare la qualità dei dati che abbiamo.

In effetti, il dottor Lee fa di tutto per enfatizzare:

La distinzione tra morire ‘con’ Covid-19 e morire ‘a causa di’ Covid-19 non sta semplicemente dividendo i capelli.

La BBC ha affrontato lo stesso problema in un articolo del 1 aprile [di nuovo, enfatizza il nostro]:

Le cifre della morte riportate quotidianamente sono casi ospedalieri in cui una persona muore con l’infezione da coronavirus nel proprio corpo – perché si tratta di una malattia soggetta a notifica che deve essere segnalata.

Ma ciò che le cifre non ci dicono è in che misura il virus sta causando la morte.

Potrebbe essere la causa principale, un fattore contributivo o semplicemente presente quando stanno morendo di qualcos’altro.

Queste assurde regole hanno contribuito a questo recente esempio, a cui fa riferimento l’articolo della BBC, ma non ampiamente riportato all’epoca:

Un ragazzo di 18 anni a Coventry è risultato positivo al coronavirus il giorno prima della sua morte ed è stato segnalato come la sua vittima più giovane al momento. Ma l’ospedale ha successivamente rilasciato una dichiarazione in cui affermava che la sua morte era dovuta a una condizione di salute “significativa” separata e non collegata al virus.

Questa storia è completamente vera. Il ragazzo è stato ampiamente segnalato come “la più giovane vittima del coronavirus” del Regno Unito il 24 marzo , prima che l’ospedale rilasciasse una dichiarazione in cui diceva:

[L’ospedale] aveva testato COVID-19 il giorno prima della sua morte, ma questo non era legato alla sua ragione di morte.

Nonostante l’ospedale correggesse la stampa, il caso era ancora riportato nei tabloid una settimana dopo il 31 marzo .

Tuttavia, il dettaglio importante qui sta perdendo: Seguendo le attuali regole del SSN, nonostante l’ospedale affermi ufficialmente che non era la sua causa di morte, questo ragazzo fa ancora parte delle statistiche ufficiali sulla mortalità del coronavirus.

Quante altre persone si adattano a quel profilo? Non lo sapremo mai.

Italia, Germania, Stati Uniti, Irlanda del Nord e Inghilterra.

Sono cinque diversi governi, in quattro paesi, tutti sostanzialmente dicendo che va bene presumere che un paziente sia morto di Covid19, e quindi aggiungerlo alle statistiche ufficiali.

È davvero una pratica responsabile durante una potenziale pandemia?

Altri paesi stanno facendo lo stesso?

Fino a che punto possiamo fidarci delle statistiche ufficiali sulla morte, a questo punto?

Come sottolinea la dott.ssa Lee, Covid19 non è una malattia che presenta una raccolta unica o addirittura rara di sintomi. La gamma di gravità e tipo di presentazione è in linea con dozzine di infezioni respiratorie estremamente comuni.

Non è possibile vedere “febbre” e “tosse” e quindi diagnosticare “probabile covid19” con la minima possibilità di accuratezza.

Questa è diventata una di quelle pepite di informazioni che tutti conosciamo a memoria, ma ogni anno tra 290000 e 650000 persone muoiono di influenza o “malattia simil-influenzale”. Se solo il 10% di questi casi viene erroneamente considerato come “probabile” infezione da coronavirus, i numeri di mortalità sono totalmente inutili.

In un momento in cui informazioni valide e affidabili sono la chiave per salvare vite umane e prevenire il panico di massa, i governi globali stanno perseguendo politiche che rendono quasi impossibile la raccolta di tali dati, alimentando la paura pubblica.

A causa di queste politiche, il semplice fatto è che non abbiamo un modo affidabile per sapere quante persone sono morte di questo coronavirus . Non abbiamo affatto dati concreti. E i governi e le organizzazioni internazionali fanno di tutto per mantenerlo in questo modo.

È ora che iniziamo a chiederci perché.

Kit Knightly

Fonte: /off-guardian

L'Imbroglio della Realtà e l'Inganno della Percezione
Le più complete rivelazioni sull’esistenza umana mai scritte prima d’ora
Voto medio su 42 recensioni: Da non perdere
€ 26,90

Il Potere Occulto dell'Industria della Sanità
Conosci i veri obiettivi della Medicina Ufficiale? – La verità sul sistema di controllo delle Case Farmaceutiche
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
€ 18,00

I Nuovi Sovrani del Nostro Tempo - Amazon, Google, Facebook
Cosa vogliono? Vanno fermati?
Voto medio su 4 recensioni: Buono
€ 18,60

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code