toba60

Manos Danezis ed il Bosone di Higgs: Cosa ci Nascondono sulla Morte

Siamo Stati Censurati, Quindi Condividi Questo Articolo

Nei secoli il giudizio universale e’ stato sempre stato delegato ai leader religiosi che attorno a questa loro privilegio hanno creato attorno a se un autentico clima di terrore, come se la vita in sé non fosse abbastanza difficile.

Tu in inferno e lui in paradiso e se non ti vaccini una sosta in purgatorio in attesa di essere redento per qualche altra destinazione.

La scienza è altra cosa, ma pure questa si e’ trovata a non avere più alcun punto di riferimento e ipotizza un mondo che non c’è, confidando non più in Dio ma nel fatto inequivocabile che possono solo Esserlo, ecco il vero conflitto che separa gli uomini.

Coloro che fanno affidamento alla grazia ricevuta in terra e quelli che il problema non se lo pongono nemmeno, nella consapevolezza che si o si una volta emanato l’ultimo respiro verranno a conoscenza di tutto.

Toba60

Manos Danezis ed il Bosone di Higgs

“Quando diciamo che qualcuno nasce o muore, intendiamo scientificamente che la capacità di percepirlo si perde o appare ai nostri sensi”.

Tempo fa una notizia ha fatto il giro del mondo, definendola la più grande scoperta scientifica degli ultimi anni: i ricercatori del Cern hanno finalmente individuato la tanto pubblicizzata Particella di Dio, o Bosone di Higgs, come è ufficialmente conosciuta.

Secondo gli scienziati, questo è l’elemento primario della materia che rivelerà tutto quello che non sappiamo sulla natura della realtà e dell’universo dal momento della sua creazione fino ad oggi. Una scoperta che dovrebbe capovolgere la nostra visione del mondo.

Così, mentre le recensioni entusiastiche su questa grande scoperta andavano e venivano, abbiamo deciso di chiedere il parere di un esperto, una vecchia conoscenza di ABATON, il professore assistente di astrofisica all’Università di Atene, Manos Danezis.

Nella discussione che segue, il Dr. Danezis ci dice che il modello di materia che conoscevamo è ora radicalmente cambiato e ci rivela qual è in realtà la sostanza materiale dell’uomo. Nel contesto di questa “nuova realtà” anche la morte potrebbe essere superata!

Professor Danezis, so che lei sta seguendo con grande interesse ciò che sta accadendo al CERN.

Come commentare gli ultimi assordanti sviluppi?

Lasciatemi iniziare dicendo che ho un rispetto illimitato per tutti gli scienziati che stanno lottando per trovare qualcosa di nuovo che promette di cambiare le nostre vite. Ma quello a cui mi oppongo è tutto il marketing che comincia a diffondersi intorno alla scienza. In altre parole, c’è un tentativo di umiliarlo in termini di mercato.

La ricerca sulla scoperta del Bosone di Higgs è l’unica ricerca che è stata glorificata e pubblicizzata come un grande evento prima ancora di essere scoperta.

Stiamo parlando di qualcosa di puramente non scientifico. Ci vogliono molte ripetizioni di un esperimento, la verifica e la valutazione dei dati da parte del resto della comunità scientifica per ottenere qualcosa di ufficialmente pubblicato. Ci deve essere una “sofferenza scientifica” prima di iniziare a fare annunci. Non organizziamo celebrazioni e feste per qualcosa che dobbiamo trovare.

Ma tutti i media hanno presentato la scoperta della particella come un fatto…

Attenzione, nessuno ha detto di averlo trovato. Hanno detto che abbiamo un’indicazione che potrebbe esserci qualcosa lì. Lo stesso direttore del CERN ha esortato i suoi colleghi ad essere pazienti, prudenti e cauti nelle loro aspettative. Alla domanda dei giornalisti su come si sentisse riguardo all’imminente scoperta del bosone, ha risposto che la fisica non è una questione di emozioni ma di logica.

Ma a parte la moderazione, ci sono molte persone serie che sono scettiche sulla questione e mettono in dubbio che la particella subatomica sia il santo graal della scienza.

Il giornalista del Guardian Andrew Brown è un portavoce di questo punto di vista e in un articolo dice in una parola: “La denominazione del bosone come particella di Dio è stata una brillante mossa di marketing perché tutti hanno registrato immediatamente la sua esistenza nella loro memoria senza arricchire effettivamente la loro conoscenza su di essa. Altrimenti, gli scienziati non sarebbero stati in grado di assicurarsi le sovvenzioni che sembrano aver vinto”.

Come potete vedere, ci sono diversi giochi in corso qui. Tuttavia, quando lo troveranno e lo pubblicheranno ufficialmente, il resto della comunità scientifica potrà dare la sua opinione.

Ma perché la sua scoperta è così importante?

Perché saremo in grado di tornare alle radici di ciò che chiamiamo “materia”. È ancora un mistero irrisolto cosa sia. Ma che la materia provenga dal bosonio di Higgs o da qualcos’altro, non ha niente a che vedere con ciò che abbiamo conosciuto, cioè la sostanza che elaboriamo con le nostre mani e i nostri strumenti e che si sente attraverso i nostri sensi.

E tutti questi corpi e oggetti che ci circondano?

Là fuori, nell’universo, non c’è niente di tutto ciò. C’è solo un oceano di energia bollente. Questa energia colpisce i nostri organi, ne prendono una parte, la trasferiscono attraverso i neuroni al cervello e lì l’energia si trasforma in ciò che chiamiamo il mondo sensibile.

Quindi il mondo che vedo e sento è in realtà costruito nella mia testa?

Esattamente!

Ma anche noi umani apparteniamo a questo “mondo”. Cosa succede alla nostra stessa esistenza?

Democrito ci dice chiaramente che “tutto ciò che i nostri sensi percepiscono è falso”.

L’unica cosa reale è ciò che il nostro intelletto percepisce”. Platone dice la stessa cosa.

Per cognizione intendiamo la coscienza, che è identica al concetto di spirito e di libertà. Penso, dunque esisto. Una volta che abbiamo la cognizione, abbiamo l’esistenza. Il nostro substrato materiale (i nostri corpi) fa comunque parte del mondo fisico.

E poiché la nuova scienza ha cambiato il vecchio modello di legge naturale (materia, spazio, tempo), concludiamo che ciò che chiamiamo “uomo” è anche un costrutto dei nostri sensi.

Quindi non siamo niente?

No, noi siamo qualcosa di molto di più, solo che nel nostro stato attuale non possiamo afferrarlo. Guardiamo la cosa su un altro piano: secondo la teoria della relatività, ciò che chiamiamo materia non è altro che una curvatura dello spazio tridimensionale verso la quarta dimensione (il tempo).

Quando questa curvatura delle tre dimensioni verso la quarta dimensione si presenta, e se supera una soglia minima, allora la fisiologia umana percepisce questa curvatura come una densità di energia materiale.

Se questa densità di materia continua ad aumentare (il “pozzo” di curvatura si approfondisce in qualche modo) e raggiunge di nuovo un massimo, allora perderemo dai nostri occhi, cioè dai nostri sensi, questa densità di energia materiale. Questo è chiamato l’Effetto Macchia Nera.

Quindi, se prendo lo spazio di tre dimensioni e comincio a curvarlo verso la quarta, cominciamo a vedere il substrato materiale dell’uomo. Noi la chiamiamo crescita. Se cominciamo a restringere il “pozzo” di curvatura, lo chiamiamo decadimento.

Chiamiamo crescita e decadenza insieme il ciclo della vita dell’uomo. Così capiamo che l’unico evento che i nostri sensi non possono percepire è la fluttuazione della quarta dimensione, che ci dà il senso dell’esistenza della vita.

Sembra che ci sia la possibilità, attraverso questa funzione, di uscire dal ciclo della decadenza.

Potremmo forse evitare la morte.

Teoricamente, sì. Poiché la nostra esistenza materiale non è altro che una curvatura dello spazio, l’elemento primario che dà origine a questa materia e che comincia ad essere governato in termini di crescita/decadimento è lo spazio.

Lo spazio, per darvi un’idea, è questo nulla, l’impercettibile che ci circonda; una costruzione fuori dalla possibilità dei sensi umani. Un fatto matematico. Beh, non è perso, esiste sempre probabilmente pronto per essere piegato di nuovo.

Dopo tutto, quando diciamo che qualcuno nasce o muore, intendiamo scientificamente che la possibilità di essere percepito dai nostri sensi si perde o appare.

In astrofisica diciamo tutto questo sulle stelle. Cioè, per dire che da qualche parte c’è l’idea della formazione di una stella, la densità dell’energia materiale deve essere di un valore o più.

“Come sopra così sotto” secondo il noto detto ermetico…

Abbiamo un senso di individualità e di divisione. Tu sei tu e io sono io. La divisione, il taglio in tanti pezzi è un prodotto della capacità del nostro cervello e della nostra fisiologia. Là fuori nell’universo non ci sono intersezioni, tutto è Uno. C’è un componente, volete chiamarlo energia, volete chiamarlo vuoto invisibile, volete chiamarlo Dio? Questa singola creazione, questa energia bollente là fuori, quando viene assunta dalla fisiologia dell’uomo, crea delle intersezioni, crea delle individualità.

A causa di questa nuova prospettiva, la scienza moderna epura la materia dal suo antico trono?

Un’intera civiltà, quella occidentale, si è basata sul contenuto concettuale di ciò che chiamiamo materia. Che è il fatto primario dell’universo. Così, poiché la materia è il fatto universale primario, abbiamo iniziato nella nostra vita a cercare la materia e i suoi derivati, sacrificando per essa tutti i nostri valori, idee e “credenze”.

Siamo arrivati al punto di umiliarci per poter acquisire la materia e i suoi derivati. Ma presto la materia perderà questo carattere di valore. Perché non siamo più materia!

Una tale dichiarazione potrebbe portare a cambiamenti spaventosi…
Esattamente. Ma immaginate un uomo che ha realizzato il suo carattere superiore e il suo ego superiore, all’interno di un’unità universale; cosa chiederà alla società? Chiederà altri beni, che l’attuale struttura sociale non è pronta e non può fornire.

Quando si dice che tutto è uno, si perde il senso di individualità, di “io”. Rendendosi conto che non è questa carne deperibile, non è una cosa, ci si renderà conto che ciò che i sensi vedono è un’immagine, matrix.
E perché l’immagine esista, deve necessariamente esserci il suo modello da qualche parte; se comincia a cercare questo modello, allora niente lo tratterrà più.

Una società che metterà la carne al secondo posto, senza ovviamente ignorarla, è pericolosa per la vecchia civiltà. C’è dunque bisogno di una conversione, di un meta-pensiero?

Esattamente, ma questa conversione è dolorosa. Dobbiamo cambiare la nostra coscienza.

In pratica quale potrebbe essere il primo passo per una tale conversione?

Il problema di una società è la paura. Tutto il male che sorge nell’uomo è dovuto alla paura. La paura è creata dal concetto di bisogno. Ho paura perché sarò privato di qualcosa di cui ho bisogno.

Quando creo falsi bisogni, creo paure inutili. Così l’inflazione dei bisogni crea l’inflazione delle paure. E un uomo timoroso non potrà mai essere un uomo libero.

Ecco quindi il primo passo: ridurre i nostri bisogni ai nostri bisogni fisici, ridurre le nostre paure alle nostre paure fisiche.

Così ogni giorno diventeremo sempre più liberi.

Christos Elmazis

Fonte: epsilonellas.gr

SOSTIENICI TRAMITE BONIFICO:
IBAN: IT19B0306967684510332613282
INTESTATO A: Marco Stella (Toba60)
SWIFT: BCITITMM
CAUSALE: DONAZIONE

Comments: 0

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

*

code