toba60

L’Elettrificazione Automobilistica Mondiale Distruggerà Completamente la Terra.

Views: 519

Con questo articolo si cerca di far capire come le multinazionali in comunione con i media Mainstream, fanno spacciare una tecnologia come innovativa ed ecologica e che rispetta l’ambiente, nascondendo l’inganno che maschera interessi mondiali, legati a tutte le lobby che gestiscono il panorama del mercato automobilistico mondiale.

Se ci pesate bene e’ uno stratagemma molto ben consolidato in ogni settore, vedi l’esempio della pandemia del Covid19 con cui si sono intraprese iniziative nel nome della salute e salvaguardia delle persone, che hanno indotto molte le masse ad intraprendere iniziative mirate, li dove volevano i burattinai, celando interessi ben distanti dalla logica che vuole l’individuo al centro della sua tutela.

Quello che vedrete e’ solo un anticipazione molto sintetica, ma che avra’ ulteriori sviluppi molto più’ dettagliati nei prossimi articoli in programmazione.

Toba60

L’ELETTRIFICAZIONE DEL PARCHEGGIO MONDIALE È UTOPISTICA E FANTASIOSA, IN QUANTO NON ESISTONO MATERIE PRIME PER ELETTRIFICARE PIÙ DI UNA PARTE DEL PARCHEGGIO MONDIALE.

Molti di quelli con fobia del CO2 hanno capito che la flotta automobilistica del futuro sarà elettrificata tra pochi anni e che le auto che usano benzina o diesel devono essere bandite.

Ma questo ha a che fare con la tecnologia di oggi con le sue risorse / e le materie prime richieste?

O questo annuncio è un colpo cieco completo, indotto dal climax religioso clericale e dai poteri forti che guadagnano enormi quantità di isteria climatica che sta avvenendo in questo momento nella società occidentale?

Per la produzione di auto elettriche, si devono smantellare intere nazioni per estrarre i metalli rari necessarii. (Vedi Congo) spiegano i ricercatori britannici.

O come scrive Øystein Nordfjeld:

“Chiunque pensa ancora che le batterie siano rispettose dell’ambiente o sostenibili dovrebbe leggere questo articolo.
Da parte mia, aggiungerei che se il paese carica anche le auto con vento e sole, i numeri (ad eccezione del litio) devono almeno raddoppiare ”.

Riassume Knut Borbe:
Per elettrificare la flotta solo nel solo Regno Unito, il calcolo mostra che oltre
* 207.000 tonnellate di cobalto
* 264.000 tonnellate di carbonato di litio
* 7.200 tonnellate di neodimio e disprosio (metalli del tipo di lantanoidi)
* 2.3 milioni di tonnellate di rame

Ciò equivale a:
* produzione mondiale di neodimio
* produzione mondiale due volte di cobalto
* tre quarti della produzione mondiale di litio
* almeno metà della produzione mondiale di rame.

E così furono i numeri enormi, solo per elettrificare la flotta automobilistica del Regno Unito. Poi arriva anche l’elettrificazione del resto del parcheggio del mondo.

E questo se ignoriamo completamente che molte delle stesse risorse dovrebbero anche essere utilizzate e distribuite sulla produzione di una serie di altre cose, da cui la società è totalmente dipendente, come computer, telefoni cellulari, dispositivi medici elettronici e tutti i tipi di altre apparecchiature e strumenti elettronici più o meno vitali che utilizziamo in ogni momento in tutte le società moderne.

In altre parole, tale elettrificazione della flotta automobilistica mondiale è completamente impossibile, sia teoricamente che in pratica, e completamente irrealistica con la tecnologia odierna e l’uso necessario delle risorse da parte di una varietà di materiali con scarsità e restrizioni di accesso.

Il cobalto utilizzato nelle batterie per Apple, Microsoft e Volkswagen è estratto da bambini di 7 anni

Gli estremi problemi e le conseguenze, ad esempio, dell’enorme inquinamento e delle decine di migliaia di bambini schiavi (40.000 bambini schiavi in ​​Congo), in connessione con l’estrazione delle materie prime necessarie sopra menzionate, sono anche aspetti come il clima-religioso creatosi con la fobia del CO2, che raramente viene presa in considerazione.

Quando si lamentano del lavoro minorile e della schiavitù, molti religiosi del clima sembrano legittimi solo in relazione alla produzione di abbigliamento e non alla produzione di batterie per le auto elettriche che guidano gli stessi religiosi del clima.

O che le stesse risorse naturali limitate sono anche indispensabili per la produzione di una serie di altre cose letteralmente vitali nelle nostre comunità.

Raramente la parola doppia moralità si è affermata più che nel descrivere le conseguenze pratiche e i paradossi della religione del clima, e le varie tragedie umane e catastrofi ambientali a seguito della produzione di auto e turbine eoliche a emissione remota, ecc.

Con la società e la tecnologia odierne, le auto elettriche / auto a emissione remota e i parchi eolici sono in gran parte solo politiche simboliche per i religiosi climatici, che in pratica sono tutt’altro che ecocompatibili.

Av HELGE LEIKANGER.

Fonte:
I co-firmatari, come il prof. Herrington, fanno parte di SoS MinErals, un programma interdisciplinare di ricerca NERC-EPSRC-Newton-FAPESP incentrato sulla scienza necessaria per sostenere la sicurezza dell’approvvigionamento di minerali strategici in un ambiente che cambia. Questo programma rientra nel tema strategico di NERC sull’uso sostenibile delle risorse naturali (SUNR).

Fonte:
i co-firmatari, come il prof. Herrington, fanno parte di SoS MinErals, un programma interdisciplinare di ricerca NERC-EPSRC-Newton-FAPESP incentrato sulla scienza necessaria per sostenere la sicurezza dell’approvvigionamento di minerali strategici in un ambiente che cambia. Questo programma rientra nel tema strategico di NERC sull’uso sostenibile delle risorse naturali (SUNR).

Sono: il
professor Adrian Boyce, professore di geologia applicata presso il Centro di ricerca ambientale delle università scozzesi

Paul Lusty, Team Leader per i depositi di minerali e materie prime presso il British Geological Survey

Dott. Bramley Murton, capo associato delle geoscienze marine al centro nazionale di oceanografia

Dott. Jonathan Naden, responsabile del team di coordinamento scientifico del programma NERC SoS MinErals, British Geological Society

Professor Stephen Roberts, professore di geologia, School of Ocean and Earth Science, Università di Southampton

Professore associato Dan Smith, Geologia applicata e ambientale, Università di Leicester

Professoressa Frances Wall, professore di mineralogia applicata alla Camborne School of Mines, Università di Exeter.

Fonte: https://www.abcnyheter.no

Aiuta L’informazione Indipendente, Toba e’ Sempre di Corsa e non vuole Fermarsi

L'Energia Pulita
Sole, acqua, vento… le fonti di energia rinnovabili
€ 11,00

Le Energie Rinnovabili
€ 7,50

Quale Energia per il Futuro?

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *