toba60

Le Origini Eteriche della Gravità, Dell’Elettricità e del Magnetismo

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Le materie scientifiche come sapete sono spesso un po ostiche per chi si accinge le prime volte, come in tutte le cose naturalmente.

Chi ha familiarità con la fisica probabilmente leggendo questo editoriale non troverà nulla di nuovo (Forse si) ma sono sicuro un qualcosa di diverso.

È quella diversità che stimola l’attenzione e porta le persone ad affrontare con occhi distinti le sfide infinite che la scienza ci pone davanti.

Toba60

Le Origini Eteriche della Gravità

C’è una bellissima unità alla base di gravità, elettricità e magnetismo. Questa unità può essere espressa matematicamente, ma qui sarà mostrata visivamente perché così facendo si ottiene una comprensione più rapida e diretta della realtà geometrica spesso oscurata dall’astrazione matematica.

Questi diagrammi mostrano come i campi elettrico, magnetico, gravitazionale e potenziale nascano tutti da vari tipi di distorsioni in un unico campo chiamato superpotenziale scalare. Questo campo è anche conosciuto come l’etere, o il mezzo in cui tutto ciò che è fisico esiste.

Il termine “scalare” significa semplicemente che ogni coordinata del campo è associata ad un singolo valore di misura. Il modo in cui questo valore varia nello spazio e nel tempo determina che tipo di campo secondario nasce dal superpotenziale. L’unità di misura è il Weber, che è un’unità di puro flusso magnetico.

In questi diagrammi, ogni cerchio rappresenta un particolare valore di superpotenziale.

I cerchi di dimensioni diverse indicano diversi valori di superpotenziale.

I cerchi formati da linee tratteggiate indicano valori di superpotenziale che variano nel tempo.

Superpotenziale scalare

Per prima cosa abbiamo un campo superpotenziale uniforme:

Tutti i cerchi hanno le stesse dimensioni. Ogni coordinata nello spazio ha lo stesso valore di flusso magnetico. Non c’è nessun campo di forza elettrico, gravitazionale o magnetico, solo un etere uniforme.

Potenziale vettoriale magnetico

La distorsione più semplice è un gradiente, dove il superpotenziale aumenta o diminuisce su una certa distanza:

Questo gradiente dà origine al potenziale magnetico vettoriale. Non abbiamo esperienza diretta con il potenziale vettoriale perché, a differenza della gravità, dell’elettricità o del magnetismo, non genera forze nella sua forma non distorta. Ma esiste comunque e può essere misurato con strumenti speciali che operano attraverso principi di meccanica quantistica. James Clerk Maxwell, il creatore della teoria elettromagnetica, disse che il potenziale vettoriale era il campo più importante e fondamentale dell’elettromagnetismo e lo paragonò al momento eterico.

Campo magnetico

Il campo di forza magnetico sorge solo quando il potenziale vettoriale si distorce in modo circolatorio:

La distorsione circolatoria è anche conosciuta come ricciolo. Quando c’è un ricciolo nel potenziale vettoriale, un campo di forza magnetica nasce ad angolo retto rispetto a quel ricciolo. Stendi il pollice e arriccia le dita lungo la pendenza crescente nel superpotenziale, e il tuo pollice punterà nella direzione della linea di forza magnetica. Si può anche immaginare come l’asse di un tornado sia una linea di campo magnetico e le correnti d’aria circolanti siano il potenziale vettoriale. Quindi quello che conosciamo come campo magnetico nasce dalla circolazione nell’etere.

Questo spiega perché i magneti si attraggono e si respingono. Ecco la visione convenzionale dei campi magnetici:

Lì si vede il campo di forza magnetica che esce da un polo ed entra nell’altro. Quando le linee di campo che escono da un polo entrano nel polo di un altro magnete, i due poli si attraggono.

Ma c’è un altro modo per capire questo. Un magnete cilindrico è circondato da un vortice eterico fatto di superpotenziale:

Quando il polo nord di un magnete è vicino al polo sud di un altro, i campi di entrambi circolano nella stessa direzione e quindi hanno un’affinità per l’altro e quindi si attraggono. Ma quando poli simili sono messi insieme, perché uno è rivolto verso il basso mentre l’altro verso l’alto, la loro circolazione è orientata in modo opposto e quindi si respingono.

Potenziale elettrico scalare (tensione)

Un’altra distorsione del superpotenziale è quella in cui il valore cambia nel tempo:

Questo crea un potenziale elettrico scalare, più comunemente noto come tensione. Una tensione uniforme o un campo di potenziale scalare è quello in cui il superpotenziale varia ovunque alla stessa velocità:

Non abbiamo esperienza diretta di un campo potenziale scalare non distorto, perché non genera alcuna forza. Se la tensione è ovunque uniforme, non possiamo rilevarla.

Campo elettrico

Ma se la tensione varia sulla distanza, quando c’è un gradiente nel potenziale scalare elettrico, allora si crea un campo di forza elettrica. Un modo per creare un campo elettrico è creare un gradiente di tensione, cioè un gradiente nel superpotenziale variabile nel tempo.

Un altro modo è quello di cambiare il potenziale vettoriale nel tempo, creando un gradiente variabile nel tempo nel superpotenziale:

Entrambi i metodi equivalgono alla stessa cosa, perché entrambi coinvolgono il superpotenziale scalare che varia sia nello spazio che nel tempo.

Potenziale gravitazionale

Così il potenziale vettoriale nasce da un gradiente, il magnetismo dal ricciolo e l’elettricità dalla variazione nel tempo. Rimane solo un grande campo e una grande distorsione: il potenziale gravitazionale e la divergenza.

Ha perfettamente senso che il potenziale gravitazionale nasca dalla divergenza nel potenziale vettoriale magnetico, da una compressione o espansione nell’etere. Postulato molto utile.

Lì vedi il superpotenziale scalare che aumenta o diminuisce verso l’esterno da un punto centrale (il “centro neutro”), o che si comprime in una direzione lineare. Entrambi sono equivalenti. Quando c’è divergenza o convergenza lineare o radiale nel potenziale vettoriale magnetico, sorge un potenziale gravitazionale. È equivalente alla pressione o densità eterica.

Ancora una volta, un campo potenziale gravitazionale uniforme non ha forze associate. Quindi non abbiamo esperienza diretta di un potenziale gravitazionale in sé.

Campo gravitazionale

Come nel caso dei campi elettrici, è solo quando il potenziale gravitazionale varia sulla distanza che sorge un campo di forza gravitazionale:

Questo è ciò che conosciamo come gravità. La gravità è un gradiente nella divergenza del potenziale vettoriale magnetico. In altre parole, nasce da una doppia compressione o espansione dell’etere. Le masse risucchiano l’etere in se stesse, generando un gradiente diretto verso l’interno dell’etere che varia con la distanza dal centro, che crea una forza gravitazionale che punta verso il centro di massa.

Carica contro massa

Le cariche elettriche e le masse gravitazionali hanno campi superpotenziali scalari simili:

(Nota: invece di “fiocchi di neve” che si restringono come nel diagramma precedente, qui sto usando una rappresentazione equivalente di cerchi che si restringono radialmente. Matematicamente, entrambi rappresentano un gradiente nella divergenza).

Entrambi i campi sono radialmente simmetrici, ma solo la carica elettrica è circondata da un campo dinamico temporale. Questa è l’unica vera differenza tra le cariche e la massa, che una varia nel tempo mentre l’altra è statica nel tempo. Parafrasando una delle mie fonti preferite, “Un gravitone è un elettrone in un vuoto temporale”. Se rimuovi la componente temporale di un elettrone con il suo campo elettrico radiale, ti ritrovi con una massa che emette un potenziale vettoriale radiale.

Equazione dell’onda longitudinale

Le onde sono interessanti in quanto le loro distorsioni spaziali e le loro variazioni nel tempo sono accoppiate insieme. Quindi una genera l’altra. Le onde longitudinali hanno la variazione nel tempo accoppiata alle distorsioni di compressione nel campo ondulatorio. In altre parole, l’onda si ondula nella stessa direzione in cui viaggia, come un’onda d’urto inviata attraverso una molla, contro le onde trasversali dove l’ondulazione è perpendicolare come una corda scossa.

La prima equazione dell’onda longitudinale si applica a campi di tensione uniformi che variano nel tempo:

Un campo di tensione uniforme variabile nel tempo genera un campo potenziale gravitazionale uniforme. Non possiamo rilevare facilmente nessuno dei due, eppure esistono e hanno effetti sottili e inaspettati. Un effetto è un campo temporale vibrante. Un altro effetto è l’alterazione del nostro benessere emotivo e biologico. La tecnologia e le armi scalari sfruttano questa proprietà nella massima misura possibile (esempio: strati di chemtrail conduttivi ad impulsi elettrici sopra aree popolate).

La seconda equazione dell’onda longitudinale si applica a potenziali vettoriali che variano in modo accelerativo attraverso il tempo:

Quando il potenziale vettoriale è fortemente e non linearmente pulsato, crea un corrispondente impulso gravitazionale perché l’etere è doppiamente compresso. Questo è ciò che Tesla ha osservato nei suoi esperimenti con l’energia radiante, dove inviando un forte impulso di corrente lungo un filo, sentiva un forte schiaffo al suo corpo anche se si trovava dietro uno scudo metallico. Il superpotenziale scalare intorno ad un filo che trasporta una corrente elettrica costante ha un aspetto simile a questo:

Quando la corrente viene pulsata, crea un’onda d’urto gravitazionale dentro e intorno al filo. Gli elettroni trascinano l’etere con loro, e quando la densità degli elettroni cambia rapidamente, lo stesso fa la densità dell’etere. Questo è il motivo per cui i fili sottoposti a forti impulsi di corrente si spezzano misteriosamente in segmenti come se fossero tirati a parte da forze interne longitudinali, e perché i cannoni ferroviari si piegano in modi che non possono essere spiegati da semplici forze magnetiche.

Antenne trasversali e longitudinali

Le onde elettromagnetiche trasversali, che sono quelle che tutto, dai telefoni cellulari alle radio, utilizza, sono ondulazioni nell’etere che coinvolgono la torsione del campo:

Un’antenna metallica sottile sottoposta a una corrente oscillante produrrà onde trasversali. Nell’antenna, il potenziale vettoriale punta prima verso l’alto e poi verso il basso, e così le onde emesse hanno componenti potenziali vettoriali elettrici e magnetici orientati verticalmente. Il campo elettrico mutevole crea un campo magnetico mutevole perpendicolarmente ad esso, e quindi ciò che risulta è un’onda elettromagnetica.

Ma se il campo magnetico viene soppresso, si creerà invece un campo gravitazionale mutevole. Questo perché il potenziale vettoriale normalmente si arriccia avanti e indietro per creare un campo magnetico alternato, ma se l’arricciatura viene impedita allora il potenziale vettoriale diverge e converge invece.

Un modo per farlo è quello di inviare una tensione oscillante in una grande sfera di metallo. La simmetria sferica fa sì che il campo magnetico generato si annulli quasi ovunque sulla sfera, lasciando solo un campo elettrico alternato e la sua componente magnetica vettoriale alternata. Se il potenziale vettoriale varia in modo accelerativo nel tempo, allora si creano onde gravitazionali. Il campo superpotenziale avrebbe questo aspetto:

Tali onde non possono essere rilevate con i normali ricevitori radio perché, invece di far muovere collettivamente avanti e indietro gli elettroni nell’antenna ricevente, queste onde fanno sì che gli elettroni si raggruppino ed espandano, il che equivale a una corrente netta nulla nell’antenna. Piuttosto ci vorrebbe un’antenna a forma di una grande sfera di metallo o una grande piastra di metallo per intercettare adeguatamente le onde longitudinali.

Fonte: Web Archive Montalk.

Abbiamo bisogno della vostra collaborazione ! Contiamo su di voi per un supporto economico necessario per finanziare i nostri rapporti investigativi. Se vi piace quello che facciamo, un abbonamento mensile è un riconoscimento a noi per tutto lo sforzo e l’impegno che ci mettiamo.

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 1

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code

  1. Buonasera,
    desidero segnalarle i Teoremi di Emy Noether.
    La comunitá scientifica s’è quasi dimenticata a cosa serva il secondo Teorema di Noether.
    Com’è noto il primo combina leggi di conservazione e simmetrie.
    Il secondo teorema mette in luce come si presentano le leggi di conservazione, quindi se sono primarie=generali o secondarie=gauge.
    Col secondo Teorema di Noether si scopre che la legge di conservazione della carica è secondaria ed è dovuta tra le interazioni tra campo spaziale, doppio campo complesso di Higgs che fornisce la massa all’energia in moto nello spazio, campo elettrodinamico, per cui sia la gravità, sia la massa, sia le cariche sono dovute alla interazione di questi campi.
    E questo spiega tutto in quanto la forza elettromagnetica interferisce con quella gravitazionale che compaiono come campi eccitato solo tramite la presenza di massa in moto relativo nello spazio data dal doppio campo di Higgs.
    Ho letto tantissime imprecisioni nel testo e una insopportabile presunzione eterea, ma l’aspetto premiante è che in effetti l’elettromagnetismo interferisce con la gravità.

    http://tesi.cab.unipd.it/57491/1/ZecchinatoMarco_tesi.pdf