toba60

Perché i Bambini hanno Bisogno dell’Immunità Naturale

Views: 202

Perché i bambini hanno bisogno dell’immunità naturale: come i vaccini promuovono effettivamente la crescita del cancro

La premessa alla base dei vaccini è che aiuterà i bambini a combattere le infezioni virali mentre invecchiano. Ma uno studio sulla messaggistica unificata suggerisce che la capacità naturale di combattere le infezioni è presto presente. I vaccini possono inibire la crescita delle cellule immunitarie essenziali nelle prime fasi della vita ed evitare i vaccini potrebbe effettivamente migliorare la risposta di un bambino alle infezioni. Più specificamente, i vaccini stanno sopprimendo un tipo molto specifico di proteina che inibisce la crescita di tumori specifici.

“Quello che succede in tenera età è che le cellule natural killer, come molte altre cellule immunitarie, non completano la loro maturazione funzionale fino all’età adulta”, afferma lo studio senior autore Yasmina Laouar, Ph.D., assistente professore presso il Dipartimento di Microbiologia e Immunologia della UM .

“Durante questo periodo ci viene lasciato un sistema immunitario immaturo che non può proteggerci dalle infezioni, il motivo per cui neonati e bambini sono più inclini alle infezioni”, afferma.

I vaccini promuovono ed estendono il sistema immunitario immaturo dei bambini prevenendo la formazione naturale delle cellule immunitarie. Ciò non si ottiene solo interferendo con il DNA, ma introducendo metalli pesanti come alluminio, mercurio e altri conservanti tossici presenti nei vaccini.

Vi è un ampio divario nella comprensione dell’immunità infantile, in particolare perché le risposte delle cellule killer naturali sono carenti. Lo studio condotto da immunologi della UM dimostra il ruolo di una cellula chiamata trasformare il fattore di crescita beta che può spiegare perché la maggior parte degli scienziati del vaccino ritiene erroneamente che la soppressione dei meccanismi di segnalazione naturali del corpo avvantaggia l’immunità quando la sopprime attivamente.

Lo studio ha mostrato che la produzione di cellule killer naturali è controllata dal TGF-beta, che viene prodotto nel midollo osseo. Nei topi neonati, la maturazione delle cellule killer naturali è progredita più rapidamente in assenza di segnalazione TGF-beta. Molti vaccini sono anche progettati per sopprimere attivamente la segnalazione TGF-beta che si traduce in una conseguenza fisiologica per il corpo umano. In realtà inverte lo scopo previsto, vale a dire immunizzare. Il tentativo di sopprimere artificialmente le cellule killer naturali bloccando la segnalazione del TGF-beta, provoca effettivamente la crescita dei tumori.

Ciò che molti di questi scienziati non riescono a riconoscere è che gli effetti del TGF-beta sulle cellule tumorali e sul microambiente tumorale esercitano influenze sia positive che negative sullo sviluppo del cancro. Concentrandosi sulla segnalazione del TGF-beta per produrre cellule killer più naturali, la conseguenza e il rischio di alterazione delle cellule di monitoraggio della malattia sono molto elevati. Pertanto, il rischio supera qualsiasi beneficio preliminare dichiarato producendo cellule killer naturali più mature.

TGF-beta è un polipeptide secreto che segnala tramite specifici recettori. TGF-beta sopprime la proliferazione e la differenziazione dei linfociti, tra cui le cellule T citolitiche, le cellule natural killer e i macrofagi , prevenendo così la sorveglianza immunitaria del tumore in via di sviluppo. La segnalazione TGF-beta è intimamente implicata nello sviluppo del tumore e contribuisce a tutte le caratteristiche cardinali della biologia delle cellule tumorali.

Gli autori affermano che è allettante proporre la disattivazione funzionale del segnale TGF-beta come strategia per invertire il deficit delle cellule killer naturali nelle prime fasi della vita. Tuttavia, gli effetti a lungo termine di tale iniziativa saranno devastanti.

Molti scienziati sono pienamente consapevoli della doppia natura della segnalazione del TGF-beta, ovvero soppressore del tumore rispetto al promotore del tumore, quindi non è chiaro perché tanta ricerca sia dedicata alla creazione di vaccini per sopprimere il TGF-beta quando un’alta probabilità di crescita del cancro e pro fattore metastatico sono risultati inevitabili.
Se permettiamo al sistema immunitario di un bambino di svilupparsi in modo naturale con nutrimento, latte materno e vitamina D ottimali, c’è poco di più che un bambino avrà bisogno per ottimizzare la salute. Se continuiamo a perseguire mezzi artificiali di immunizzazione, porteremo solo al risultato polare opposto, alla soppressione immunitaria e inevitabilmente al cancro. La vaccinazione non è immunizzazione e non lo sarà mai.

Dave Mihalovic è un medico naturopatico specializzato nella ricerca sui vaccini, nella prevenzione del cancro e in un approccio naturale al trattamento.

Fonte: http://preventdisease.com/news

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

0

Your Cart