toba60

Coronavirus: Per Salvare un Uomo in Mare Hanno Affondato il Titanic

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Ora che la situazione e’ assai compromessa, si possono già fare alcuni bilanci che non dimentichiamolo sono provvisori, in quanto lo scopo e l’obbiettivo di questo agire sconsiderato, e’ ancora da venire.

Avete notato come si sono defilati di colpo, Politici, Governatori delle Regioni, Sindaci e Membri delle Istituzioni, dopo un primo momento di euforia mediatica?

E’ sotto gli occhi di tutti il disastro che hanno creato, l’ignoranza e la stupidita’, e’ nei momenti critici che si evidenzia in tutta la sua prorompente evidenza e ora devono accelerare al massimo ogni azione, ma non tanto per una ripresa economica, quella e’ una chimera e lo sanno benissimo, ma per distogliere l’attenzione su tutto quello che doveva essere fatto e non sono stati in grado di fare, ci sono dentro fino al collo e l’acqua e’ oramai alla gola.

Una considerazione e’ doverosa farla:

Come mai tutto questo slancio umanitario nei confronti degli anziani, una categoria di persone che ha rappresentato un autentica palla al piede per il loro ruolo inutile in una società’ capitalista e globalizzata?

A menzionarli come un patrimonio insostituibile della società’, sono quegli stessi che hanno stabilito loro la folle cifra di 600 euro al mese di pensione per vivere.

Sono coloro che con le lacrime agli occhi si sono dati tanto da fare per varare norme di legge che li inducono a lavorare sino alla soglia dei 70 anni perché’ lo vuole l’Europa.

Sono quelle stesse persone che hanno dimezzato le strutture ospedaliere, che guarda caso li riguarda molto da vicino.

E che dire di tutto lo slancio umanitario che impone loro ogni giorno a fare ore e ore di code interminabili, anche solo per farsi un prelievo presso una qualsiasi struttura ospedaliera? E guai se deve farsi una Tomografia, i tempi biblici anticipano la sua morte, ma non per la malattia, ma per i tempi di attesa snervanti che accentuano l’agonia.

Tanta attenzione per gli anziani per poi con un gran tempestività’ in collaborazione con la Nato, finanziare e rendersi partecipe di guerre in ogni parte del mondo.

Solo in Irak per colpa del cattivo Saddam hanno sterminato 4,500.000 persone dove le bombe intelligenti hanno per errore ucciso oltre 500.000 bambini, li forse gli anziani erano pochi e si sono dovuti accontentare di quello che c’era.

In Siria la storia si ripete, il Parlamento in italia (E non solo) si preoccupava del pareggio di bilancio, li i morti sono 384 mila Con 1milione di profughi e grazie al supporto umanitario di chi ama gli anziani, la questione e’ nelle loro intenzioni portarla avanti ancora a lungo, Assad e’ il cattivo e tutti devono morire, una storia che si ripete.

In Yemen ‘Italia con la collaborazione di chi ama gli anziani, 250 mila, di cui il 60 % bambini con meno di cinque anni, sono morti in una guerra supportata in comunione con la nato e Stati Uniti. Li le industrie italiane, quelle che ora piangono il ”morto”, sono i primi fornitori di armi e bombe a grappolo e ogni giorno a causa del virus che e’ arrivato pure la’, ci sono centinaia di vittime per l’assenza di ogni bene di prima necessita’.

Guerra in Yemen

E che dire del Congo, dove Negli ultimi 20 anni sono morte oltre 9 milioni di persone, e l’italia con i suoi politici e la mega finanza (Quelli che si preoccupano tanto degli anziani) che li ha messi sul posto di comando, stipulava accordi su accordi per preservare lo sterminio permanente e godere delle loro risorse naturali.

Queste teste quadre per risolvere il problema del virus si sono prodigati nella titanica impresa di andare a caccia delle fake news, di imporre Applet nei Cellulari e limitare il raggio di azione delle persone, anche di chi vive a 10 km dal piu’ vicino centro abitato.

E ora guardate questi dati con grafico annesso.

Secondo la rilevazione Istat “Decessi e cause di morte”, nell’anno 2010 tra i residenti in Italia si sono tolte la vita 3876 persone, di queste il 78% erano uomini. Gli over 65enni rappresentano circa un terzo di tutte le vittime di suicidio e, in questa fascia d’età, la proporzione di anziani è simile per i due generi (34% tra gli uomini e 36% tra le donne). Il tasso standardizzato di mortalità per suicidio tra la popolazione con più di 15 anni d’età è stato pari a 12,1 (per 100.000 abitanti) per gli uomini e 2,9 (per 100.000 abitanti) per le donne (vedi figura 1).

Figura 1. Composizione percentuale per classi di età dei decessi per suicidio in Italia. Uomini e donne, anno 2010

Sia per gli uomini che per le donne la mortalità per suicidio cresce con l’aumentare dell’età ma, mentre per le donne questo aumento è piuttosto costante, per gli uomini si evidenzia un incremento esponenziale a partire dai 65 anni. 

Tra gli uomini nella classe di età 65-69 anni si registra un tasso pari a circa 14 suicidi ogni 100.000 abitanti della stessa età, che aumenta progressivamente fino a raggiungere, tra gli over 95enni, un picco di circa 46 suicidi ogni 100.000.

Per quanto riguarda le donne, invece, la mortalità per suicidio aumenta in maniera molto netta fino ai 50-55 anni (arrivando a circa 4 suicidi ogni 100.000 abitanti), per poi aumentare più lentamente nelle classi di età successive (con un massimo di circa 5 suicidi ogni 100.000 abitanti tra le donne di 70-75 anni) (vedi figura 2).

Figura 2. Tassi di mortalità per suicidio età-specifici. Uomini e donne. Italia, anno 2010

I dati sono del 2010 rilevati in tempi non sospetti, Non serviva il Covid19 per farli morire come mosche, era già una realtà molto ben consolidata, e per motivi che non consentono di avere una platea in prima fila utile per fare propaganda

E ora ditemi voi cosa hanno fatto in tutti questi anni per gli anziani quelli che si sporcano la bocca con un cartello in mano, mostrando il numero di morti e mettendosi a piangere?

Ve lo dico io cosa facevano

Campagna elettorale

Come quella che fanno ora, ma oggi con uno stimolo in piu’………

Possono farla sulla pelle dei morti, ed e’ molto più Efficace

L’apoteosi del Potere e dell’Ipocrisia

Toba60

Errori di Pensiero e il Coronavirus

“La fine di tutto ciò che chiamiamo vita è a portata di mano e non può essere elusa”
HG Wells (1946)

l coronavirus non fa solo ammalare le singole persone, ma minaccia anche l’intera società. Le misure utilizzate per controllare il virus distruggono i mezzi di sussistenza delle persone, calpestano le libertà di base e, se prolungate, potrebbero alla fine portare al collasso della società all’ingrosso.

Tuttavia, finora, il discorso sul virus si è concentrato sui fatti medici ed epidemiologici – sui quali sembra esserci una sorprendente mancanza di accordo. Non abbiamo ancora idea di quanto sia pericoloso il virus, né di quanto facilmente si diffonda, né di quante persone al momento lo abbiano. Tuttavia, l’assenza di informazioni reali non ha indotto i governi a muoversi con maggiore cautela. Al contrario, li ha incoraggiati a compiere passi sempre più radicali.

Per capire il perché, è necessario apprezzare il modo in cui tutta la conoscenza, e sicuramente anche i fatti scientifici, sono costruiti socialmente e come gli esseri umani, nonostante tutte le assicurazioni contrarie dei filosofi, siano nel cuore animali irrazionali. Siamo creature paurose e credulone la cui risposta alle crisi è governata da pregiudizi cognitivi profondamente radicati.

L’11 gennaio 2020, la Cina ha annunciato la sua prima morte a causa del virus, un uomo di 61 anni che aveva acquistato merci in un mercato del pesce. Per i due mesi seguenti il ​​mondo ha seguito la storia essenzialmente come spettatori.

Ma poi, il 7 marzo, un pubblico americano in attesa del fine settimana si è invece svegliato con la triste notizia del Dr. James Lawler, un professore del Medical Center dell’Università del Nebraska, che circa 96 milioni di americani potrebbero essere infettati dal coronavirus. Di questi, Lawler calcolò che 4,8 milioni sarebbero stati ricoverati in ospedale e quasi mezzo milione – 480.000 – sarebbero morti!

Per il mondo occidentale, guardare il virus non era più uno sport per spettatori. Le notizie peggiori seguirono solo pochi giorni dopo quando gli esperti britannici a Londra pubblicarono le loro ricerche. Ciò sembrava dimostrare che senza un’azione drastica, non mezzo milione ma due milioni e mezzo di americani hanno affrontato una fine imminente e sgradevole per mano del virus misterioso. La valutazione dettagliata e apparentemente autorevole del professor Neil Ferguson e del suo team all’Imperial College di Londra ha previsto almeno mezzo milione di morti nel solo Regno Unito.

Poco dopo, a Londra, il solito giocoso Boris Johnson, il politico che si era appeso a un filo metallico per agitare una presa del sindacato per la gioia dei media, si rivolse senza sosta alle onde radio per rivolgersi alla nazione. “Devo essere all’altezza del pubblico britannico”, ha detto il Primo Ministro. “Molte altre famiglie perderanno i propri cari prima del tempo”.

La trasmissione è stata seguita ore dopo da regolamenti di emergenza che hanno bloccato molti aspetti della vita normale e annunciato piani per mettere in quarantena tutti gli anziani per un periodo – solo per cominciare di quattro mesi.

Allo stesso tempo, anche se il presidente Donald Trump “ha esitato”, negli Stati Uniti, le legislature statali hanno iniziato a lanciare i propri piani di emergenza. Un disegno di legge in Alabama ha invitato gli individui a “pugno” piuttosto che stringere la mano; New York sospese alcuni pagamenti ipotecari per le piccole imprese e il Rhode Island chiese formalmente che Trump “dichiarasse un’emergenza nazionale per la pandemia di coronavirus”.

La TV e i giornali hanno rovesciato. Anni di esagerazione più un nuovo appetito alimentato da Internet per i titoli “clickbait” e le immagini allettanti non avevano più lasciato alla stampa la mente di separare i fatti dalla finzione. Invece, in tutto il mondo, i media, i politici e anche gli esperti di salute hanno unito le forze per convincere il mondo che stava affrontando un destino imminente.

Il risultato fu quello che gli scienziati sociali chiamano “una cascata di informazioni”. Un cambiamento radicale di idee e credenze guidato non da dati attentamente valutati e valutati, ma piuttosto da osservazioni abbracciate acriticamente e rafforzamento delle opinioni degli altri. In un mare di informazioni, le azioni e le decisioni di tutti gli altri diventano più importanti delle prove con le quali si è a conoscenza direttamente, per non parlare del proprio giudizio.

In questo modo, una vista particolare ‘precipita’ lungo il lato di una ‘piramide informativa’.

Quante notizie precipitano davvero a cascata lungo le piramidi? Non molte. Ma non è questo il punto. Piuttosto, l’intuizione è che spesso è più facile per le persone, se non hanno né la capacità né l’interesse a scoprire da soli, adottare le opinioni degli altri. Questo è senza dubbio un utile istinto sociale.

Come ha affermato l’economista Pierre Lemieux, la teoria a cascata concilia il “comportamento della mandria” con la scelta razionale perché spesso è perfettamente razionale per un individuo fare affidamento sulle informazioni trasmesse dagli altri. Spesso … ma non sempre!

E nella triste primavera del 2020, le notizie e la copertura mediatica, la ricerca accademica e i modelli informatici e, soprattutto, gli annunci politici effettivi sono diventati tutti un vortice di disinformazione auto-rafforzante.

Una sintesi di Reuters del 18 marzo 2020 intitolata: “Factbox: le ultime notizie sulla diffusione del coronavirus nel mondo” [ 1 ] hanno accennato per sbaglio a una specie di panico da branco. Sotto la rubrica: MORTE, INFEZIONI, ha annunciato:

  • Tutti i 50 stati degli Stati Uniti hanno riportato casi, con il numero totale di infezioni conosciute che hanno superato le 6.400. Mercoledì il Senato dovrebbe votare una proposta di legge coronavirus da svariati miliardi di dollari che è stata approvata dalla Camera dei Rappresentanti nel fine settimana.
  • Mercoledì il presidente del Cile ha dichiarato lo stato di catastrofe di 90 giorni.
  • L’Ucraina, dove un legislatore è risultato positivo, ha imposto uno stato di emergenza nella regione intorno alla capitale Kiev.
  • Il bilancio delle vittime dell’Indonesia è balzato mercoledì dalle cinque alle 19 e la Malesia ha avvertito di “uno tsunami” di casi se le persone non hanno seguito nuove restrizioni mentre le infezioni sono salite nel sud-est asiatico.

In un’età altamente mediatizzata, c’è una propensione a considerare eccezionali le normali quantità di malattia e morte. La prospettiva è persa. Il bilancio stagionale dell’influenza (o “malattia simil-influenzale”), il virus concordato da tutti è molto meno grave di quello della nuova corona, è compreso tra 290.000 e 650.000 persone.

In tutto il mondo, ogni anno, tra i quattro e i cinquanta milioni di casi sintomatici nella sola Europa, con un bilancio delle vittime stimato tra le 15.000 e le 70.000 ogni inverno.

In confronto, a partire dal 16 marzo 2020, data in cui una buona parte dell’Europa occidentale era entrata in “blocco”, in Europa c’erano stati complessivamente 2337 decessi per coronavirus con la prima morte europea registrata, in Francia, il 15 febbraio .

Detto in altro modo, a metà marzo, tra le massime preoccupazioni politiche, il coronavirus non aveva ucciso un numero eccezionalmente elevato di persone. E poiché in alcuni paesi (come la Cina, Taiwan e Hong Kong) il numero di morti aveva raggiunto il picco e poi è ricaduto, è stato sicuramente ipotetico prevedere grandi aumenti in futuro.

Speculative? Ma è qui che hanno fatto la loro parte notizie e modelli di computer. Come ha affermato Yoram Lass, ex direttore generale del ministero della sanità israeliano, il coronavirus era una malattia con relazioni pubbliche di alto livello. PR che ha spinto i politici a elaborare misure drastiche; mentre le misure stesse hanno spinto accademici e giornalisti a vedere la situazione in modo sempre più apocalittico.

Ben presto, in America, le ancore televisive si spezzarono in lacrime leggendo la notizia mentre The Guardian gestiva una caratteristica tipicamente egoista sulla “tensione” dei giornalisti.

Ora, naturalmente, le malattie sono cose terribili e portano sulla loro scia molte tragedie personali, questo virus non meno di ogni altro. Ma questa storia è rapidamente sfuggita al controllo con il risultato che un elemento cruciale della prospettiva insieme alla precisione sono stati abbandonati all’inizio.

Un tipo di parzialità cognitiva è la “sindrome dello specchio retrovisore”. Ciò si verifica quando valutiamo una crisi cercando di trovare parallelismi con il passato. Ma i parallelismi scelti in questo caso non erano, ad esempio, il fiasco dell’influenza suina, dove le terribili profezie arrivarono al nulla – ma piuttosto la grande epidemia di influenza del 1918 e persino la Morte Nera del Medioevo. Né i giornalisti né i politici sembravano fare nemmeno il rapido viaggio su Wikipedia dove avrebbero potuto leggere che:

I coronavirus sono un gruppo di virus correlati che causano malattie nei mammiferi e negli uccelli. Nell’uomo, i coronavirus causano infezioni del tratto respiratorio che possono essere lievi, come ad esempio alcuni casi di raffreddore comune (tra le altre possibili cause, principalmente i rinovirus) e altri che possono essere letali, come SARS, MERS e COVID-19 “.

Sempre meno hanno tentato di leggere anche brevi brani di specialisti come il professore di sanità pubblica di Stanford, John Ioannidis, per scoprire che: “coronavirus” lievi “possono essere implicati in diverse migliaia di decessi ogni anno in tutto il mondo, sebbene la stragrande maggioranza di essi non sia documentata . Invece, si perdono come rumore tra i 60 milioni di morti per varie cause ogni anno. [ 2 ]

A prima vista, è piuttosto un fallimento delle informazioni quando i politici non apprezzano la differenza tra terrificanti flagelli di fantascienza che possono spazzare via intere specie e coronavirus che in realtà infettano molte persone ogni anno e sono comuni soprattutto negli anziani e in ospedale pazienti con malattia respiratoria in inverno.

In un anno normale, i coronavirus infettano milioni di persone e ne uccidono migliaia. Tuttavia, quest’anno anche ogni caso solitario e ogni morte precoce sono diventati notizia principale. Incredibili immagini ad alto ingrandimento del virus che esplodono da una cellula umana hanno aggiunto alla storia un aspetto orribile e fantascientifico.

Molto, molto tempo fa, Aristotele, l’uomo che ha affermato che la Terra è fissata al centro dell’universo, ha proclamato che l’uomo era un animale razionale, ma nel 2020, invece, la crisi ha rivelato gli esseri umani come creature irrimediabilmente irrazionali il cui pensiero non è guidato dalla calma considerazione delle “prove”, ma piuttosto da vari tipi di errori di pensiero profondamente radicati e di pregiudizi cognitivi.

Eccone alcuni che chiariscono la risposta altrimenti inspiegabile in tutto il mondo al coronavirus.

Prima di tutto, c’è il pregiudizio causato dall’eccessiva fiducia. L’eccesso di fiducia deriva da un falso senso delle tue capacità e capacità. E i governi ne sono particolarmente inclini.

Una manifestazione comune è un’illusione di controllo in materie sulle quali non si ha effettivamente alcun controllo, ad esempio cose come la diffusione di un virus essenzialmente aereo o la “tracciabilità dei contatti” di decine di migliaia di persone.

Le illusioni del controllo spingono le persone a parlare con eccessivo ottimismo su eventi e tempistiche, come ad esempio che la curva dell’epidemia si appiattirà in due settimane o che un vaccino sarà pronto entro settembre o che le spore del virus viaggeranno solo in modo fisso distanza di due metri. È tutto collegato alle delusioni infantili di controllo radicate nel profondo del nostro cervello da rettile che qualcosa accadrà perché lo vogliamo.

Il rovescio della fiducia in se stessi è “Loss Aversion” e la paura, cose che con il coronavirus portano le persone a dare la priorità alla minaccia della malattia rispetto alle preoccupazioni per la cancellazione di trilioni di dollari di affari e per indebolire le strutture della società.

E, naturalmente, anche la paura è al centro del fenomeno chiamato “Herd Mentality”. Il classico esempio di questo è la finanza, ma le mandrie si precipitano in molte aree, dalle innovazioni gestionali alle mode quotidiane dei consumatori per vestiti o alimenti. Quando le persone scelgono di seguire gli altri sulla sola base che se così tante persone stanno facendo qualcosa, beh, “ci deve essere una buona ragione per questo”, hai il potenziale per il suicidio collettivo.

In effetti, come temono molte persone, tra cui il biofisico di Stanford Michael Levitt, le misure di salute pubblica che hanno bloccato vaste aree dell’economia potrebbero causare la propria catastrofe sanitaria, poiché i lavori persi portano alla povertà e alla disperazione. “Ciò di cui abbiamo bisogno è controllare il panico”, ha detto Levitt, aggiungendo in modo rassicurante che nel grande schema, “staremo bene”.

Allo stesso modo, John Ioannidis, professore di sanità pubblica a Stanford, afferma che se si proiettano le prove del tasso di mortalità dal virus dall’unico vero “caso di studio” del virus che abbiamo finora, la famigerata nave da crociera Diamond Principessa, nella struttura per età della popolazione americana, il tasso di mortalità tra le persone infette da Covid-19 sarebbe dello 0,125%. Un tasso di mortalità, in effetti, piuttosto simile all’influenza.

Sfortunatamente, poiché le morti spingono ai clic, gran parte dei media svolge invece il ruolo di “imprenditori della disponibilità”, come ha affermato Edward Chancellor per Reuters Breaking Views, attribuendo un peso eccessivo alle immagini particolarmente vivide – come sale piene di aspetto cupo letti all’interno di ospedali di emergenza o lavoratori vestiti con attrezzatura a rischio biologico che abbassano le bare in tombe.

E proprio come pensare alla mandria significa che tutti devono unirsi alla corsa. Il pensiero di gruppo richiede che tutti rimandino all’autorità e all’individualismo per lasciare il posto all’imitazione. Perché i “fatti sociali” condivisi riducono l’ansia offrendo un senso di ordine e controllo. In effetti, come afferma anche Edward Chancellor, in una crisi, i contrariani vengono rapidamente attaccati dalle “guardie della mente”. Un breve viaggio su Twitter lo illustrerà.

Qui, le persone con cui ho conversato per anni non mi hanno detto in modo inequivocabile di “smettere” di contestare il consenso, mentre anche i commentatori ben radicati come Peter Hitchens del Daily Mail britannico e Simon Jenkins di The Guardian , erano soliti scrivere migliaia di articoli, godendo del consenso collettivo e vengono attaccati per aver osato suggerire che i governi potrebbero reagire in modo inappropriato al coronavirus.

Tollerare l’ambivalenza e ‘non sapere’ gioca un ruolo chiave nel mantenere l’apertura a nuove informazioni.

Al contrario, l’ansia durante una crisi percepita porta a un eccessivo impegno nei confronti delle narrazioni preferite e al mancato riconoscimento della loro natura provvisoria.

Un esempio degno di nota e’ quello in cui il 99% delle vittime italiane di Covid-19 aveva diverse comorbilità, per usare il termine in gergo ormai prevalente. (La ricerca su 355 decessi ha scoperto che solo tre delle vittime, lo 0,8 per cento, erano state prive di malattie prima di essere infettate.)

Eppure i rapporti non hanno fatto una chiara distinzione tra morti “precipitate” dal virus e quelle “causate” da esso .

Soprattutto il pensiero di gruppo. sopprime e distorce la memoria collettiva. Anche se la storia molto recente registra più volte quando i virus hanno scatenato “paure pandemiche” in Occidente e come ogni volta le prove per loro sono state distorte per adattarsi a varie agenda tra cui gli interessi di Big Pharma – ma le lezioni del passato non possono essere beneficiate.

Questo tipo di amnesia collettiva è molto conveniente per alcune persone. Altrimenti sarebbe degno di nota il fatto che Neil Ferguson dell’Imperial College di Londra, una delle voci principali che chiedono misure radicali di allontanamento sociale e di blocco per combattere la “minaccia” del coronavirus, stesse anche premendo strategie molto simili, basate su argomenti molto simili durante epidemie come l’influenza suina, che nell’evento si è rivelata molto meno pericolosa di quanto previsto dai suoi modelli, così come quella dell’afta epizootica in cui ha insistito sul fatto che tutte le mucche non solo provenivano da allevamenti infetti ma anche da allevamenti vicini doveva essere macellato.

Quali erano, ad un costo di molti milioni di sterline, producendo scene apocalittiche di vasti pori funebri. Non c’è mai stato un buon argomento per la politica e, a tempo debito, è stato visto come un terribile fiasco.

Dopo tali “falsi allarmi”, il mondo avrebbe dovuto diventare più scettico e l’OMS, in particolare, avrebbe cambiato il suo approccio alle pandemie.

Invece, solo un decennio dopo il fiasco “Influenza suina”, è sorprendente quanto la copertura pubblica e politica si sia nuovamente riunita attorno a certi miti e incomprensioni del virus e come le voci dissenzienti, anche di specialisti come John Ioannidis, siano state emarginate ( significato limitato alle pubblicazioni specialistiche) mentre viene creato un falso “consenso” di “tutti gli esperti”.

In un mondo in cui scienziati con computer hanno sostituito i sacerdoti con il crocifisso come fonti di verità e saggezza insostenibili, la storia della scienza mostra, nella frase di Thomas Kuhn, che il progresso scientifico non è e non è mai stato solo e con calma sui fatti – molto meno , Verità platoniche – affatto, ma è invece una lotta brutale in cui la visione dominante (o il paradigma) cerca invariabilmente di sopprimere i suoi rivali.

La teoria di Kuhn sui cosiddetti cambiamenti di paradigma dovrebbe ricordarci quanto facilmente il ragionamento errato possa prosperare e trincerarsi. Ma non lo fa.

Nel bene e nel male, la filosofia della scienza dovrebbe ricordarci che gli individui possono influenzare il modo in cui vediamo il mondo. Per di più, Louis Pasteur lo ha fatto sfidando il dogma millenario di Aristotele che la vita scaturisce continuamente dalle sostanze chimiche quotidiane nell’aria, nel fango e nell’acqua, scoprendo germi e microrganismi.

Peggio ancora, il ricercatore attivista Ancel Keys è riuscito a persuadere sia i governi che le popolazioni negli anni ’60 e ’70, che i “cibi grassi” come il formaggio e il burro stavano davvero uccidendo tutti. E ora sembra che una manciata di attivisti matematici modellisti di epidemie siano riusciti a cambiare il modo in cui vediamo i virus: l’invisibile altro alone del bioma umano, essenziale per la vita.

Il problema è che, come Amos Tversky e Daniel Kahneman, quelle figure iconiche nello studio del pregiudizio cognitivo umano e della gestione del rischio, hanno sottolineato [ 3 ], che esistono davvero due tipi di pensiero umano: veloce e lento. “Lento” è quando lavori. “Veloce” è ciò che usiamo in una crisi. Ci siamo evoluti in tempi disperati per saltare alle conclusioni, ignorando le lacune nelle informazioni e nei dati. Questo balzo prima che appaia la mentalità potrebbe aver avuto vantaggi evolutivi fa.

Tuttavia, di fronte a crisi sociali come il coronavirus, è necessario pensare lentamente e con attenzione. Ahimè, è il “pensiero veloce” che ottiene.

Prendi il lavoro dei modellatori di computer, per esempio. Questi, tanto quanto i membri del pubblico, ammettevano liberamente “lacune di conoscenza” e si basavano sul “pensiero veloce“, inserendo ipotesi facili – invece. Sfortunatamente, come hanno chiesto Maggie Koerth, Laura Bronner e Jasmine Mithani in un articolo per la rivista 538, intitolato “Perché è così tremendamente difficile realizzare un buon modello COVID-19” [ 4 ]:

Ogni variabile dipende da una serie di scelte e lacune nella conoscenza. E se ogni singolo pezzo di un modello è traballante, allora il modello avrà così tanti problemi da solo, come un giornalista di dati che ha trascorso troppo tempo in una teleconferenza mentre era socialmente isolato dopo il lavoro. “

Punto accademico? Affatto. Prendi quel modello influente dell’Imperial College, quello che ha influenzato in particolare le risposte del virus nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

In un’intervista [ 5 ] con Jemima Kelly del Financial Times , Neil Ferguson, l’accademico responsabile della squadra dietro di essa, sembrava rivelare che le raccomandazioni che includevano il ritiro di milioni di diritti di base delle persone e in alcuni casi erano basate anche sui mezzi di sussistenza su … spostando la sabbia. O come Ferguson disse a Kelly:

… non esiste un piano generale in background qui seguito. C’è molta ricerca in tempo reale, che si sta alimentando nella politica, per cercare di elaborare: esiste in un certo senso una strategia ottimale che mantiene il sistema sanitario nazionale, consente a più attività economiche e sociali di continuare di quanto non stia succedendo al momento e ci fa passare i prossimi 18 mesi, francamente? Non so esattamente come sarà o anche se è completamente fattibile. Al momento non abbiamo una chiara strategia di uscita. “

Cifre cruciali, come quella del “Case Fatality Rate” per il virus, sono state semplicemente prese dal vortice generale della disinformazione.

Ricorda il caso di studio della vita reale sulla diffusione e la mortalità del coronavirus che si è verificato perché diversi passeggeri sulla nave da crociera, “La principessa del diamante”, avevano contattato il virus, trasformando l’intera nave in una specie di gigante, terribile, provetta sperimentale. Il virus si diffuse rapidamente tra i lavoratori del servizio di ristorazione, in particolare quelli che cucinavano per altri membri dell’equipaggio.

Alla fine, dei 3.711 passeggeri e dell’equipaggio a bordo, circa 700 sono risultati positivi. Sette persone sono morte. Questo è stato rapidamente adottato come il “tasso di mortalità per caso” di riferimento – 1,0% – (Ferguson usa lo 0,9%) ma ciò ha ignorato il fatto cruciale che questo non era un normale mix di persone, ma invece una popolazione in gran parte anziana, in cui la morte il tasso da Covid-19 era destinato ad essere molto più alto.

Come ha sottolineato anche John Ioannidis, fin dall’inizio della crisi, “Proiettando il tasso di mortalità di Diamond Princess sulla struttura dell’età della popolazione americana, il tasso di mortalità tra le persone infette da Covid-19 sarebbe dello 0,125%” – solo un ottavo più in alto.

In effetti, mentre altri “esperti” dei media e “modellisti” accademici inserivano cifre fino al 10% per i decessi per coronavirus, Ioannidis calcolò che un ragionevole limite inferiore per il rapporto di mortalità nella popolazione generale degli Stati Uniti era solo da 0,05 %!

Tuttavia, sembrava che anche con problemi di vita e di morte della salute pubblica, la strategia per i modellatori di computer e per i governi fosse, nelle parole del filosofo francese Jean-Jacques Rousseau secoli fa sulla vita sociale in generale, iniziare dicendo: “ Cominciamo quindi mettendo da parte i fatti, poiché non incidono sulla questione ”.

Tutto ciò evidenzia l’errore di pensiero soprannominato, GIGO, per “Garbage In, Garbage Out, che è quello secondo le dichiarazioni dei computer (e dei modelli di computer) hanno molto più peso di qualsiasi cosa prodotta da un essere umano – anche se, in realtà, ciò che dice il computer è determinato dalle informazioni fornite dagli esseri umani.

Già nel 1964, in un’epoca in cui i computer non avevano l’aura che fanno oggi, il ricercatore Joseph Weizenbaum ha avvertito che anche “un’esposizione estremamente breve a un programma per computer relativamente semplice potrebbe produrre un pensiero delirante potente nelle persone normali” [ 6 ]. E sfortunatamente, non stiamo parlando di persone normali in questo caso, ma di politici.

Per questi, il fatto, così allegramente riconosciuto da Ferguson nelle interviste, che i dati che alimentava i suoi modelli di computer erano in gran parte provvisori e discutibili, non toglie nulla all’enorme autorità data alle eventuali dichiarazioni del computer.

E ciò che i modelli informatici suggerivano, nel loro modo insostenibile, era che il cosiddetto autoisolamento e il distanziamento sociale era la soluzione universale. Il “modello italiano” per far fronte al virus doveva essere supportato da personale medico in ingombranti indumenti protettivi; soldati che pattugliano le strade; e legalmente, profondi cambiamenti alla vita di tutta la popolazione.

La strategia doveva essere adottata da molti altri paesi anche se, in Italia, non sembrava aver funzionato. In effetti, le cifre di quel paese sfortunato erano così cattive che sembrava quasi peggiorare le cose.

Ma poi un altro pregiudizio cognitivo è il cosiddetto “Fallimento narrativo”. Con cose come il coronavirus, ci sono state offerte molte storie, ma una delle più avvincenti è quella sulle persone che escono, trasmettono il virus e uccidono altre persone. Nota anche che siamo subliminalmente collegati ad aspettarci questo tipo di storia in tre parti: l’inizio, la metà e poi la fine.

Nel Regno Unito, il Primo Ministro ha tenuto discorsi pubblici con non uno ma tre messaggi legati al suo podio: “Resta a casa / Proteggi il SSN / Salva vite umane”. Gli inserzionisti conoscono il potere delle triple, ma anche i consulenti politici.

I giornali descrivono il virus come una minuscola macchina aerodinamica, che inghiotte le cellule in profondità nelle minuscole sacche d’aria del polmone, dirotta i loro meccanismi di comando e controllo, prima di ucciderli e vomitare altro virus infettivo.

In un’età mediata, la narrazione è doppiamente importante. Il pregiudizio riconosce che gli umani sono animali che raccontano storie che cercano naturalmente di organizzare fatti ed eventi in una sequenza. Purtroppo, a volte la storia assume una maggiore autorità di quanto meriti davvero, spingendoci verso una presunta “conclusione”.

Parlando di narrazione, una serie straziante di tweet di un funzionario sanitario dell’amministrazione Obama ha delineato come le più grandi città e ospedali statunitensi sarebbero invasi dai casi di coronavirus entro il 23 marzo e un milione di americani moriranno. I tweet di Andy Slavitt, ex amministratore delegato di Medicare e Medicaid sotto il presidente Barack Obama, hanno contribuito a spostare l’opinione pubblica negli Stati Uniti.

Quanta competenza c’è in un tweet? Forse non abbastanza per prendere decisioni che cambiano il mondo. Ma non sembrava importare. Come l’uomo che grida “FUOCO!” nel cinema, le parole di Slavitt ebbero un effetto.

“Cosa riportano sindaci, governatori e il loro personale?” chiese. “Che la gente stia bloccando le sbarre. Capisco. A casa dal lavoro. Rinchiuso. Mentalità di crisi Dobbiamo sfogarci. Esperienza condivisa. Ma basta. Tutti i bar e i ristoranti sono chiusi ora in tutta Europa. “

Descrivendo in particolare la situazione negli ospedali italiani e cosa potrebbe significare per gli Stati Uniti, ha twittato [enfasi aggiunta]:

“OGNI RAPPORTO lo descrive come uno tsunami. E se succede come uno tsunami, nelle principali città avremo decine di migliaia di casi in più rispetto ai letti e avremo un ventilatore per ogni otto persone che ne hanno bisogno. “[ 7 ]

E lì di nuovo hai l’impronta digitale rivelatrice di una cascata di informazioni. La politica era giusta perché “ogni rapporto” dice che è giusto. Un altro indizio sulla qualità della sua diagnosi è arrivato nel suo tweet finale sulle origini della crisi. Era stata la cattiva gestione di un presidente repubblicano a causarlo.

“Il peccato originale è la lunga smentita di Trump e il suo smantellamento della sanità pubblica e delle infrastrutture di risposta”.

Quindi i politici non possono fare a meno di giocare ai loro soliti giochi anche se il mondo vacilla sull’orlo del disastro. Che senza dubbio lo stava facendo. Non solo a causa della crisi sanitaria che Slavitt e così tanti altri hanno previsto, una crisi causata da un virus biologico – ma a causa di una rottura sociale ed economica causata da azioni avventate e disinformazione.

Ma non illudiamoci che sono solo i politici a fraintendere le informazioni e correre come degli sciocchi. Prendi in considerazione due piccole storie che compongono la grande storia dei virus.

Una era la voce che veniva trasmessa da persone senza sintomi. Un rapporto che documenta la trasmissione da parte di un individuo asintomatico era stato pubblicato sul New England Journal of Medicine il 30 gennaio. Naturalmente, la trasmissione da parte di persone senza sintomi sarebbe un grosso problema.

Alcune settimane dopo, tuttavia, si è scoperto che il paziente specifico presentava sintomi, era solo che i ricercatori non avevano … non chiesto.

Allo stesso modo, il rispettato giornale medico The Lancet ha pubblicato il 24 febbraio un resoconto scioccante di due infermiere cinesi sulla loro esperienza di prima linea nella lotta contro il coronavirus. [ 8 ]

Solo si è scoperto che l’account non era proprio quello che sembrava: non era un account di prima mano. Gli autori hanno presto ritirato il loro contributo che era come una lettera. Tali esempi mostrano come il sensazionalismo influenzi anche le più prestigiose riviste scientifiche.

Oppure prendere un rapporto iniziale influente sui dati relativi al tasso di mortalità, ampiamente citati, erano stati prodotti dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) [ 9 ]. La loro cifra davvero piuttosto scandalosamente alta del 3,4%, è stata raggiunta semplicemente dividendo il numero di morti per il numero di casi documentati all’inizio di marzo.

Ma ovviamente il numero di casi documentati era molto inferiore al reale livello di malattie. In Germania, ad esempio, dove i test per il virus venivano eseguiti con cura, il CFR era … 0,2%.

Un ulteriore errore di ragionamento si verifica quando le persone si fidano delle informazioni che hanno letto in diversi punti, senza rendersi conto che le opinioni possono nutrirsi a vicenda. I giornalisti, ad esempio, si leggono reciprocamente i rapporti e si sentono rassicurati di far parte di un consenso. I politici leggono i rapporti e cambiano le politiche per soddisfare le aspettative dei giornalisti.

Nella crisi del coronavirus, molti giornalisti hanno ritenuto che fosse loro dovere dirigere i lettori a pensare in una sola direzione. Nel caso di Robert Peston, ITV, redattore politico di ITV, i suoi obblighi riguardavano persino il controllo del modo in cui la gente camminava.

Robert Peston @Peston
Tra le molte e-mail che ricevo con idee geniali per sopprimere e conquistare # Covid19, mi piace molto questa semplice: che le corsie dei supermercati debbano essere costruite in corsie a senso unico per ridurre il rischio di vicinanza accidentale ad altri acquirenti. Sta succedendo da qualche parte?

E non menzionare nemmeno le statistiche. I giornali E gli esperti noterebbero all’infinito impennate improvvise del numero di casi, senza mai collegarlo al numero di persone testate. (Se scrivi un messaggio dieci volte più persone un giorno, il numero di casi è destinato a salire.)

Oggettivamente, tutte le figure scioccanti stampate ovunque nei contatori per il “numero di casi” erano prive di significato. L’elefante nel bagno statistico era che la maggior parte delle persone evitava di diventare una statistica – e se avesse avuto solo lievi o nessun sintomo – sarebbe rimasta lontana dai medici o dall’ospedale e quindi non sarebbe mai stata testata o segnalata.

Quasi un quinto dei passeggeri della Diamond Princess che in realtà si è rivelato infetto dal virus non ha avuto sintomi. Quando i passeggeri sono stati testati:

C’erano così tante persone infette senza sintomi a bordo. Si sono persino sorpresi. Ad esempio, c’erano coniugi — il marito aveva un test, a causa dei sintomi dell’influenza, mentre anche la moglie, che non aveva alcun sintomo, aveva il test, solo perché era nella stessa stanza con lui — lui era negativo, ma lei era positiva. “ [ 10 ]

Questa lacuna era conveniente perché ovunque le soluzioni politiche offerte ruotavano attorno al “distanziamento sociale” e alla chiusura di tutti i servizi tranne quelli “essenziali”. Avremmo dovuto immaginare che solo poche migliaia di persone avessero il virus, non un quarto o un terzo della popolazione.
In conclusione: la modellizzazione al computer del virus, che sembrava così dettagliata e completa e alimentava i timori della malattia, si basava su ipotesi molto traballanti.

Ad esempio, secondo il modello del professor Ferguson, meno del 5% delle persone è infetto, ma secondo i ricercatori del laboratorio di Ecologia evolutiva delle malattie infettive di Oxford, potrebbe essere dieci volte superiore, superiore al 50%. Sfortunatamente, come dicono i logici, tutte le conclusioni seguono – perfettamente logicamente – da false premesse.

In un articolo per STAT Magazine [ 11 ], John Ioannidis ha spiegato: “Se assumiamo che il tasso di mortalità tra gli individui infettati da SARS-CoV-2 sia dello 0,3% …” (che secondo lui è solo la stima “di fascia media” di Analisi Diamond Princess) “… e l’1% della popolazione americana viene infettata … questo si tradurrebbe in circa 10.000 morti”. Sembra un numero enorme, ma è “nel normale bilancio dell’influenza” .

Tuttavia, tali voci furono annegate. Invece, previsioni terrificanti e mancanza di dati effettivi erano il contesto di richieste quasi universali per una rigorosa politica di isolamento sociale e per i sistemi medici che si muovevano rapidamente per riorganizzare e dare priorità alle risorse pronte per l’epidemia di massa prevista.

Il risultato immediato furono blocchi radicali di intere popolazioni – azioni che non avevano precedenti in tempo di pace. Il risultato a lungo termine fu che l’economia e la società globale subirono gravi danni a causa di un’epidemia che, come afferma anche Ioannidis, rappresentava altrimenti “meno dello 0,01% di tutti i 60 milioni di decessi globali annuali per tutte le cause e che uccide quasi esclusivamente le persone con aspettativa di vita relativamente bassa ”.

E per tutto il tempo, anche quando i media e i politici si sono precipitati freneticamente dall’idea avventata alla politica violenta, i fatti erano lì in bella vista solo nessuno era disposto a guardarli.

Nessuno ha nemmeno tentato di spiegare per quanto tempo le misure di blocco sociale e i blocchi potrebbero essere mantenuti per mesi, anche anni potenzialmente, senza conseguenze importanti per l’economia, la società e la salute mentale. Per non parlare di come si potevano evitare effetti imprevedibili, tra cui crisi finanziaria, disordini, conflitti civili, guerre e una lacerazione del tessuto sociale. Invece, ciò che la gente era nutrita erano i morsi del suono. Come questo dalla stazione radio altrimenti “liberale” di Londra, LBC:

Se hai ancora intenzione di uscire questo fine settimana nonostante i bar siano chiusi, prima ascolta questa straordinaria chiamata di un medico di terapia intensiva che ha avvertito: “Se esci, ucciderà le persone”.

Il blocco era la parte più disastrosa di una politica adottata da molti paesi e gli stati americani avrebbero dovuto “rallentare” la diffusione del virus, ma dobbiamo accettare che avesse un sostegno popolare. Anche se, l’idea era di scoraggiare le persone a lasciare la propria casa, a passeggiare, al cinema o al caffè, e a chiedere loro di rimanere in claustrofobia nelle loro case per settimane intere.

In Francia, il presidente Macron fece lunghi ed emozionanti appelli ai suoi “compatrioti” per unirsi a una lotta nazionale contro “un nemico invisibile”, prima di elencare rispettosamente quelli che erano già caduti.

Tutti gli spazi pubblici erano chiusi e ai cittadini (come me) era vietato lasciare le loro case per settimane intere, tranne che per acquistare generi alimentari essenziali in negozi autorizzati. E per fare questo, hanno dovuto stringere un documento ufficiale scaricato dal sito web del governo, esponendo le loro ragioni per uscire di casa.

Il ministro degli interni, Christophe Castaner, ordinò a 100.000 poliziotti militari di diffondersi in tutto il paese per imporre il blocco. Naturalmente, queste persone sono immuni dal virus e non possono neanche diffonderlo. (Un simile pensiero non era più irrazionale del resto dei piani del governo.)

Scrivendo in The Guardian [ 12 ], Tobias Jones, corrispondente italiano di quel giornale, descriveva la vita della sua famiglia sotto chiave. Ha ricordato come alcuni dei suoi amici avevano iniziato a lavarsi neuroticamente le mani ogni mezz’ora e indossare guanti chirurgici prima di compiere azioni quotidiane come aprire le porte. “È difficile non iniziare a dubitare della propria sanità mentale e chiedersi se è razionale seguire tutte queste restrizioni e rituali”. Abbastanza.

Anche gli enti pubblici stavano lavando neuroticamente le cose. I camion spruzzarono strade con disinfettanti, i lavoratori con guanti di gomma e maschere si fermarono accanto alle scale mobili che pulivano i corrimano e, naturalmente, tutti indossavano maschere. Sì, quelli che proteggono le altre persone dai tuoi germi.

Negli Stati Uniti, la decisione del presidente Trump di chiudere i confini americani non ha alcun senso scientifico (e nemmeno lo screening sanitario ai confini in quanto non è in grado di individuare le persone che possono trasportare virus ma non hanno ancora sintomi), anche se in termini politici partigiani sembra rafforzarsi i suoi temi per la campagna di una fortezza americana – quella con un muro lungo il confine con il Messico. Il ribattezzamento del virus “il virus cinese” sembra sottolineare questo messaggio xenofobo.

Mettere insieme tutti i piani era tuttavia la convinzione centrale che dovevamo “appiattire la curva”. Cioè, per distribuire il carico di casi di virus e alleviare la pressione sui servizi sanitari. Questo era rapidamente diventato la cosa unica che tutti concordano. Eppure anche quella semplice relazione – molti casi, sovraccarico di servizi sanitari, quindi meglio diffonderli – non è del tutto semplice.

Poiché la diffusione di infezioni per un periodo di tempo più lungo può significare altrettanto facilmente che invece di essere sopraffatti durante una fase breve e acuta, i servizi sanitari rimangono sopraffatti per un periodo più lungo. Quando i servizi sanitari sono sopraffatti, le persone muoiono. Perché distruggere i mezzi di sussistenza, interrompere la vita sociale e bloccare le persone nelle loro case per mesi uccide anche le persone.

In assenza di dati, il ragionamento preparativo per il peggio porta a misure estreme di distanziamento sociale e blocchi. Purtroppo, non sappiamo se queste misure funzionino [ 13 ].

Le chiusure scolastiche, ad esempio, possono ridurre le velocità di trasmissione. Ma possono anche ritorcersi contro se i bambini socializzano comunque, se la chiusura della scuola porta i bambini a trascorrere più tempo con membri della famiglia anziani sensibili, se i bambini a casa interrompono la capacità dei genitori di lavorare e altro ancora. Le chiusure scolastiche possono anche ridurre le possibilità di sviluppare l’immunità del gregge in una fascia di età a cui è stata risparmiata una malattia grave.

Quindi forse vale la pena dedicare un momento a guardare lo sfondo di uno degli esperti la cui richiesta di una rapida repressione di tutti i contatti sociali ha portato a drammatici cambiamenti nella politica sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti.

Il professor Neil Ferguson, come ho detto, proviene dall’Imperial College di Londra, un’università con un reddito consolidato di £ 1.033,0 milioni nel 2017/18, compresi i collegamenti redditizi con l’industria farmaceutica.

Pochi giorni dopo la pubblicazione del documento, il dipartimento di biomatematica di Ferguson ha annunciato la condivisione di 20 milioni di sterline di investimenti nella ricerca sul coronavirus di emergenza per gentile concessione del governo del Regno Unito. Non male per un foglio! Ma la cosa più rivelatrice di Neil Ferguson e del suo dipartimento è che avevano esattamente le stesse preoccupazioni e esattamente gli stessi consigli politici durante la cosiddetta crisi dell’influenza suina nel 2009.

Flashback all’11 giugno di quell’anno e l’Organizzazione mondiale della sanità stava dichiarando un “allarme a sei livelli” – il più cupo di sempre – per una nuova pandemia che spazzava il mondo.

Questo era il cosiddetto virus dell’influenza suina o H1N1, e nonostante negli anni precedenti si fosse scoperto che si erano sbagliati sui pericoli di molti altri virus, l’OMS, ancora una volta, emise l’avvertimento mortale che “questa prima pandemia e l’influenza sono in qualche modo simile all’influenza suina pandemica del 1918-1919 che uccise milioni di persone.

Cosa esattamente questo sforzo avrebbe fatto nell’autunno e nell’inverno del 2009 e nel 2010 non era chiaro, l’OMS ha affermato, ma “tutti devono essere preparati”.

Ovviamente, i governi di tutto il mondo hanno rispettato i consigli dell’Organizzazione mondiale della sanità, un’agenzia delle Nazioni Unite che in fin dei conti fa un ottimo lavoro combattendo le malattie e guidando la ricerca relativa alla salute pubblica. E così, dopo l’avvertimento dell’influenza suina, dove necessario, avevano promesso, le scuole e gli uffici sarebbero stati chiusi.

Sono stati acquistati milioni di maschere facciali e sono stati stoccati i vaccini. E anche come parte della loro risposta, come ho riportato nel mio libro precedente Paradigm Shift: come le opinioni degli esperti continuano a cambiare su vita, universo e tutto (2015), è stata offerta al pubblico una fonte di “consigli”.

Ad esempio, alle persone veniva detto, quando tornavano a casa la sera, di disinfettare piatti, tazze e utensili immergendo a fondo detersivo e lavando e sciacquando accuratamente tutto a mano o in lavastoviglie. Tutti dovevano lavarsi spesso le mani. E se, nonostante si stessero allontanando dal lavoro ordinando lo shopping per telefono e disinfettando i piatti, rimasero comunque vittime – ci furono consigli su “i sintomi”. Febbre, brividi, tosse, affaticamento, congestione, dolore muscolare e osseo, vomito e disturbi intestinali. E poi la morte.

Non c’è da stupirsi che i governi abbiano speso così tanto per combattere la minaccia. Non c’è da stupirsi, più specificamente, che i governi abbiano rapidamente raccolto grandi quantità di denaro per acquistare enormi quantità di vaccino da aziende farmaceutiche.

Eppure, alla fine della giornata, l’influenza suina ha dimostrato di essere una tigre di carta, proprio come avevano indicato i medici scettici. Un anno dopo, fastidiosamente, per i governi e i loro consiglieri, non si può dire che quasi nessun popolo sia morto per “H5NI”, anche se l’influenza ordinaria uccide regolarmente diverse decine di migliaia di persone ogni inverno. Tuttavia, per un po ‘, ciascuno di questi virus è stato un problema di salute pubblica, potremmo dire la moda.

Molto probabilmente più persone, affette da altre lamentele, sono morte a causa delle “precauzioni di emergenza” che circondano il virus, come il rifiuto di accedere agli ambulatori medici o l’iniezione del vaccino. Ma questi difficilmente potrebbero essere aggiunti alle statistiche. E in tutto il mondo (ricco), milioni di maschere e vaccini contro i germi hanno iniziato a deteriorarsi, inutilizzati e inutilizzabili.

Allora, un errato consiglio di esperti costava un numero sconosciuto di vite e enormi somme di denaro.

Non molto tempo dopo, due rapporti indipendenti, uno del Consiglio d’Europa e un altro apparso come un articolo per il British Medical Journal (3 giugno 2010), hanno tardato i riflettori sul fatto che tre degli esperti cruciali hanno sostenuto costosi programmi di vaccinazione preparazione da parte di aziende come Roche (i produttori di Tamiflu) e GlaxoSmithKiline (i produttori di Relenza) – erano anche consulenti retribuiti per le aziende.

Ora non credo che i singoli ricercatori stiano consapevolmente distorcendo i rapporti di ricerca per fare soldi, né per se stessi né per le loro istituzioni. Ma le pressioni strutturali ci sono e possono creare lo stesso effetto. La ricerca è un business e quindi le sue conclusioni sono inclinate verso i “bisogni” dei contribuenti.

E potresti chiedere, quanto è grande un’impresa un’epidemia? La risposta è che possono essere davvero un grosso problema. Solo negli Stati Uniti, il Congresso aveva stanziato 7,65 miliardi di dollari a giugno per combattere la pandemia del 2009 [ 14 ].

Nel Regno Unito, per far fronte alla minaccia dell’influenza suina, il Chief Medical Officer, Sir Liam Donaldson, dal titolo impressionante e nobilitato, ha affermato che era necessario un programma di emergenza di vaccinazione da 1 miliardo di sterline (1,5 miliardi di dollari). Se suona molto per un piccolo paese, ricordate, senza di esso – moriranno fino a 65000 persone!

La “valutazione più ottimistica” è stata per 19000 decessi. Le sue paure furono confermate da virologi come un dottor John Oxford, che aggiunse che senza un’azione immediata aveva calcolato che presto metà della popolazione poteva essere infettata. Immagina, decine di milioni di persone che muoiono – e solo il governo è in grado di salvarle.

Ma i fondi resi disponibili per il coronavirus erano su una scala totalmente diversa. Anche se il numero di casi a livello globale è ancora relativamente esiguo, il 17 marzo 2020 la Banca mondiale ha stanziato 14 miliardi di dollari per aiutare i suoi membri a rispondere alla minaccia [ 15 ].

In che tipo di cose sono stati spesi i soldi? Un componente era quello di pagare per tutti i membri della popolazione per essere testati per il virus. I vaccini generano profitti, ma anche i test sono un ottimo guadagno. Spesso in questo caso i test dovevano essere seguiti dall’isolamento di chiunque fosse risultato positivo. Sebbene Galli, Prof. a Milano, abbia avvertito, in una rara nota di razionalità, eseguire test di massa sulla popolazione asintomatica potrebbe essere inutile:

”I contagi sono in continua evoluzione, un uomo che oggi è negativo potrebbe contrarre la malattia domani ”.

I governi non vorrebbero attuare politiche inutili e perfino pericolose, vero? Ahimè, la memoria del branco è breve e non sono noti i branchi per la loro volontà di fermarsi e riflettere.

Altrimenti avrebbero potuto trarre insegnamenti dal 1976, quando l’amministrazione del presidente Gerald Ford reagì rapidamente allo scoppio dell’influenza suina, ignorando le parole di cautela dell’Organizzazione mondiale della sanità e giurando di vaccinare “ogni uomo, donna e bambino negli Stati Uniti”. Dopo che 45 milioni di persone sono state vaccinate, l’influenza si è rivelata lieve.

Peggio ancora, i ricercatori hanno scoperto che alcuni dei vaccinati circa 450 in tutto avevano sviluppato la sindrome di Guillain-Barré, un raro disturbo in cui il sistema immunitario attacca i nervi, portando alla paralisi. Almeno 30 persone sono morte.

O dal 2017, quando una campagna accelerata – approvata dall’OMS – per vaccinare quasi 1 milione di bambini per la dengue trasmessa dalle zanzare nelle Filippine è stata interrotta per motivi di sicurezza. Il governo filippino ha incriminato 14 funzionari statali in relazione alla morte di 10 bambini vaccinati, affermando che il programma è stato lanciato “in fretta”.

Ma torniamo al precedente focolaio di influenza suina nel Regno Unito, quello in cui il Chief Medical Officer ha spazzato via le voci scettiche, e invece ha consigliato al governo britannico di ordinare senza ulteriori ritardi 32 milioni di maschere facciali con quel valore di oltre 1 miliardo di sterline vaccini.

In Francia e in altri paesi europei, era successa una storia simile: un’altra scorta di vaccini da miliardi di dollari accumulata qui, un’altra montagna di maschere per il viso inutilizzate lì.

Con il senno di poi sembra sciocco – e costoso.

Tuttavia, vale la pena ricordare che per alcuni mesi la pandemia di influenza suina ha davvero terrorizzato tutti. Come il coronavirus, era apparso intorno a marzo e si era diffuso rapidamente in molti luoghi del pianeta (invito a mappe del mondo dai colori sgargianti sui siti Web), tutti sicuramente aiutati da annusare i viaggiatori su aerei.

Il Center for Disease Control negli Stati Uniti ha avviato una pagina Web per tenere traccia del bilancio delle vittime per 50 stati e territori degli Stati Uniti: a giugno 2009 il contatore HTML ha registrato 6.506 casi e 436 decessi. Il mese successivo, un contatore speciale sul sito web dell’Organizzazione mondiale della sanità ha registrato un totale di casi già a 177.457 con un bilancio di 1.462 morti.

Certo, le cifre non erano ancora eccezionali, ma la domanda che tutti si ponevano era: quante altre potrebbero morire presto? Basando il loro punto di vista sulle statistiche statunitensi e la mancanza di un jab per gli esperti di influenza suina, inizialmente si pensava che ci fossero “circa 300 milioni” a rischio: “in genere, chiunque non abbia avuto il vaccino”.

Anche per qualche settimana, a un pubblico terrorizzato era sembrato che l’unico vero modo per evitare di morire fosse “vaccinarsi il prima possibile”. Consulenza, in altre parole proveniente dai laboratori finanziati dall’industria farmaceutica che sicuramente si adattava al settore. Sfortunatamente, i vaccini sarebbero stati disponibili solo a … all’inizio di ottobre. Proprio come nella primavera del 2020, ci sono stati infinitamente ripetuti consigli utili sull’igiene, come:

  • Evitare di mettere le dita e le mani alla bocca o agli occhi poiché si tratta di portali d’ingresso per i microbi.
  • Stai lontano da grandi folle e da tutte le persone infette.
  • Ricorda di indossare una maschera. Certamente se esce di casa.
  • Lavarsi le mani regolarmente, prima di mangiare o bere e dopo aver visitato il bagno.

Con l’influenza suina, molti dei consigli relativi alla sicurezza a scuola. Ma con il coronavirus, anche se i bambini in età scolare sono stati riconosciuti come a rischio molto basso, le scuole sono state immediatamente chiuse.

Dovremmo essere sospettosi degli esperti che riciclano i vecchi consigli. Dopotutto, possono essere colpevoli di altri due pregiudizi cognitivi: il fenomeno noto come “pensiero di un modello” al quale sono visibili solo le prove che si adattano al modello. C’è un’anatra o un coniglio [ 16 ] ma non entrambi, per usare l’esempio che Wittgenstein rese famosi, ma ebbe origine nel numero del 1892 di Fliegende Blätter, una rivista tedesca di umorismo.

E c’è il bias di conferma, che è l’idea che le persone cercano informazioni e dati che confermano le loro idee preesistenti ignorando le informazioni contrarie, sebbene potenzialmente significative per la decisione. L’esame politico e mediatico quasi inesistente della gamma di punti di vista e strategie per il coronavirus mostra che questo è uno dei pregiudizi più pericolosi di tutti.

Martin Cohen

Off Guardian

Globalizzazione: La Terza Guerra
€ 18,00

La Globalizzazione della Nato
Guerre imperialiste e globalizzazioni armate
Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere
€ 18,00

Il Potere Occulto dell'Industria della Sanità
Conosci i veri obiettivi della Medicina Ufficiale? – La verità sul sistema di controllo delle Case Farmaceutiche
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere
€ 18,00

SOTTOSCRIVI UN  PIANO DI ABBONAMENTO MENSILE E AIUTA COLORO CHE L’ESTABLISHMENT VUOLE CENSURARE

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Abbiamo bisogno del tuo aiuto …

La censura dei motori di ricerca, delle agenzie pubblicitarie e dei social media controllati dall’establishment riduce notevolmente le nostre entrate . Se trovi utile il contenuto che pubblichiamo, considera di sostenerci con un abbonamento mensile.

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code