toba60
This will be some description under the media in header

Salvini e Di Maio. La Verita’ vi fa Male, lo so !

Salvini e la Lega

La Lega nasce come movimento di Protesta ai tempi della prima Repubblica, lo Slogan mediatico ripetuto a piu’ riprese  per insediarsi al Potere era il ben noto (Roma Ladrona), per non parlare dei successivi Graffiti ben visibili in ogni ponte  autostradale del Nord,  inneggianti al Meridionale che oltre che Ladro era Sporco e Fannullone.

L’esito Elettorale fu Sorprendente e chi non se lo ricorda!

Tutti solidali con il Grande Bossi,  affiancato dagli  scudieri Salvini e Maroni che finalmente possono dare voce al Cittadino del Nord Sfruttato e Laborioso contro quello del sud Mantenuto e Scansafatiche.

Il tempo fa dimenticare molte cose, le promesse elettorali non mantenute scivolano via insesorabili, l’emozione del momento lascia spazio alle difficolta’ della vita quotidiana e si spera nuovamente ad un futuro radioso, pero’, diciamocelo pure, e’ stata bella tutta questa ventata di Novita’, di Speranza e Ottimismo, tutto Proiettato in un futuro Migliore.

Avevamo un Nemico Ben preciso da Combattere per risolvere tutti i nostri problemi, rappresentato dal Sud Minaccioso supportato da una Capitale Odiata e Disprezzata, e paradossalmente quella stessa fascia elettorale che  attualmente lo ha proiettato ai vertici di una maggioranza schiacciante e’ la stessa che precedentemente veniva umiliata con epiteti indicibili riferiti alla loro identita’ sociale e territoriale, tutti ci sono cascati,  ignari che la sola funzione era quella di insediare e consolidare un potere che non e mai funzionale al popolo

Essere strumento del potere significa proprio questo,  venire assecondati su aspettative di impatto sociale, creando successivamente i  presupposti, affinche’ l’odio attaverso la divisione, inibisca ogni sua visione globale, inerente alle cose significative e necessarie da fare.

Il problema islamico e immigratorio e’ un problema molto importante e reale, sentito dalla maggioranza della popolazione, che condivide in pieno ogni presa di posizione a riguardo, un po’ come la questione meridionale, da sempre al centro di ogni discussione politica mirata ad una soluzione, che in defitiva poi nessuno intende risolvere, per questioni endemiche al nostro sistema socio economico.

La dissonanza cognitiva tra il passato e il presente e’ palese in ogni sua parte e non puo’ essere liquidata con i principi di giustizia e legalita’

Toba e’ stato in Meridione e chi si e’ limitato a fare una visita turistica in un resort, non puo’ capire quanto viverci sia difficile, ed e’ cosa impossibile sottostare ad una qualsiasivolglia normativa sociale.

 In meridione evadere le tasse, non pagare il bollo, non fare l’assicurazione, non sottostare alle regole catastali, lavorare in nero, non rispettare le norme fiscali  e’ una necessita’, per loro lo stato e’ una palla al piede, assecondare le regole assurde di un sistema oramai allo sfascio significa per loro, bloccare una struttura sociale che si regge solo ed  unicamente grazie ad essa.

 L’ etica morale per i laboriosi cittadini del nord di cui tanto vanno orgolgliosi significa lavorare 12 ore al giorno e vedersi sottrarre il 60 per cento dello stipendio a fine mese e non e’ certo perche al sud non lavorano e non pagano le tasse, questa e’ solo propaganda, quella propaganda che ha consentito alla Lega di stare al Governo di Maggioranza anni senza che nessuno si sia veramente accorto del loro passaggio.

  Quello che era il problema meridionale e’ sostituito dallo  sbarco di immigrati, il sud passa in secondo piano,  una boccata di ossigeno per un assetto politico alla continua ricerca di nuovi stimoli e voti, tanti voti.

Non e’ un Italia senza immigati e islamici quella che un politico vuole,  ma uno status  che asseconda la bramosia di essere protagonsti del nostro tempo.

IL meridionale, l’immigrato o l’islamico e’ un problema, ma il Leader che si erge come paladino del popolo, non lo vede come un problema, ma come una soluzione.

  IL problema immigarzione va affrontato a livello mondiale e non avra’ mai fine senza una politica economica ed estera, che necessita di figure politiche di ben altra levatura.

IL popolo deve sapere che l’Italia e’ in mano ad uno sparuto gruppo di Oligarchi che detta tutte le regole del gioco, ed il Solo Ruolo che ricoprono i politici al Governo e’ quello di Burattini.

Di Maio e il M5 Stelle

Di Maio nasce da una Costola di Beppe Grillo, chi non ricorda quando nei Comizi popolari in tutte le Piazze d’Italia, prometteva insieme a Di Battista, l’ Uscita dall’Euro dalla Nato, ribadendo la neccessita di riappropriarsi della sovranita’ Monetaria.

Non dimentichiamo poi la ferma decisione di  privatizzare le Autostrade, subito dopo la caduta del Ponte Morandi, ricordate l’immagine del Ministro degli Interni,  insieme a Di Maio, quando si e’ presentato in un Bagno di folla, per ricevere applausi a scena aperta, quale scenario migliore per sfruttare un sentimento condiviso da tutta la popolazione, dimenticando pero’ i terremotati Permanenti, che non hanno gia da tempo un primo piano Televisivo e Mediatico da esibire, per un tornaconto elettorale.

Il  cavallo di battaglia di questo movimento, e’ sempre stata la vicinanza al popolo e Di Maio e tutti i suoi Ragazzini (Come Lui) al seguito, per anni, hanno ingannato la gente, attraverso iniziative tese a dare risposte, mai date, su questioni come Le scie Chimiche,  i Vaccini, per non Parlare della No Tav, tutte azioni che oggettivamente non sono il fondamento delle  problematiche impellenti del paese, (Economia e Politica Estera) ma che sono servite a dare quel barlume di credibilita’ necessarie, ad acquisire il ponte di comando che………alla resa dei conti, risulta essere fondamentale……non per il potere, quello e’ gia retaggio del passato, presente e futuro, ma per dettare le Regole del gioco, che devono essere le stesse.

Cambiare, affinche’ tutto rimanga invariato

Toba   

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code