toba60

La Grecia è al 1° Posto in Termini di Spesa Militare Nella NATO e l’Italia……! E’ la Globalizzazione Signori

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Eccoci qua signori, il mondo sta attraversando uno dei periodi piu’ bui dell’umanità ed il pericolo mortale pare sia stato indentificato in quelli che vengono chiamati No-Vaxx i quali sembrerebbe costano un patrimonio che impedisce ai vaccinati di poter usufruire di un servizio adeguato in seguito agli effetti collaterali che li stanno assillando da un po di tempo e questo dopo che il governo negli ultimi 10 anni ha tagliato le spese sanitarie di oltre 50 miliardi di Euro.

Ma …..shhh shhh attenzione ora…. senza farsi sentire ehh ! ora vi dico in silenzio una cosa che detto tra noi non si deve sapere….

……. la spesa militare italiana nel 2021 ha sfiorato i 25 miliardi di euro, ora andate a chiedere qualche sussidio al Governo per qualche sporadico disagio che come sapete qualcuno in questo periodo ha dovuto probabilmente subire…..sempre in silenzio però, perche sapete si potrebbero offendere!!!

(Ce lo Chiede l’Europa)

Toba60

La Grecia è al 1° Posto in Termini di Spesa Nella NATO!

La Grecia è in testa alle spese militari nella NATO, avendo speso 8 miliardi di dollari in attrezzature militari nel 2021, equivalente al 3,82% del suo PIL!

Rafale Nuovo Caccia di Progettazione Francese

Vale la pena notare che in termini di importo stanziato, il nostro paese ha persino superato gli Stati Uniti (3,7%) in termini di percentuale di spesa in relazione al suo PIL e si colloca al primo posto nella lista corrispondente tra gli stati membri dell’associazione militare.

Il 2% è la spesa per la difesa raccomandata dalla NATO per i membri del blocco.

Nikos Papanastasis, tenente colonnello in pensione delle forze speciali, membro del KKE e membro della commissione parlamentare permanente per la difesa nazionale e gli affari esteri, commenta su Sputnik i costi di approvvigionamento delle armi.

Riferendosi alla dichiarazione del ministro della difesa nazionale Nikos Panagiotopoulos durante il dibattito sul bilancio, che ha detto che la spesa militare del paese è in linea con i requisiti della NATO, diventa chiaro quale sia la direzione politica del governo, ha detto Papanastasis. Secondo lui, in tutti i programmi per l’acquisto di armi presentati alle commissioni parlamentari per l’approvazione, “si afferma direttamente che sono fabbricati secondo i requisiti della NATO”.

Allo stesso tempo, Papanastasis ha sottolineato che in soli 15 giorni, “programmi di armi costosi e su larga scala del valore di più di 1 miliardo di euro” hanno raggiunto le commissioni parlamentari. Tutto questo, continua, “significa praticamente che le enormi somme spese per l’Alleanza Nord Atlantica non hanno lo scopo di proteggere la Grecia, ma cercano di rafforzare la posizione degli Stati Uniti nella competizione con la Russia e la Cina. E vediamo che sono in corso anche i preparativi per la guerra in Ucraina”.

Acrimonia dei costi e delle forniture Secondo il deputato del KKE, c’è qualcosa di “acrimonioso e schizofrenico” nella politica statale, poiché da un lato abitudini “faraoniche” per l’acquisizione di aerei da combattimento Rafale, fregate e altri sistemi d’arma del valore di 8 miliardi, e dall’altra parte, la politica estera è condotta in modo frenetico. “Cosa possono offrire i Rafale e tutte le altre armi alla difesa del paese, quando allo stesso tempo si scopre che il governo greco decide di mettere sul tavolo dei colloqui preliminari con la Turchia la sua proposta di estendere le sue acque territoriali a 10 e 12 miglia? “Cosa possono fare gli armamenti quando le questioni greco-turche e cipriote vengono discusse secondo le regole della NATO? La risposta a tutto questo è assolutamente nulla”.

Allo stesso tempo, Papanastasis sottolinea che il governo non vuole proteggere i confini, sta facendo grandi piani militari”. Con l’ultimo accordo greco-americano, il governo non sta solo spostando il suo territorio ad Alexandroupolis, ma sta facendo molto di più, non importa quanto il ministro degli Esteri Nikos Dendias voglia sostenere che le truppe degli Stati Uniti e della NATO” andranno lì e si schiereranno al confine europeo, non stanno mirando alla Russia”, ha aggiunto. La Turchia, che sta anche costruendo fregate, navi, sottomarini, droni”, ha detto Papanastasis. I principali beneficiari di questo sono gli Stati Uniti, l’establishment industriale di Francia, Italia e Germania, ma anche la stessa NATO, che sta costruendo un esercito che prima non aveva.

La NATO esige sgarbatamente dai suoi stati membri ciò che non ha.

“L’unico perdente è la Grecia, che paga e gli stati che sanguineranno”, ha aggiunto. Allo stesso tempo, ha espresso l’opinione che il denaro che la Grecia dà alla NATO potrebbe essere ridistribuito tra difesa, salute e istruzione. “Dare alla NATO 8 miliardi mentre il paese sanguina dal coronavirus e dalla precisione. Tra tutto questo, dovremmo notare che la fiesta del Rafale è stata fatta in un momento di povertà, eccessiva tassazione e crisi energetica”, sottolinea il deputato del KKE. Perché il JKE vota contro? Il KKE vota contro tutte queste consegne di armi “che non soddisfano i bisogni del popolo greco”.

“Il popolo vuole protezione alle sue frontiere, ma non vuole sistemi di armi che dissangueranno altri popoli della regione in cui stanno andando”, ha detto Papanastasis. “C’è una falsa opinione che il KKE non vuole difendere i confini, ma la verità storica è una: i comunisti sono stati i primi a combattere per i confini e hanno dato la loro vita per loro contro i nazisti quando la borghesia nella seconda guerra mondiale La guerra beve al Cairo”, ha concluso. P.S. Dalla redazione, vorrei raccomandare la pubblicazione Andreas Monkouroulias, dove l’autore in un articolo intitolato Grecia – USA: “Il prezzo della ‘tenera’ amicizia” alza il sipario sul vero prezzo dell’accordo di difesa Grecia-USA.

Fonte: sputniknews.gr

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE


Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code