toba60

Studio: L’uso di Mascherine a Lungo Termine può Contribuire al Cancro del Polmone in Stadio Avanzato

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo
  • 97
    Shares

Abbiamo voluto essere molto dettagliati nella stesura dell’articolo, sono informazioni molto importanti e gli autori stessi erano consapevoli di quanto stavano per comunicare alla gente in virtù dei loro studi effettuati.

Leggetelo attentamente e prestate bene attenzione alla ricca spiegazione scientifica facile da comprendere.

Toba60

La mascherina può Contribuire al Cancro del Polmone in Stadio Avanzato

Un recente studio sulla rivista Cancer Discovery ha scoperto che l’inalazione di microbi nocivi può contribuire al cancro ai polmoni in fase avanzata negli adulti. L’uso a lungo termine di mascherine per il viso può aiutare ad allevare questi pericolosi agenti patogeni.

I microbiologi concordano sul fatto che l’uso frequente della maschera crea un ambiente umido in cui i microbi possono crescere e proliferare prima di entrare nei polmoni. Questi microbi estranei viaggiano poi lungo la trachea e in due tubi chiamati bronchi fino a raggiungere piccoli sacchi d’aria coperti da vasi sanguigni chiamati alveoli.

“I polmoni sono stati a lungo ritenuti sterili, ma ora sappiamo che i commensali orali – microbi che si trovano normalmente nella bocca – entrano spesso nei polmoni a causa di aspirazioni inconsce”. – Leopoldo Segal, autore dello studio e direttore del programma microbioma polmonare e professore associato di medicina alla New York University Grossman School of Medicine

Secondo lo studio, dopo aver invaso i polmoni questi microbi causano una risposta infiammatoria nelle proteine note come citochina IL-17.

“Dato l’impatto noto di IL-17 e infiammazione sul cancro ai polmoni, eravamo interessati a determinare se l’arricchimento di commensali orali nei polmoni potrebbe guidare un’infiammazione di tipo IL-17 e influenzare la progressione e la prognosi del cancro ai polmoni”, ha detto Segal.

Analizzando i microbi polmonari di 83 adulti non trattati con cancro ai polmoni, il team di ricerca ha scoperto che le colonie di batteri Veillonella, Prevotella e Streptococcus, che possono essere coltivati attraverso l’uso prolungato della maschera, sono tutti trovati in quantità maggiori nei pazienti con cancro ai polmoni in fase avanzata rispetto alle fasi precedenti.

La presenza di queste colture batteriche è anche associata a una minore possibilità di sopravvivenza e a una maggiore crescita del tumore, indipendentemente dallo stadio.

Inoltre, la ricerca sulla coltivazione di batteri Veillonella nei polmoni dei topi ha scoperto che la presenza di tali batteri porta all’emergere di cellule immunosoppressive così come quelle infiammatorie come la citochina IL-17.

“Dati i risultati del nostro studio, è possibile che i cambiamenti del microbioma polmonare potrebbero essere utilizzati come biomarcatore per prevedere la prognosi o per stratificare i pazienti per il trattamento”.

Leopoldo Segal Neurologo Tedesco mette in guardia contro l’uso di maschere per il viso: “La privazione di ossigeno provoca danni neurologici permanenti

Man mano che emergono più prove relative agli effetti a lungo termine dei mandati delle maschere e dei blocchi, medici e scienziati stanno cominciando a riconsiderare se queste misure autoritarie stanno davvero facendo più male che bene.

Un esperto di salute pubblica canadese, il dottor Aji Joffe, ha scoperto in uno studio correlato che i blocchi causano “almeno dieci volte” più danni che benefici.

In un recente documento di lavoro di ricercatori delle università di Harvard, Duke e John Hopkins, gli accademici hanno concluso che “per la popolazione complessiva, l’aumento del tasso di mortalità in seguito alla pandemia COVID-19 implica uno sconcertante 0,89 e 1,37 milioni di morti in eccesso nei prossimi 15 e 20 anni, rispettivamente”.

Da quando è iniziato l’uso forzato della mascherina, i dermatologi hanno coniato il termine ‘maskne’ per descrivere l’insorgenza di brufoli vicino alla bocca causati dalle maschere che ostruiscono i pori con olio e batteri. Questo può essere causato da maschere usa e getta o di stoffa.

I dentisti hanno anche messo in guardia su un fenomeno noto come ‘bocca della maschera’, in cui i pazienti tornano allo studio dentistico con un aumento delle gengiviti e delle carie fino al 50% in un periodo di pochi mesi dall’inizio dei mandati della maschera.

Questa scoperta fa luce sulla crescente evidenza di danni causati dall’uso di maschere a lungo termine.

“La privazione di ossigeno provoca danni neurologici permanenti”

Questo è uno dei post più importanti che abbia mai fatto, quindi per favore leggetelo.

Ho scritto una trascrizione di alcuni punti salienti del recente ed estremamente pressante video messaggio della dottoressa Margareta Griesz-Brisson, che è stato tradotto dal tedesco all’inglese da Claudia Stauber.

La dottoressa Margareta Griesz-Brisson MD, PhD è un consulente neurologo e neurofisiologo con un dottorato di ricerca in farmacologia, con un interesse speciale in neurotossicologia, medicina ambientale, neurorigenerazione e neuroplasticità.

“La reinalazione della nostra aria espirata creerà senza dubbio una carenza di ossigeno e un’inondazione di anidride carbonica. Sappiamo che il cervello umano è molto sensibile alla privazione di ossigeno.

Ci sono cellule nervose per esempio nell’ippocampo che non possono stare più di 3 minuti senza ossigeno non possono sopravvivere.

I sintomi acuti di avvertimento sono mal di testa, sonnolenza, vertigini, problemi di concentrazione, rallentamento dei tempi di reazione – reazioni del sistema cognitivo.

Tuttavia, quando si ha una privazione cronica di ossigeno, tutti questi sintomi scompaiono, perché ci si abitua.

Ma la tua efficienza rimane compromessa e la carenza di ossigeno nel tuo cervello continua a progredire.

Sappiamo che le malattie neurodegenerative impiegano da anni a decenni per svilupparsi. Se oggi dimentichi il tuo numero di telefono, il guasto nel tuo cervello sarebbe già iniziato 20 o 30 anni fa.

Mentre pensi di esserti abituato a indossare la maschera e a respirare di nuovo la tua aria espirata, i processi degenerativi nel tuo cervello si amplificano man mano che la privazione di ossigeno continua.

Il secondo problema è che le cellule nervose del tuo cervello non sono in grado di dividersi normalmente.

Quindi, se i nostri governi permetteranno generosamente di liberarsi delle mascherine e di tornare a respirare liberamente l’ossigeno tra qualche mese, le cellule nervose perdute non si rigenereranno più. Ciò che è andato è andato.

Non indosso una maschera, ho bisogno del mio cervello per pensare. Voglio avere la mente lucida quando tratto con i miei pazienti, e non essere in un’anestesia indotta dall’anidride carbonica.

Non esiste un’esenzione medica infondata dalle maschere facciali, perché la privazione di ossigeno è pericolosa per ogni singolo cervello.

Deve essere la libera decisione di ogni essere umano se vuole indossare una maschera assolutamente inefficace per proteggersi da un virus.

Per i bambini e gli adolescenti, le maschere sono un no assoluto. I bambini e gli adolescenti hanno un sistema immunitario estremamente attivo e adattivo e hanno bisogno di una costante interazione con il microbioma della Terra.

Il loro cervello è anche incredibilmente attivo, perché ha così tanto da imparare. Il cervello del bambino, o il cervello del giovane, è assetato di ossigeno.

Più l’organo è metabolicamente attivo, più ossigeno richiede. Nei bambini e negli adolescenti ogni organo è metabolicamente attivo.

Privare il cervello di un bambino o di un adolescente dell’ossigeno, o limitarlo in qualsiasi modo, non è solo pericoloso per la loro salute, è assolutamente criminale.

La carenza di ossigeno inibisce lo sviluppo del cervello, e il danno che si è verificato di conseguenza NON può essere invertito.

Il bambino ha bisogno del cervello per imparare, e il cervello ha bisogno di ossigeno per funzionare. Non abbiamo bisogno di uno studio clinico per questo.

Questa è fisiologia semplice e indiscutibile.

La carenza di ossigeno indotta consapevolmente e di proposito è un pericolo per la salute assolutamente deliberato, e una controindicazione medica assoluta.

Una controindicazione medica assoluta in medicina significa che questo farmaco, questa terapia, questo metodo o misura non dovrebbe essere usato, e non può essere usato.

Per costringere con la forza un’intera popolazione a usare una controindicazione medica assoluta, ci devono essere ragioni certe e serie per questo, e le ragioni devono essere presentate a organi competenti interdisciplinari e indipendenti per essere verificate e autorizzate.

Quando, tra dieci anni, la demenza aumenterà in modo esponenziale, e le giovani generazioni non potranno raggiungere il loro potenziale divino, non servirà dire “non avevamo bisogno delle mascherine”.

Come possono un veterinario, un distributore di software, un uomo d’affari, un produttore di auto elettriche e un fisico decidere su questioni che riguardano la salute dell’intera popolazione? Per favore, cari colleghi, dobbiamo tutti svegliarci.

Io so quanto sia dannosa la privazione di ossigeno per il cervello, i cardiologi sanno quanto sia dannosa per il cuore, i pneumologi sanno quanto sia dannosa per i polmoni. La privazione di ossigeno danneggia ogni singolo organo.

Dove sono i nostri dipartimenti della sanità, le nostre assicurazioni sanitarie, le nostre associazioni mediche? Sarebbe stato loro dovere essere veementemente contro l’isolamento e fermarlo e bloccarlo fin dall’inizio.

Perché le commissioni mediche emettono punizioni per i medici che danno esenzioni alle persone? La persona o il medico deve seriamente dimostrare che la privazione di ossigeno danneggia le persone? Che tipo di medicina rappresentano i nostri medici e le associazioni mediche?

Chi è responsabile di questo crimine? Quelli che vogliono farlo rispettare? Quelli che lasciano che accada e stanno al gioco, o quelli che non lo impediscono?

Non si tratta di maschere, non si tratta di virus, non si tratta certamente della vostra salute. Si tratta di molto, molto di più. Io non partecipo. Non ho paura.

Potete notare che ci stanno già prendendo l’aria per respirare. L’imperativo dell’ora è la responsabilità personale. Noi siamo responsabili di ciò che pensiamo, non i media.

Siamo responsabili di quello che facciamo, non dei nostri superiori. Siamo responsabili della nostra salute, non dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

E noi siamo responsabili di quello che succede nel nostro paese, non il governo”.

Phillip Schneider & Dott.ssa Margarite Griesz-Brisson

Fonte: phillipschneider.com & Sott.net

La censura è una spada di Damocle che incombe ogni giorno sopra la nostra testa, collabora con noi attraverso un contributo mensile, Byoblu ha dovuto accedere alle reti televisive per lavorare liberamente e va ”Supportato”, fa che coloro che  rimangono non debbano chiudere, siamo pure noi fondamentali ed importanti e solo insieme possiamo far fronte ad uno strapotere mediatico neoliberista e non intendiamo in alcun modo offrire loro il  monopolio assoluto dell’informazione.  Toba60

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code