toba60

Questa Non è una Guerra per l’Ucraina, è una Guerra per il Futuro del Mondo Intero

Se qualcuno pensa che per far scoppiare una guerra sia sufficiente sedersi su un tavolo e stilare una dichiarazione ufficiale con tanto di firma del cattivo Vladimir Putin, é probabile che veda con accanimento terapeutico i programmi in prima serata di Mario Giordano, Nicola Porro o del Mentana Fake News.

La valutazione attenta e oculata dei rischi e benefici sono monopolio di chi sa come funzionano le cose nel mondo e questi Russi cari miei hanno capito bene che avevano a che fare con gente che da un pezzo hanno perso il lume della ragione, in preda ad un delirio di onnipotenza che gli ha dato a credere di essere Dio.

Benvenuti nel mondo della realtà, e’ finita la pacchia virtuale dei giochi……….

…….ora si fa sul serio.

Toba60

Il Piano del Gran Maestro Vladimir Putin per Riorganizzare la Scacchiera Geopolitica Europea

Guardando i rapporti che sono i più credibili (e tenendo adeguatamente conto di qualsiasi partigianeria) stiamo fissando una completa, effettiva neutralizzazione delle Forze Armate Ucraine (UAF) per tenere qualsiasi delle aree etnicamente dominanti dell’Ucraina.

In un post del 25 febbraio, rispondendo ad un eccellente articolo di Alistair MacLeod ho scritto quanto segue:

MacLeod: Entrambe le parti probabilmente non sanno quanto sia fragile il sistema bancario dell’Eurozona, sia la BCE che i suoi azionisti delle banche centrali nazionali che hanno già passività superiori alle loro attività.

In altre parole, l’aumento dei tassi d’interesse ha rotto il sistema dell’euro e una catastrofe economica e finanziaria sul suo fianco orientale probabilmente scatenerà il suo collasso. Sono 3 anni che sbatto la scarpa su questo tavolo.

Se gli USA/NATO rispondono con una sorta di guerriglia qui per appendere l’Ucraina come un albatros al collo di Putin, come dovremmo aspettarci, allora l’Europa è in grossi guai finanziari. Perché la guerra finanziaria continuerà a intensificarsi mentre Putin risponde militarmente. Ricordate, ha minacciato apertamente i ‘decisori’ qui.

E nessuna quantità di disinformazione a bocca asciutta della CIA/MI6 lo dissuaderà più dall’agire. Questo è sempre quello che intendevo con “le spie iniziano le guerre civili, i militari le finiscono”. Non c’è più nessuna guerra per l’Ucraina.

Io ci credo ancora. Questa non è una guerra per l’Ucraina, è una guerra per il futuro del mondo intero. L’Ucraina rappresenta la collina su cui sia Davos che la Russia hanno scelto di vivere o morire.
Il gambetto dell’Afghanistan

Davos ha rifiutato di lasciare che il presidente Zelensky si arrenda perché se lo fa, legalmente non c’è più nessuna guerra da sanzionare per la Russia. A quel punto non è più la guerra di Putin, è un conflitto risolto e i termini sono stati negoziati.

A quel punto ciò che resta dell’Ucraina può essere fatto a pezzi. È troppo presto perché questo accada, quindi vedrete costanti minacce di colloqui di pace, ma questo serve solo a placare le paure dei mercati dei capitali, che è dove Davos ha il maggior controllo sulla situazione.

L’obiettivo primario della guerra dell’informazione da parte dell’Occidente è quello di spingere i mercati dei capitali il più possibile a suo favore, mantenendo le cose entro i limiti dell'”accettabile” per evitare qualsiasi dolore a breve termine. L’oro è ancora sotto il suo massimo storico, il che è semplicemente esilarante.

Detto questo, in quello stesso post ho messo questa mappa di una futura Ucraina che ritenevo, prudentemente, sarebbe stata in vigore entro la fine di quest’anno. Gli eventi si stanno muovendo molto più velocemente di questo, tuttavia.

Anche Chernihiv e Sumy sono in gioco, così come Lviv come merce di scambio per la Polonia. Come il Colonnello Douglas Macgregor ha sottolineato recentemente su Fox News, tutto ciò che si trova ad est del fiume Dnieper diventerà parte di una nuova Novorussia, se non parte della Federazione Russa.

Chiaramente questo è l’obiettivo iniziale di Putin, la spartizione dell’Ucraina. Si è mosso militarmente, l’UE e il resto dell’Occidente hanno risposto finanziariamente. La loro speranza è di trasformare l’Ucraina in un pantano, come l’Afghanistan (secondo le recenti osservazioni di Hillary Clinton), che sperano che la Russia non sia in grado di sostenere dopo essere stata soffocata dall’economia globale.

Il regime di sanzioni finanziarie messo in atto finora è brutale, ma anche pieno di buchi abbastanza ampi da permettere a Putin di manovrare dentro e intorno a causa dei fatti ben compresi del dominio della Russia come fornitore globale di materie prime per il sostentamento del mondo intero.

Questa è una guerra asimmetrica.

Non c’è molto altro che l’Occidente possa fare dal punto di vista finanziario. Hanno sequestrato i beni esteri della Banca di Russia, per pietà. Quali altre armi hanno davvero nel loro arsenale con cui possono minacciare la Russia?

Hanno, in effetti, eseguito il loro primo colpo nucleare contro la Russia. Una volta che sei diventato nucleare, dove vai dopo? Nucleari veri e propri? Sì, questa è una possibilità, purtroppo, date le persone di cui stiamo parlando.

D’altra parte, la Russia ha finora impegnato solo le truppe necessarie per neutralizzare l’Ucraina. Quindi, da questo punto di vista, grande vantaggio della Russia.

I fatti sul terreno sono fatti. La Russia ha preso un territorio che può mantenere. Non prendendo di mira i civili o le infrastrutture civili, la Russia si è messa in una posizione molto buona per non affrontare un’insurrezione folle che l’Occidente può finanziare come ha fatto nei conflitti passati.

Gran parte delle risorse della NATO nel paese sono state neutralizzate. E voi lo sapete perché la propaganda e la retorica sono state così grossolane, fumettistiche e stridenti. Di nuovo, chiedetevi perché la guerra finanziaria e informativa è stata così intensa?

È perché l’Occidente pensa di stare vincendo o perché sta cercando disperatamente di far ruotare le popolazioni nazionali verso la solidarietà dopo aver perso massicciamente credibilità durante l’ultimo anno con le chiusure legate al COVID-19, i passaggi dei vax, e l’impersonificazione di intere fasce della società occidentale?

Il vero calderone russo

Ora facciamo la prossima domanda che continua a venire fuori.

Perché Putin non ha chiuso il gas a un’Europa che lo sta rapidamente esaurendo?

Perché farlo prenderebbe di mira le popolazioni civili. Se non sta prendendo di mira i civili in Ucraina per minimizzare la loro rabbia per essere stati invasi, allora perché dovrebbe usare quell’arma ora contro i civili in Germania che hanno la chiave per rovesciare i politici pazzi e gli oligarchi che hanno provocato questa guerra in primo luogo?

Non ha alcun senso strategico. Parla anche di una sorta di fiducia nella posizione militare della Russia in Ucraina, dando così credito ai rapporti che la Russia sta raggiungendo i suoi obiettivi strategici sul terreno in Ucraina.

Ok, questa è la situazione.

Quindi, quali sono i veri obiettivi di Putin? Come ho detto all’inizio, niente di meno che spezzare la schiena di Davos e dei loro agenti in USA/UK che hanno tormentato la Russia per più di un secolo.

Come raggiunge questo obiettivo?

Putin sta creando dei fatti incontrovertibili ai quali i suoi avversari devono rispondere. Di nuovo, sta stabilendo il tempo operativo, come ho detto la settimana scorsa.

Le loro contromosse sono insipide e prevedibili. L’Ucraina ha chiesto l’ammissione nell’UE. L’UE è aperta a questo. La Georgia sta facendo la stessa cosa. La Turchia è livida. L’Ungheria non è coinvolta.

Nessuno è disposto a mandare davvero armi all’Ucraina.

Cosa ottiene l’UE aggiungendo l’Ucraina? Pensano che perché hanno firmato un pezzo di carta con una persona che non è de facto responsabile del suo paese cambierà i fatti sul terreno lì?

Pensano ancora che il “tratto di penna, legge del paese, un po’ figo” conti a questo punto?

Perché se l’UE accetta l’Ucraina nelle sue file, allora sarà responsabile della prossima fase dell’escalation, non Putin. Dovrà quindi capire come spodestare i russi dal loro territorio.

Ieri sera il presidente Sundowner ha fatto l’intero Stato dell’Unione degli Stati Uniti sull’Ucraina. Pensano davvero che un presidente con un indice di gradimento che è, nel migliore dei casi, del 37%, sia in grado di mettere gli Stati Uniti a combattere una guerra per l’Europa contro la Russia dopo averci fatto fallire con la NATO per tre generazioni?

Se lo sono, sono più deliranti di quanto persino io abbia contemplato a questo punto.

Vladimir Putin

La NATO è pronta a espandersi ora in Ucraina sotto l’ombrello dell’adesione all’UE? Se sì,

Quello che è ovvio per me è che i neocon e i neoliberali che controllano l’Occidente pensano di poter trasformare l’Ucraina in un pantano per Putin, ma cosa succede se Putin pensa di poter trasformare l’Ucraina in un pantano per loro?

La Russia non è capace di conquistare l’Europa. Ma non ne ha bisogno per sconfiggerli. Ha solo bisogno di creare una versione della mappa che ho postato sopra.

I limiti delle guerre monetarie

Se Putin e la Russia hanno raggiunto, o stanno per raggiungere, tutti i loro obiettivi militari in Ucraina, cosa fanno per assicurarsi questi guadagni?

Devono neutralizzare la guerra finanziaria condotta contro di loro e creare un ambiente in cui l’Europa spende soldi che non ha, con un capitale politico interno fallimentare, e li manda in bancarotta completamente.

E la prima mossa in questo senso è stata appena annunciata oggi dal Ministero delle Finanze russo (VPN e traduttore Deepl necessari).

Cosa significa questo? Significa semplicemente che la Russia ha ora, in effetti, iniziato la rimonetizzazione dell’oro per scopi domestici. Rimuovendo l’IVA sugli acquisti di oro i cittadini russi possono ora compensare il loro rischio valutario con l’oro e stabilizzare la situazione monetaria interna.

Il primo passo per compensare la guerra finanziaria dall’Occidente è permettere alla popolazione interna di essere immune ai crolli della loro valuta da parte di attori stranieri che ritirano i capitali dal paese. Le aziende che fanno affari internazionali hanno ora un’alternativa per tenere depositi a tempo che sono molto meno volatili del rublo senza penalità. L’oro diventa la moneta del business internazionale della Russia.

È l’inizio del processo di svuotamento dell’oro fisico dal mercato globale e del controllo sul suo prezzo da parte degli schemi di ponzi che sono il COMEX e la LBMA.

Questo è un primo passo per ricostruire la fiducia nel sistema bancario russo piuttosto che quello che stiamo vedendo in Occidente che è l’assalto rituale alla privacy, alla generazione di ricchezza e al valore del nostro lavoro, che si sta degradando rapidamente grazie all’inflazione, che imperverserà da qui come tutti i mercati di energia e materie prime sono spaventati a morte dalla guerra finanziaria di Davos alla Russia.

Come Luke Gromen ha sottolineato su Twitter questo è il grande segnale che il sistema dei petrodollari è diretto verso il cestino della storia.

Con il mercato globale del petrolio in un completo stato di shock, poiché nessuno vuole incorrere in sanzioni USA e/o UE sull’energia russa, il prezzo del petrolio qui va potenzialmente in parabola. A quel punto, la realtà colpisce i padroni del denaro dritto in faccia.

Quelli che sfidano le acque otterranno il loro petrolio con un forte sconto, quelli che non lo fanno pagheranno a peso d’oro, accelerando ulteriormente il declino di quelle economie mentre l’inflazione va fuori controllo e la gente dà la colpa, non a Putin, ma a chi comanda.

Inoltre, la Russia ha mantenuto i flussi di gas per garantire che il denaro continui a fluire nel paese per finanziare l’ulteriore espansione delle sue riserve d’oro.

Lo shock attuale si attenuerà. La Russia non è l’Iran. Può assicurare la propria flotta di petroliere. Può consegnare il petrolio. Se l’Iran potrebbe sopravvivere a ciò che Trump ha fatto loro, la Russia può prosperare sotto questo nuovo regime, cambiando l’intero flusso di capitale nel mondo.

Ora, voglio rivolgere la vostra attenzione alle altre notizie che confermano ulteriormente che Davos e l’Europa sono in trappola. Il presidente del FOMC Jerome Powell ha testimoniato oggi dicendo al mondo che la Fed aumenterà ancora di 25 punti base a marzo. Bullard è uscito e ha detto che la Fed deve ritirare gli alloggi per mantenere la sua credibilità.

Inoltre Powell ha incolpato sia la Fed che il Congresso per l’inflazione. È il risultato di troppa spesa.

Powell ha persino ventilato l’idea che il mondo può avere più di una valuta di riserva (!!). Nel frattempo Biden parla di riportare Build Back Better e di mandarci sulla strada della rovina finanziaria.

La lotta tra Davos e la Fed, che ho identificato la scorsa estate è reale, gente. Questo lascia un’Europa bellicosa ma impotente, presa tra la Scilla di una Fed che prosciuga la fornitura globale di dollari e le Carburi di un esercito russo in grado di resistere a qualsiasi cosa l’Europa gli lanci addosso se gli Stati Uniti non vengono coinvolti, cioè se la cosa non diventa nucleare.

La NATO non viene coinvolta in Ucraina anche se l’Ucraina diventa membro dell’UE. Possono avere la parte senza sbocco sul mare di ciò che è rimasto. Se Putin è intelligente, e lo è, offrirà ai polacchi Lviv e all’Ungheria la Transcarpazia. L’UE ottiene la feccia.

È chiaro dai lamenti e dagli stridori dei Neocon/Neolibs che vogliono che Putin sia Milosevic per aver osato metterli in questa posizione. Sognano ancora di rovesciarlo. È anche chiaro che ci sono molte persone che non sono d’accordo con la distruzione intenzionale dell’attuale economia globale all’interno delle alte sfere dei politici statunitensi e dei consigli d’amministrazione europei.

Questa è la vera lotta per il futuro e se Davos pensa che la distruzione estrema della domanda sarà tollerata per un certo periodo di tempo per un conflitto regionale come l’Ucraina perché è il loro bue che viene incornato, allora questa guerra, anche se ancora infuria è, in effetti, già finita.

Tom Luongo

Fonte: tomluongo.me

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code