toba60

Qui, Leggi Questo se Vuoi Davvero Sapere Perché la Guerra in Ucraina è stata Iniziata dal Gruppo Terroristico USA-UK-UA-IL-EU-NATO

Imperdibile editoriale che al termine della lettura vi lascerà basiti per la nota finale evidenziata in grassetto e che avrete modo di leggere!!!

Toba60

Il nostro lavoro come ai tempi dell’inquisizione è diventato attualmente assai difficile e pericoloso, ci sosteniamo in prevalenza grazie alle vostre donazioni volontarie mensili e possiamo proseguire solo grazie a queste, contribuire è facile, basta inserire le vostre coordinate già preimpostate all’interno dei moduli all’interno degli editoriali e digitare un importo sulla base della vostra disponibilità.Se apprezzate quello che facciamo, fate in modo che possiamo continuare a farlo sostenendoci oggi stesso…

Non delegate ad altri quello che potete fare anche voi.

Staff Toba60

Meno dello 0,1% dei nostri lettori ci supporta, ma se ognuno di voi che legge questo ci supportasse, oggi potremmo espanderci, andare avanti per un altro anno e rimuovere questo fastidioso Banner…

Il capo di STRATFOR rivela il complotto zio-anglo-americano per il dominio del mondo

Perché l’Asse anglo-americano è così determinato a muovere guerra alla Russia

Scacchiere geopolitico globale:

Giocatori psicopatici e mosse ciniche Garantiscono un futuro di guerra perpetua

Esplosiva presentazione ospitata dal Consiglio per gli Affari Globali di Chicago rivela quello che nessun funzionario governativo, nessun rappresentante politico, nessun dirigente delle ONG e nessun direttore di think tank ha mai detto prima in pubblico.

Il fondatore di STRATFOR George Friedman esprime i profondi difetti e l’estrema arroganza dell’eccezionalismo americano e della politica estera statunitense

Perché la Guerra in Ucraina è stata Iniziata dal Gruppo Terroristico USA-UK-UA-IL-EU-NATO

La precedente mappa dell’Europa orientale e dell’Asia occidentale rappresenta la parte più attiva dell’attuale scacchiere geopolitico globale.

Le poche linee colorate illustrano l’essenza stessa della strategia geopolitica anglo-americana per mantenere il dominio mondiale e il controllo economico globale. Questa mappa è stata mostrata come diapositiva durante un discorso critico tenuto dal fondatore di STRATFOR George Friedman. È stata presa come screenshot nel caso in cui il video, estremamente volatile e incriminante, venga rimosso da Internet.

George Friedman ha presentato il suo discorso al Chicago Council on Global Affairs il 4 febbraio 2015, seguito da un’interessante sessione di domande e risposte. Forse non esiste nessun’altra presentazione pubblica mai registrata che abbia delineato così chiaramente l’agenda geopolitica militarista dell’Impero britannico-americano. Friedman spiega con straordinario candore e inusuale dettaglio il modo in cui le potenze occidentali hanno impostato lo scacchiere globale a loro (dell’Asse anglo-americano) apparentemente infinito vantaggio. Naturalmente, è la Federazione Russa ad essere, ancora una volta, dalla parte dei perdenti in questo Grande Gioco… secondo le parole di George Friedman.

Secondo la narrazione neocon, la Germania si trova ancora una volta nel mezzo delle due superpotenze – Stati Uniti e Russia. Il destino tedesco ha messo la nazione nella posizione di determinare letteralmente il futuro destino del mondo. Il secolo scorso ha visto due esempi molto chiari della stessa drammatica dinamica geopolitica. Entrambe le guerre mondiali, la prima e la seconda, hanno messo in mostra gli stessi tre attori di potere.

Ora, arriviamo al 2015, alla guerra civile in Ucraina e alla bancarotta della Grecia. Entrambi si sono verificati in concomitanza con la più grande crisi migratoria della storia europea, mentre lo scacchiere europeo viene sistemato con cura. Ciò che è particolarmente cruciale in questo momento è la rapida evoluzione della posizione e dei movimenti della Germania sulla scacchiera. Tutto il mondo guarda e aspetta di vedere le prossime mosse del Cancelliere Angela Merkel. Lo stato attuale di questa partita a scacchi geopolitica di grande importanza è ulteriormente illustrato dalla mappa sottostante.

Per coloro che non conoscono la storia e gli arcani del Grande Gioco, non è da New York City o da Washington D.C. che si muovono oggi le mosse su questa secolare scacchiera geopolitica, ma da Chicago. Sia Leo Strauss che Milton Friedman hanno fatto dell’Università di Chicago la loro casa accademica. Leo Strauss, il padre del neoconservatorismo, è stato il filosofo politico che ha dato vita a un movimento clandestino che ha utilizzato in modo aggressivo il complesso militare-industriale statunitense per creare un impero americano de facto, talvolta promosso come Pax Americana. Milton Friedman ha fornito il progetto fondamentale per l’economia politica necessaria a sostenere un’economia di guerra perpetua.

Chicago è il luogo in cui si svolge la vera azione, soprattutto a causa dell’hub di immigrazione che è sempre stato per gli immigrati dell’Europa centrale e orientale altamente istruiti, nonché per gli intellettuali russi scontenti e per gli aspiranti oligarchi. L’obiettivo principale di questo “Grande Gioco” è sempre stato quello di spogliare la Russia delle sue ricchezze e di sfruttare ogni risorsa naturale da San Pietroburgo alla penisola della Kamchatka.

Chicago: Quartier generale statunitense della cabala sionista neocon del NWO

Qui sta il vero problema. Da tempo esiste una rete di europei dell’Est che nutre un odio inveterato verso tutto ciò che è russo. Questo odio è allo stesso tempo irrazionale, intenso e senza alcuna base sostanziale. Questi russofobi di lunga data complottano da decenni contro la Madrepatria russa; anche i loro antenati avevano cospirato nel corso dei secoli. A tal fine hanno arruolato un’intera schiera di nazioni che costituiscono un’alleanza non dichiarata nota come Asse anglo-americano (vedi glossario) che è stata ed è ora schierata contro la Russia e i suoi alleati. Negli Stati Uniti molti di questi russofobi provengono da Chicago, visto che l’Università di Chicago è stata utilizzata come sede accademica per decenni.

Il fatto che il Presidente Barack Obama (che proviene da Chicago) sia circondato dagli stessi personaggi sbiaditi è piuttosto problematico. Spiega appieno perché un premio Nobel per la pace si sia fatto in quattro per inimicarsi la Russia e riavviare la guerra fredda. George Soros (originario dell’Ungheria) ha finanziato entrambe le campagne presidenziali di Obama, mentre Zbigniew Brzezinski (originario della Polonia) è stato il suo principale consigliere di politica estera. Obama ha anche nominato una serie di operatori neocon e politici di Chicago in posizioni chiave in entrambe le sue amministrazioni.

Ad esempio, l’esuberante sindaco di Chicago Rahm Emmanuel, di origini ebraiche rumene, è stato il primo capo dello staff di Obama. Penny Pritzker, la cui famiglia ebrea ha fondato la Hyatt Hotels ed è originariamente emigrata da Kiev, in Ucraina, è stata presidente nazionale delle finanze della campagna presidenziale di Obama del 2008. Il padre di David Axelrod, avvocato di Chicago e consulente politico di Obama, era un immigrato ebreo sfuggito ai pogrom dell’Europa orientale. Anche il passato di organizzatore comunitario di Obama è stato fortemente influenzato dal defunto Saul Alinsky, un organizzatore comunitario di Chicago la cui famiglia ebrea era immigrata dalla Russia.

Poi c’è l’attuale Prima Famiglia del Neoconservatorismo, il Vice Segretario di Stato Victoria Nuland e suo marito Robert Kagan. Il padre di Victoria, Shepsel Ber Nudelman, è nato da genitori ebrei russi immigrati Meyer e Vitsche Nudelman. Inutile dire che Victoria “F**K the EU” non possiede la diplomazia necessaria per ricoprire il ruolo di Segretario di Stato aggiunto per gli Affari europei ed eurasiatici. Sarà inoltre ricordata per sempre per aver riavviato da sola la Guerra Fredda, consegnando a mano biscotti e cupcake agli ucraini virulenti anti-russi che stavano eseguendo un colpo di stato coordinato dalla CIA nella piazza Maidan di Kiev, che ha portato alla guerra civile in corso. I legami familiari di Victoria Nuland: Il governo permanente in azione.

Le due figure chiave dietro le impareggiabili casse della campagna elettorale ammassate da Obama prima di entrambe le sue elezioni presidenziali erano George Soros e Zbigniew Brzezinski. Solo comprendendo le vere forze che si celano dietro questi due personaggi si potrà comprendere adeguatamente l’attuale guerra contro la Russia. Basti dire che entrambi nutrono un odio intenso e irrazionale verso la Russia, così come tutti i loro co-cospiratori della Guerra Fredda che hanno collaborato per far crollare lo Stato russo.
(Fonte: L’Asse anglo-americano scatena una guerra economico-finanziaria contro la Russia)

Gli emigrati dell’Europa centrale e orientale che arrivarono in America erano per lo più intelligenze urbane liberali che un tempo vivevano nell’orbita russa. A causa dei loro comuni sentimenti russofobici, si sono naturalmente uniti in una causa comune per abbattere la Russia, cosa che hanno fatto una volta attraverso la rivoluzione bolscevica, accuratamente pianificata. La “Rivoluzione russa” in realtà aveva ben poco a che fare con i russi autoctoni e molto con questo gruppo di russofobici europei. La Rivoluzione bolscevica fu infatti concepita e prodotta, finanziata e promossa sia a New York che nella City di Londra. Senza i finanziamenti bellici americani e l’intelligence militare britannica, l’Unione Sovietica non sarebbe mai stata fondata.

La russofobia, in questo particolare contesto, è stata fabbricata di proposito (come nel Made in USA) nel corso di generazioni come espediente per giustificare lo sfruttamento della Madrepatria russa. Fabbricando la paura nei confronti dell'”Orso russo”, è facile mobilitare l’opinione pubblica mondiale contro di lei. Friedman fa riferimento a quanto sarebbe “spaventosa” una Russia forte, soprattutto se strettamente alleata con la Germania.

Il gruppo originario di russofobi incalliti era composto principalmente da ebrei. Erano banchieri e uomini d’affari, scienziati e accademici, avvocati e medici, e sempre trapiantati dall’Europa centrale o orientale. Intorno a questo nucleo di attivisti rabbiosamente anti-russi (ad esempio George Soros) sono arrivati altri simpatizzanti. Successivamente, si sono uniti alla causa i cattolici conservatori istruiti (ad esempio Zbigniew Brzezinski) provenienti dagli stessi Paesi dell’Europa orientale. La storia di George Friedman si inserisce in questo schema, come si evince dalla biografia che segue:

“L’infanzia di Friedman è stata plasmata direttamente dal conflitto internazionale. È nato a Budapest, in Ungheria, da genitori ebrei sopravvissuti all’Olocausto. La sua famiglia fuggì dall’Ungheria quando lui era bambino per sfuggire al regime comunista, stabilendosi prima in un campo per sfollati in Austria e poi emigrando negli Stati Uniti, dove frequentò le scuole pubbliche di New York City e fu uno dei primi progettisti di giochi di guerra computerizzati”[1].

Con queste premesse essenziali, il seguente video del discorso di George Friedman viene messo a disposizione del lettore su 4 canali diversi. Due di questi hanno sottotitoli in tedesco; l’ultimo ha una traduzione in ceco. Di seguito sono riportati 3 diversi video di YouTube; il primo è la versione breve. Il secondo riprende l’intera presentazione, con il materiale rilevante che inizia a 52:30. Vale la pena di guardare almeno il primo video di 11 minuti. Solo guardando questa presentazione si può comprendere la vera profondità e l’ampiezza di questa cospirazione plurisecolare. In breve, questo video cattura l’essenza stessa dell’eccezionalismo americano andato a male e dell’ambizione egemonica degli Stati Uniti al suo peggio.

Per coloro che non sono in grado di guardare o ascoltare questo video, si prega di notare la seguente trascrizione delle dichiarazioni più importanti fatte da Friedman.

Video Numero 3 Digitare qui

Queste sono presentate in ordine cronologico e sono state rese esattamente come le ha pronunciate. Poiché la sua padronanza della lingua inglese è a volte piuttosto incerta, alcune delle sue affermazioni richiedono la traduzione da parte del lettore.
*** La trascrizione del video inizia sotto la riga ***

Friedman: Nessun luogo è veramente pacifico [in pace e senza guerre] per molto tempo, né gli Stati Uniti… Abbiamo guerre continue, ok. L’Europa, sospetto, non tornerà ai 31 anni, ma tornerà all’umanità. Avranno le loro guerre. Avranno la loro pace. Vivranno la loro vita. Non ci saranno 100 milioni di morti, ma l’idea dell’eccezionalismo europeo credo sia quella che subirà la prima morte. Ci saranno conflitti. C’è stato un conflitto in Jugoslavia e certamente ora c’è un conflitto in Ucraina.

Per quanto riguarda il rapporto con gli Stati Uniti, non abbiamo più un rapporto con l’Europa. Abbiamo un rapporto con la Romania. Abbiamo un rapporto con la Francia. Non c’è un’Europa con cui avere rapporti.

Domanda: L’estremismo islamico è davvero la principale minaccia per gli Stati Uniti e morirà da solo o continuerà a crescere?

Friedman: È un problema per gli Stati Uniti, non è una minaccia esistenziale. Va affrontato, ma in modo proporzionato. Abbiamo altri interessi di politica estera. Quindi, l’interesse primordiale degli Stati Uniti, per il quale per un secolo abbiamo combattuto guerre, la prima, la seconda e la Guerra Fredda, è stato il rapporto tra Germania e Russia, perché unite sono l’unica forza che potrebbe minacciarci, e per assicurarci che ciò non accada. Se sei un ucraino, devi essenzialmente rivolgerti all’unico Paese che ti aiuterà, cioè gli Stati Uniti.

La settimana scorsa, dieci giorni fa, il generale Hodges, comandante dell’esercito americano in Europa, ha visitato l’Ucraina. Ha annunciato che gli addestratori statunitensi sarebbero arrivati ufficialmente, non solo ufficiosamente. Ha anche appuntato delle medaglie sui combattenti ucraini, cosa che, secondo il protocollo militare, gli stranieri non possono appuntare, ma lui lo ha fatto, dimostrando che questo era il “suo” esercito. Poi se n’è andato e nei Paesi Baltici ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero preposizionato blindati, artiglieria e altre attrezzature nei Paesi Baltici, in Polonia, Romania e Bulgaria, un punto molto interessante. Quindi gli Stati Uniti, ieri hanno annunciato l’invio di armi, stasera ovviamente hanno smentito, ma le armi ci saranno.

In tutto questo, gli Stati Uniti hanno agito al di fuori del contesto della NATO, perché la NATO deve avere un voto del 100%, ogni Paese può porre il veto su qualsiasi cosa e i turchi porranno il veto per gioco. Il punto è che gli Stati Uniti sono pronti a creare un cordone sanitario intorno alla Russia. La Russia lo sa. La Russia crede che gli Stati Uniti intendano spezzare la Federazione Russa. Credo che, come ha detto Peter Lawrie, “non vogliamo uccidervi, vogliamo solo farvi un po’ male”. In ogni caso, siamo tornati al vecchio gioco. E se chiedete a un polacco, a un ungherese o a un rumeno, questi vivono in un universo totalmente diverso da quello di un tedesco, e in un universo totalmente diverso da quello di uno spagnolo. Quindi, non c’è una comunanza in Europa, ma se fossi un ucraino farei esattamente quello che stanno facendo loro: cercare di attirare gli americani.

Domanda: Impercettibile

Friedman: Gli Stati Uniti hanno un interesse fondamentale. Controllano tutti gli oceani del mondo. Nessuna potenza lo ha mai fatto. Per questo possiamo invadere i popoli e loro non possono invadere noi; è una cosa molto bella. Mantenere il controllo del mare e dello spazio è il fondamento del nostro potere. Il modo migliore per sconfiggere una flotta nemica è quello di non farla costruire.

Il modo in cui gli inglesi sono riusciti a fare in modo che nessuna potenza europea potesse costruire una flotta è stato quello di assicurarsi che gli europei fossero l’uno contro l’altro. La politica che raccomanderei è quella adottata da Ronald Reagan nei confronti dell’Iran e dell’Iraq. Ha finanziato entrambe le parti in modo che si combattessero tra loro e non contro di noi. Era una politica cinica, non certo morale, ma ha funzionato, e questo è il punto. Gli Stati Uniti non possono occupare l’Eurasia.

Nel momento in cui i primi stivali toccano terra, la differenza demografica è che siamo totalmente in inferiorità numerica. Possiamo sconfiggere un esercito, ma non possiamo occupare l’Iraq. L’idea che 130.000 uomini possano occupare un Paese di 25 milioni di persone, beh, il rapporto tra poliziotti e cittadini a New York era superiore a quello che abbiamo dispiegato in Iraq.

Quindi, non abbiamo la capacità di andare dall’altra parte, ma abbiamo la capacità di sostenere le varie potenze contendenti in modo che si concentrino con il sostegno politico, un po’ di sostegno economico, il sostegno militare, i consiglieri e, per quanto riguarda gli estremisti, fare quello che abbiamo fatto in Giappone, in Vietnam, in Iraq e in Afghanistan… attacchi di disturbo.

L’attacco di disturbo non ha lo scopo di sconfiggere il nemico, ma di sbilanciarlo. In ognuna di queste guerre, ad esempio in Afghanistan, abbiamo messo Al Qaeda fuori gioco. Il problema che abbiamo, visto che siamo giovani e stupidi, è che dopo averli messi fuori gioco, invece di dire: “Lavoro ben fatto, torniamo a casa”, abbiamo detto: “È stato facile. Perché non costruiamo una democrazia qui? Questo è stato il momento in cui è arrivata la demenza.

La risposta, quindi, è che gli Stati Uniti non possono intervenire costantemente in tutta l’Eurasia, ma devono intervenire selettivamente e molto raramente. Questo è il momento estremo. Non possiamo inviare truppe americane come primo passo, e quando inviamo truppe americane dobbiamo capire veramente qual è la missione, limitarci a quella e non sviluppare ogni sorta di fantasia psicotica. Speriamo di averlo imparato questa volta, ci vuole un po’ di tempo perché i bambini imparino le lezioni, ma credo che lei abbia assolutamente ragione, non possiamo farlo come Impero, la Gran Bretagna non ha occupato l’India, ha preso vari Stati indiani e li ha messi l’uno contro l’altro, e ha fornito alcuni ufficiali britannici per un esercito indiano.

I Romani non inviavano grandi eserciti, ma mettevano dei re, come… ehm… sapete, vari re creati sotto l’imperatore e questi re erano responsabili del mantenimento della pace. Ponzio Pilato ne è un esempio. Quindi, gli imperi che sono governati direttamente dall’Impero, come l’Impero nazista, sono falliti. Nessuno ha tanto potere. Bisogna avere un certo livello di intelligenza; tuttavia, il nostro problema non è ancora quello, è ammettere che abbiamo un Impero, quindi non siamo ancora arrivati a quel punto in cui pensiamo di poter tornare a casa e che tutto sia finito. Quindi non siamo ancora pronti per il terzo capitolo del libro.

Domanda: Quindi deduco dai suoi commenti che l’euro come valuta non sopravviverà.

Friedman: La questione sul tavolo per i russi è se manterranno una zona cuscinetto almeno neutrale, o se l’Occidente penetrerà così tanto in Ucraina da trovarsi a 70 miglia da Stalingrado e a 300 miglia da Mosca. Per la Russia lo status dell’Ucraina è una minaccia esistenziale e i russi non possono lasciarla andare. Per gli Stati Uniti, nel caso in cui la Russia si tenga stretta l’Ucraina, dove si fermerà? Non è quindi un caso che il generale Hodges, che è stato nominato responsabile di tutto questo, stia parlando di preposizionare truppe in Romania, Bulgaria, Polonia e nei Paesi Baltici. Questo è l’Intermarium dal Mar Nero al Baltico che Piłsudski sognava.

Si veda la diapositiva sottostante che raffigura l’Intermarium, tratta dallo stesso video di presentazione di George Friedman:

Intermarium Międzymorze (pronuncia polacca: [mjɛnd͡zɨˈmɔʐɛ]), noto in inglese come Intermarium, era un piano, perseguito dopo la Prima guerra mondiale dal leader polacco Józef Piłsudski, per una federazione, sotto l’egida della Polonia, dei Paesi dell’Europa centrale e orientale. Invitati ad aderire alla proposta di federazione furono gli Stati baltici (Lituania, Lettonia, Estonia), Finlandia, Bielorussia, Ucraina, Ungheria, Romania, Jugoslavia e Cecoslovacchia. Il nome polacco Międzymorze, che significa “Intersea” o “Tra i mari”, è stato reso in latino come “Intermarium”.

La federazione proposta intendeva emulare il Commonwealth polacco-lituano, che si estendeva dal Mar Baltico al Mar Nero e che, dalla fine del XVI secolo alla fine del XVIII, aveva unito il Regno di Polonia e il Granducato di Lituania. L’Intermarium completava l’altra visione geopolitica di Piłsudski, il Prometeismo, il cui obiettivo era lo smembramento dell’Impero russo e la dismissione da parte di quest’ultimo delle sue conquiste territoriali.

L’Intermarium fu tuttavia percepito da alcuni lituani come una minaccia alla loro indipendenza appena stabilita e da alcuni ucraini come una minaccia alle loro aspirazioni di indipendenza, e fu osteggiato dalla Russia e dalla maggior parte delle potenze occidentali, ad eccezione della Francia.

Entro due decenni dal fallimento del grande progetto di Piłsudski, tutti i Paesi che egli aveva considerato come candidati all’adesione alla federazione Intermarium erano caduti in mano all’Unione Sovietica o alla Germania nazista, ad eccezione della Finlandia (che tuttavia subì alcune perdite territoriali nella Guerra d’Inverno).

Friedman: Questa è la soluzione per gli Stati Uniti. Il problema, a cui non abbiamo risposte, è: cosa farà la Germania? Quindi, il vero jolly in Europa è che mentre gli Stati Uniti costruiscono il loro cordone sanitario, non in Ucraina, ma a ovest, e i russi cercano di capire come far leva sugli ucraini, non conosciamo la posizione tedesca. La Germania si trova in una posizione molto particolare. L’ex cancelliere Gerhard Schroeder è nel consiglio di amministrazione di Gazprom. Hanno un rapporto molto complesso con i russi. I tedeschi stessi non sanno cosa fare. Devono esportare, i russi non possono accettare l’esportazione. D’altra parte, se perdono la zona di libero scambio, devono costruire qualcosa di diverso.

Per gli Stati Uniti la paura primordiale è il capitale russo, la tecnologia russa… Voglio dire, la tecnologia tedesca e il capitale tedesco, le risorse naturali russe, la manodopera russa, come unica combinazione che per secoli ha spaventato a morte gli Stati Uniti. Come si svolge la situazione? Gli Stati Uniti hanno già messo le carte in tavola. È la linea che va dai Baltici al Mar Nero.

Per i russi, le loro carte sono sempre state sul tavolo. Devono avere almeno un’Ucraina neutrale, non un’Ucraina filo-occidentale. La Bielorussia è un’altra questione. Ora, chiunque possa dirmi cosa faranno i tedeschi, mi parlerà dei prossimi 20 anni di storia, ma purtroppo i tedeschi non hanno ancora deciso, e questo è sempre il problema della Germania.

Enormemente potente dal punto di vista economico, molto fragile dal punto di vista geopolitico e mai in grado di conciliare le due cose. Dal 1871 questa è la questione tedesca, la questione dell’Europa. Pensate alla questione tedesca, perché ora si ripresenta. È la prossima questione che dobbiamo affrontare e non sappiamo come affrontarla, non sappiamo cosa faranno.

*** Fine della trascrizione ***

Qualificazione vitale delle risposte di George Friedman: Cosa non è stato detto

Ovviamente, Friedman non ha rivelato pezzi critici delle loro strategie di guerra storiche (dei neocons). Né ha rivelato gli elementi chiave dei loro futuri piani guerrafondai. Il punto è che i piani di guerra dei neocon hanno sempre incluso il controllo di entrambi i lati dei campi di battaglia. Non solo ottengono enormi profitti dal finanziamento della guerra, ma generano anche enormi flussi di entrate dal successivo capitalismo dei disastri.

Il punto molto più importante è quello che Friedman ha convenientemente tralasciato nelle sue risposte riguardo ad Al Qaeda. In tutti i circoli di intelligence a livello mondiale è ben noto che Al Qaeda è in realtà la CIA.

I neocon hanno creato tutti i cattivi del mondo. L’ISIS, l’ISIL e lo Stato Islamico sono esempi perfetti delle loro creazioni più recenti. Così come i Mujahideen originari dell’Afghanistan, che furono specificamente formati e finanziati dalla CIA per combattere i russi durante la guerra sovietico-afghana. (Sotto il presidente Jimmy Carter, il progetto di armare i mujahidin afghani contro l’URSS era il progetto del consigliere per la sicurezza nazionale Zbigniew Brzezinski).

È inoltre molto importante notare che la cabala neocon è estremamente abile nell’utilizzare l’arte oscura del Dividi et Impera e le sue numerose e odiose tattiche. Non c’è assolutamente nulla che non farebbero nell’interesse di portare avanti i loro piani di guerra. Pertanto, il terrorismo sponsorizzato dai governi è diventato il loro principale modus operandi e il trucco preferito del mestiere. Nessun’altra strategia e/o tattica produce risultati più rapidi della paura generata dal loro incessante terrorizzare le nazioni e le società di tutto il mondo.

È fondamentale ricordare che questa agenda sbagliata, dedicata al mantenimento dell’impero americano, è in voga in tutti i centri urbani di questa nazione. New York e Washington D.C., Chicago e Los Angeles svolgono ciascuno il proprio ruolo integrale nell’avanzamento di questo piano imperiale. L’intera classe politica statunitense e l’industria bancaria, insieme al Complesso militare-industriale e alle principali corporazioni transnazionali, sono tutti in sintonia.

Il Complesso militare-industriale, purtroppo, prospera solo quando c’è la guerra… Tanta guerra. Cosa c’è da fare per loro in tempo di pace? Come possono giustificare gli enormi stanziamenti di bilancio anno dopo anno quando non c’è nessuno spauracchio da attaccare e sottomettere? La caratteristica dell’impero è questa inevitabile tendenza alla guerra perpetua.

Poiché un’agenda politica neoconservatrice è stata sposata senza soluzione di continuità con uno schema economico neoliberale, ora esiste un pericoloso juggernaut che si muove impunemente sul panorama planetario. Data la sua forma attuale e la sua formidabilità, non esiste alcuna forza di contrasto che possa opporsi in modo significativo su qualsiasi campo di battaglia. È stata contenuta solo dai deterrenti nucleari posseduti dalla Russia, dall’indebitamento finanziario attraverso i Treasury effettuato dalla Cina e dalla prodezza economica collettiva di tutti i Paesi allineati ai BRICS.
I punti essenziali del discorso di Friedman: la politica estera degli Stati Uniti messa a nudo

I 10 punti seguenti rappresentano le rivelazioni più agghiaccianti del discorso di George Friedman. Pertanto, se il lettore non ricorda nient’altro di questa esposizione, questi sono i più importanti. Tenerli a mente aiuterà molto a comprendere correttamente i pesanti eventi attuali, in particolare quelli che si stanno verificando ovunque sulla più grande terraferma del mondo – l’Eurasia.

(1) La Russia deve essere contenuta e controllata in ogni modo possibile, in modo da non rappresentare nemmeno una potenziale minaccia allo status di unica superpotenza degli Stati Uniti.

(2) Bisogna impedire alla Germania di entrare in un’unione economica con la Russia; la creazione di falsi pretesti da parte degli Stati Uniti per imporre sanzioni economiche contro la Russia spacca le due nazioni.

(3) Un’alleanza russo-tedesca sfiderebbe il dominio mondiale degli Stati Uniti come nessun’altra forza combinata sulla Terra. L’unione del capitale e della tecnologia tedesca con le risorse umane e naturali russe sarebbe invincibile.

(4) Il modo migliore per precludere una stretta collaborazione tra la Russia e la Germania è quello di portare la guerra ai loro confini, soprattutto attraverso l’impiego di “attacchi di disturbo” (leggi: attacchi terroristici). La Russia lo ha sperimentato con la Cecenia, la Georgia, l’Ossezia del Sud e l’Ucraina.

(5) Fomentando guerre tra i vicini russi e conflitti tra le potenze eurasiatiche interessate, si assicura la supremazia mondiale degli Stati Uniti (ad esempio, il conflitto in Ucraina è stato avviato dopo le iniziative di pacificazione russe in Siria).

(6) Proprio come l’Impero britannico controllava le sue numerose colonie attraverso il divide et impera, gli Stati Uniti devono utilizzare lo stesso modus operandi e le stesse tattiche militari. Roma usava la stessa strategia di divide et impera nominando re locali per mantenere la pace.

(7) L’Intermarium di Pilsudski delinea il modo ideale per contenere la Russia al confine europeo, che potrebbe poi essere usato come trampolino di lancio per conquistare la Madrepatria. Spingere il fronte occidentale della Russia vicino a Mosca rappresenta una minaccia esistenziale.

(8) Incanalare l’odio per la defunta URSS, presente negli Stati baltici e negli ex satelliti sovietici, verso la Federazione Russa, che ha 25 anni, contribuirà a rendere sicuro l’Intermarium.

(9) Il mantenimento di un cordone sanitario intorno alla Russia neutralizzerà la sua forza militare, limiterà le sue alleanze e ridurrà al minimo la sua influenza economica nel mondo. Mantenere per sempre la Russia sulla difensiva.

(10) La Russia e la Germania devono essere tenute separate anche a costo di scatenare la Terza Guerra Mondiale. Le prime due guerre mondiali sono servite allo stesso scopo; la guerra civile ucraina può essere estesa in qualsiasi momento per preoccupare le nazioni interessate, poiché è stata scelta per la sua volatilità.

Conclusione

Le affermazioni e le risposte di George Friedman sono sconsiderate e riprovevoli all’estremo. Come consulente altamente retribuito del governo federale degli Stati Uniti e di varie ONG, i suoi servizi dovrebbero essere interrotti al più presto. I suoi riferimenti casuali a turbare la pace nel mondo e a commettere nudi atti di aggressione verso nazioni straniere nell’interesse della rapace conquista neocon sono del tutto inaccettabili.

La cricca senza legge di funzionari governativi, ufficiali militari, dirigenti di think tank, presidenti di ONG, amministratori delegati di aziende, rettori di università e magnati dei media deve essere smascherata per aver attuato un’agenda così malevola e distruttiva. In verità, una cospirazione nefasta e neoliberista è stata esposta in video da George Friedman di Stratfor. Si può solo ipotizzare se ciò sia stato fatto di proposito o per caso; tuttavia, la sua esposizione sarà fondamentale per portare alla sua definitiva conclusione. Dopo tutto, quando i “guerrieri del freddo” del secolo scorso vengono eliminati dalla partita a scacchi, non può esistere una versione del XXI secolo della Guerra Fredda.

La prova inconfutabile dei russofobi che hanno istigato la Guerra Fredda è ora disponibile per tutti. Un neoconservatore convinto divulga segreti oscuri “classificati” che raramente, se non mai, vedono la luce del giorno. Le prove sono così forti che i procedimenti penali (come nella Corte penale internazionale dell’Aia) possono ora procedere sulla base di quelle guerre illegali, che sono state provocate e perseguite dal governo federale degli Stati Uniti, per portare avanti questa agenda palesemente neocon. Ci sono anche i numerosi conflitti militari, condotti da procuratori stranieri e surrogati del tradimento, che si sono verificati come risultato dello stesso piano di gioco.

È di vitale importanza capire che gli “esperti” di geopolitica come George Friedman entrano praticamente da qualsiasi porta vogliano a Washington, D.C. L’influenza che esercitano all’interno del governo degli Stati Uniti e delle corporazioni americane è fin troppo ampia, data la bancarotta morale della loro filosofia politica profondamente sbagliata e della loro politica estera fondamentalmente sbagliata. Questi sono gli stessi “fifoni” che hanno dato il via alla guerra in Iraq e, prima ancora, a quella in Afghanistan. Pertanto, è imperativo che vengano immediatamente rimossi dalla vita pubblica, poiché hanno dimostrato di essere una terribile minaccia per la società.

Allo stesso modo, tutte le varie parti associate a questa impresa omicida e criminale devono essere arrestate al più presto prima che possano infliggere altri danni. Gli Stati Uniti e la Russia, l’Europa e il Medio Oriente hanno visto abbastanza delle loro opere. Ogni cospiratore della cabala neocon dovrebbe essere identificato per nome e affiliazione organizzativa, e poi pubblicato su un sito internet dedicato con il titolo:

“CERCASI – Per crimini contro l’umanità”.

Solo così il mondo intero si salverà da altre guerre e dall’inevitabile caos che ne consegue.

**********(11 settembre 2015)**********

George Friedman’s

Fonti: stateofthenation2012.com & themillenniumreport.com

Nota dell’autore

Non è certo un caso che questo articolo sia stato pubblicato l’11 settembre 2015. La stessa cabala di malfattori è direttamente responsabile dell’ideazione, del coordinamento, dell’esecuzione e della copertura degli attacchi terroristici False Flag dell’11 settembre a New York e Washington.

Molti potrebbero obiettare alla frase descrittiva usata nel sottotitolo “Giocatori psicopatici”. Tuttavia, non è mai stato così urgente chiamare le cose con il loro nome. Questa camarilla di canaglie non solo ha rubato quasi un secolo al popolo russo, ma ha terrorizzato il mondo dall’11 settembre, usando l’operazione a bandiera falsa di quel giorno come falso pretesto per fabbricare una falsa guerra al terrorismo.

In realtà, abbiamo a che fare con un gruppo di psicopatici criminalmente folli che hanno usato gli Stati Uniti d’America come braccio militare del loro Nuovo Ordine Mondiale. Sono convinti che il fine (il dominio del mondo) giustifichi completamente i mezzi (il terrorismo sintetico), per quanto spietati e barbari. Di conseguenza, la cabala neocon ha usato, abusato e maltrattato il popolo americano fino alla sua morte e distruzione.

Gli USA: braccio militare del Nuovo Ordine Mondiale

Nota dell’editore

Poco dopo aver pubblicato questo pezzo, SOTN si è imbattuto in un articolo di Global Research che conteneva informazioni che ci hanno portato a credere che George Friedman non fosse a conoscenza delle sue gravi indiscrezioni. È stato molto difficile capire come qualcuno nella sua veste abbia potuto dire verità così nette e “pericolose” in un forum pubblico. Ora sembra che non abbia il pieno controllo delle sue facoltà, in particolare della sua capacità di discriminare tra ciò che può e ciò che non può essere detto in pubblico.

Che questa mancanza di discriminazione sia dovuta a farmaci, demenza o qualche altra afflizione, è chiaro che l'”Universo” si è servito di lui per rivelare verità proibite. Ciò che è stato condiviso in questo post non avrebbe mai dovuto provenire da una ONG che in alcuni ambienti è conosciuta come una “CIA privata”. George Friedman è stato anche un po’ indiscreto quando ha detto che il colpo di Stato di Kiev è stato “il colpo di Stato più palese della storia”. Come segue:

Il capo di Stratfor, “CIA privata”, dice che il rovesciamento di Yanukovych è stato “il colpo di stato più palese della storia”.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code