toba60

Il Primo Studio Peer-Review Sui Bambini Vaccinati Contro i non Vaccinati ora Pubblico

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Attualmente i vaccini non sono più’ alla ribalta della cronaca, il danno e’ già fatto e ben consolidato, gli effetti si vedranno quando la generazione che sta ora leggendo questo articolo non potrà’ che essere testimone di un dramma annunciato e purtroppo inascoltato.

Ho una mole di documenti sulla questione vaccini da far veramente impallidire chiunque per il contenuto, reperita grazie alle molte persone provenienti da tutto il mondo che seguono questo magazine.

L’articolo e’ generico, ma in seguito sarà pubblicato materiale con dati tecnici, affinché gli addetti ai lavori con un po di buona volontà’ possano fare le loro dovute ricerche e verifiche.

Ci sono molte cose che non si sanno e molte che non si devono sapere, uno degli obbiettivi di questo Magazine, e’ quello di fare una netta distinzione tra la Propaganda e l’Informazione.

Toba60

Articolo censurato da un giornale scientifico Internazionale, ora pubblico

Oggi, un nuovo studio innovativo sulla salute generale dei bambini vaccinati e non vaccinati è stato rilasciato per la prima volta al pubblico. Il nuovo studio pilota di fondamentale importanza è stato pubblicato on line.

Il documento è stato divulgato al giornalista e autore James Grundvig, che ha pubblicato un articolo che descrive aspetti dello studio su Medium il 22 febbraio 2017. Grundvig descrive come il documento gli è stato fatto trapelare (e altri?), E descrive come lo ha autenticato con l’autore dello studio e con il diario che lo ha censurato.

Elencherò alcune delle molte ragioni per cui questo documento è di fondamentale importanza in questo momento.

La #RFKcommission.

Questo studio fornisce numerosi indizi per potenziali ricerche future. Può essere utile come modello per la Commissione RFK negli Stati Uniti e per altri paesi.

Presidente Trump

Il presidente Trump è il primo presidente a manifestare interesse per la sicurezza dei vaccini. Questo studio ribadisce che le preoccupazioni del presidente Trump per la sicurezza dei vaccini sono legittime e possono aiutarlo a rimanere fermo nel formare la #RFKcommission.

I diritti di vaccino esistenti sono attaccati in 30 stati.

Gli attacchi di esenzione dai vaccini e il mandato di vaccino aumentano in 30 capitali statali nel 2017 .
I sostenitori dei genitori a livello nazionale possono aggiungere i risultati di questo studio al loro arsenale quando proteggono i diritti esistenti loro e dei loro figli dall’industria farmaceutica da trilioni di dollari nelle capitali dello stato.


Consenso informato

Lo standard internazionale di bioetica per la medicina preventiva è il consenso informato . Il confronto dei risultati sanitari totali tra popolazioni vaccinate e non vaccinate è un’importante informazione da valutare quando si considera il consenso.

Censura o autocensura?


La presentazione di documenti che trattano della sicurezza dei vaccini nel processo di “peer review” delle riviste scientifiche, dopo anni di rifiuto, è una forma di autocensura?

Il documento pubblicato oggi doveva essere pubblicato a novembre 2016. Se fosse stato pubblicato sulla rivista sarebbe stato “peer review”.

Parlando per i 7.484.325.473 miliardi di persone sul pianeta che NON sono stati scrutatori di questo documento, è assurdo che questo documento sia legittimo se i 3 capi dei revisori non vengono spaventati e non legittimi se si spaventano. Spero che i 3 revisori dei pari – Amit, Kelly e Linda – concordino sul fatto che i loro capi non dovrebbero bloccare informazioni importanti dagli altri 7 miliardi di noi.

Logo delle prime libertà

Ho letto numerosi splendidi tributi a Dan Olmsted brillante, meraviglioso e senza paura su Age of Autism nell’ultimo mese. Non sono uno scrittore tanto talentuoso quanto quelli che hanno onorato Dan in queste pagine. Non sapevo come poterlo onorare … fino ad ora. Dan ha cercato per più di un decennio di fare uno studio vaccinato contro non vaccinato, e ha aperto la strada al concetto con la sua serie sull’Amish.

Aiutaci a guidarci Dan, e grazie per la tua dedizione a tutti i nostri figli.
Il primo studio sui bambini vaccinati contro i non vaccinati – Censurato da un giornale scientifico internazionale – Ora risultati di vaccinazione e salute pubblici: un’indagine su bambini vaccinati e non vaccinati di età compresa tra 6 e 12 anni basata sui rapporti delle madri, è stata censurata dalla rivista Frontiers in Salute pubblica.

Risultati dello studio chiave

Contesto: gli esiti a lungo termine sulla salute del programma di vaccinazione di routine rimangono sconosciuti. L’Istituto di medicina ha raccomandato studi per rispondere a questa domanda.

Obiettivi specifici: confrontare i bambini vaccinati e non vaccinati su una vasta gamma di risultati sulla salute e determinare se un’associazione trovata tra vaccinazione e disturbi dello sviluppo neurologico (NDD), se presente, è rimasta significativa dopo aggiustamento per altri fattori misurati.

Design e metodi: un sondaggio trasversale delle madri di bambini educati a casa. Alle organizzazioni homeschool in quattro stati (Florida, Louisiana, Mississippi e Oregon) è stato chiesto di inoltrare un’e-mail ai propri membri, chiedendo alle madri di compilare un questionario online anonimo sullo stato della vaccinazione e sugli esiti sanitari dei loro bambini biologici dai 6 ai 12 anni. A in totale 415 madri hanno fornito dati su 666 bambini, di cui 261 (39%) non vaccinati. I dati raccolti includevano esperienze di gravidanza e storie di nascita, nonché condizioni acute e croniche, farmaci e l’uso di servizi sanitari.

Risultati: i bambini vaccinati avevano significativamente meno probabilità rispetto ai non vaccinati di essere stati diagnosticati con varicella e pertosse, ma significativamente più probabilità di essere stati diagnosticati con altre infezioni, allergie e NDD (definiti come disturbo dello spettro autistico, disturbo da deficit di attenzione e / o una disabilità di apprendimento).

Dettaglio malattia cronica

  • I bambini vaccinati avevano una probabilità significativamente maggiore rispetto ai non vaccinati di essere stati diagnosticati con le seguenti malattie croniche:
    • Probabilità 7 volte più alte di qualsiasi disturbo dello sviluppo neurologico (cioè difficoltà di apprendimento, ADHD o ASD)
    • Aumento di 2 volte del disturbo dello spettro autistico (“ASD”)
    • Aumento di 2 volte dell’ADHD
    • Aumento di 2 volte delle difficoltà di apprendimento
    • Aumento di 1 volte della rinite allergica
    • Aumento di 9 volte di altre allergie
    • Aumento di 9 volte dell’eczema / dermatite atopica
    • Aumento di 4 volte di qualsiasi malattia cronica
    • Non sono state osservate differenze significative riguardo a cancro, affaticamento cronico, disturbo della condotta, morbo di Crohn, depressione, diabete di tipo 1 o 2, encefalopatia, epilessia, perdita dell’udito, ipertensione arteriosa, malattia infiammatoria intestinale, artrite reumatoide giovanile, obesità, convulsioni, e la sindrome di Tourette. Tuttavia, sarebbero necessari campioni più grandi per rilevare differenze di gruppo in queste condizioni meno comuni.

Dettaglio malattia acuta

  • I bambini vaccinati avevano significativamente meno probabilità rispetto ai bambini non vaccinati di avere la varicella o la pertosse (p <0,001).
  • I bambini vaccinati avevano una probabilità di 3,8 volte maggiore di infezioni dell’orecchio medio e una probabilità di 5,9 volte di diagnosi di polmonite rispetto ai bambini non vaccinati.
  • Non sono state osservate differenze significative tra i due gruppi per quanto riguarda epatite A o B, febbre alta negli ultimi 6 mesi, morbillo, parotite, meningite (virale o batterica), influenza o rotavirus.

Vaccinazioni, parto pretermine e disturbi dello sviluppo neurologico (NDD):

Nelle analisi di regressione, la vaccinazione è stata associata a un aumento significativo di 3,1 volte delle probabilità di disturbi dello sviluppo neurologico (combinando le diagnosi di ASD, ADHD e difficoltà di apprendimento), dopo aver controllato altri fattori. È emerso un dettaglio importante per quanto riguarda un possibile sinergismo tra vaccinazione e parto pretermine. In un modello statistico aggiustato finale, la vaccinazione, ma non la nascita pretermine, è rimasta associata all’NDD, come definito, mentre l’interazione della nascita pretermine e la vaccinazione è stata associata con un aumento delle probabilità di 6,6 volte dell’NDD (intervallo di confidenza al 95%: 2,8, 15,5).

* * * * * * *

Citazioni di scienziati indipendenti non coinvolti nello studio

“Sono lieto di vedere uno studio adeguatamente analizzato sulla sicurezza dei vaccini”, ha affermato il Dr. Lyons-Weiler, CEO e Presidente dell’Istituto per la conoscenza pura e applicata. “A differenza degli studi precedenti, che hanno ignorato il termine di interazione, il Dr. Mawson e i colleghi hanno seguito i passi appropriati per interpretare il significato dell’interazione tra le variabili. Lo studio ha riportato un significativo effetto di interazione tra parto prematuro e vaccinazione con un aumento di 6,6 volte del rischio di disturbi dello sviluppo neurologico. “

“Questo studio, tuttavia, come studio di indagine, è potenzialmente soggetto a variazioni a causa delle risposte dei partecipanti ben intenzionati. Il prossimo passo logico sarebbero ulteriori, studi più ampi che proverebbero a replicare i risultati usando cartelle cliniche mediche elettroniche – da investigatori indipendenti non coinvolti nel trarre profitto dai vaccini ”, ha affermato il dott. Lyons-Weiler. “Questo è uno studio atteso da tempo che coinvolge un giusto confronto tra bambini vaccinati e non vaccinati in cui le due sottopopolazioni probabilmente non riflettono altri pregiudizi, a causa del fatto che sono state tratte da una popolazione comune di bambini a casa”, ha affermato la dott.ssa Stephanie Seneff , Ricercatore senior presso il MIT Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory. “I risultati sono allarmanti e non lascia dubbi sul fatto che dobbiamo mettere seriamente in dubbio se i benefici dei vaccini siano superiori ai rischi. Uno studio molto più ampio per vedere se i risultati continuano il mantenimento è fondamentale a questo punto “.

Il Dr. Lyons-Weiler e il Dr. Seneff non sono stati coinvolti nello studio.

Kevin Barry

Fonte: https://www.ageofautism.com

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code